problemi con il mio ragazzo, e innamorata di un altro...

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
catery83
Messaggi: 2
Iscritto il: 23 dicembre 2011, 10:35

problemi con il mio ragazzo, e innamorata di un altro...

Messaggio da catery83 » 23 dicembre 2011, 12:36

Vivo una storia seria da 4 anni con il mio ragazzo, O., fidanzati in famiglia, lui separato dopo 7 anni da una storia precedente, prossimo al divorzio consensuale. L'ho conosciuto in un periodo che stavamo male per una storia finita, lui molto dolce, bravo ragazzo, molto intelligente ma anche insicuro, tranquillo, calmo, accetta di tutto, ha molti principi e con una differenza di età rispetto a me di 11 anni, io ne ho 28.
già da un anno, però, il nostro rapporto è cambiato, dà tutto per scontato, fa le cose come se fossimo già sposati, quindi non c'è dialogo se non per riportarmi la sua agenda della settimana di cosa vuole organizzare,del suo lavoro, e niente ormai viene fatto per caso, o al momento... a lungo andare mi sono annoiata e quando lo voglio vicino e voglio che mi dedichi il suo tempo per me, con coccole e parlando, lui si defila dopo poco tempo, come se non fosse capace di farlo.
Poi dal lato fisico, molto spesso quando avevo voglia di intimità con lui, il più delle volte era sempre stanco , mi capitava che era sempre lui a decidere quando e quindi non gli ho mai detto di no, solo che per amore e se si ha desiderio di una persona, anche se non si è proprio in forma, penso che è lo stesso bello passare quei momenti insieme, anche se possono sorgere problemi... ma non sono lì a giudicarlo. poi è subentrato un periodo nero sia al lavoro che in famiglia, tanto da entrare in depressione e non uscirne più.
un giorno un ragazzo, I. con cui vedevo da me a lavoro 2- 3 volte all'anno e lo sentivo solo su messenger rare volte, ha fatto capolino dentro me... già ci conoscevamo da 8 anni, aveva dimostrato interesse nei miei confronti, ma l'ho rifiutato perchè ai tempi ero felicemente fidanzata con il mio ex... ma da quel giorno lo vedevo con occhi diversi, anche se non me ne accorgevo neanche io all'inizio. poi da una sua frase che mi ha fatto capire che avrebbe voluto incontrarmi, tutto è cambiato, abbiamo cominciato a vederci di nascosto quelle rare volte che era possibile e sentirci per telefono tutte le volte che potevamo, e fra desiderio, passione, rispetto, affetto, amicizia ... anche l'amore ci ha pervaso la testa e il cuore... di lui mi piace il suo modo di vedere le cose, non gli piace che gli si vengano messi i piedi addosso, rispetta il prossimo ed è molto generoso anche lui, ma mi da più sicurezza, lo sento più uomo e mi sa prendere come nessun altro è mai riuscito, ho parlato con lui di cose mie segrete e senza vergogna, mi sento libera a 360°, cosa che non riesco con il mio ragazzo per paura di essere giudicata.
I miei ormai sono molto attaccati a O.,o cmq penso che siano più attaccati ai loro interessi, perchè almeno non dovranno più pensare a me, a mantenermi e lasciarlo non mi è facile, anche perchè lui mi dà anche una sicurezza economica perchè ha un buon lavoro e la sua famiglia è molto affezionata a me, con buoni principi ecc. e non vorrei pentirmene di lasciarlo, ma mi ripeto spesso che se non provo più emozioni e non riesco a rinforzare il nostro rapporto, penso sia tempo perso...
con i miei familiari non è possibile dialogare, fin da piccola non mi hanno dato la possibilità di crescere da sola e maturare e prendere le decisioni da sola, sono cresciuta con la paura di sbagliare sempre, perchè a loro è più comodo che io faccia quello che dicono loro, e non riesco a dire di no se non mi va una cosa, ho sempre detto si per rispetto, per bontà, gentilezza, educazione, e per la pace... solo che così non la trovo più per me stessa. faccio un lavoro autonomo che non mi piace e che non sono portata, e i miei continuano a dire che non c'è altro, quando poi penso che se non guadagno niente e pago solo bollette e tasse , non cambia la situazione. lavoro come subagente assicurativo con provvigioni e sono la titolare, e ho passato periodi di ansia forti a causa dei soldi, vorrei trovarmi un lavoro adatto ai miei limiti e che non mi dia troppe responsabilità, ma è come cercare un ago in un pagliaio... tutto questo mi ha sempre portato a cercare la via più facile, perchè nessuno mi da conforto e aiuto e sostegno per cambiare le cose ed essere sicura di me stessa... so che tutto parte da me, ma da sola come partenza non posso farlo, almeno credo sia così... sono arrivata a pensare anche di suicidarmi, perchè non riesco a fare più questa vita, in un paesino che non da niente e la gente è sempre lì a giudicarti x tutto... ho da poco chiuso con I., perchè non mi piace stare con due persone contemporaneamente perchè mi fa stare male a lungo andare,e ho deciso io anche per I., perchè come gli ho detto, preferisco riprendere un pò di stabilità e concentrarmi sul rapporto con il mio ragazzo per capire se si può aggiustare qualcosa. già è da una settimana che piango continuamente, penso a I. perchè penso di amarlo e di non poter vivere senza sentirlo, senza aver lui nella mia vita... ma non lavora e vive ancora con la madre che è invalida e da quando lui era piccolo, non gli ha mai dimostrato affetto, ma è legata a lei, perchè ha solo lei e non vuole abbandonarla, perchè la deve seguire e non può lasciarla sola, e dovendo pagare una badante, se riuscisse a trovare un lavoro anche modesto non gli resterebbe granchè di guadagni per farsi una propria vita da solo...quando ho chiuso con lui, gli ho solo chiesto di non essere come me, di avere il coraggio di pensare alla sua vita e di saper vivere da solo, anche se non è facile... di trovarsi un lavoro... perchè io vorrei tanto vivere con lui, ma non si vive di solo amore purtroppo... cerco di metterlo alla prova ma non so che frutti avrò... so solo che mi manca da morire, che mi vengono sempre attacchi di panico da quando lui non c'è più, e a volte sono tentata di chiamarlo per riavvicinarmi a lui di nuovo, anche se non ho ancora sistemato la cosa con il mio ragazzo, ma mi trattengo ancora a farlo perchè non vorrei fargli ancora più male ( già altre 2 volte ci eravamo staccati senza successo) se io non mi impongo nelle mie idee e decisioni... vorrei che lui iniziasse a vivere e a conoscere un altra persona che può dargli tutto e che sopratutto può vivere una storia alla luce del sole... lo penso veramente anche se mi fa stare malissimo, non so se i miei mi faranno vivere una vita come la desidero io... penso di amarlo sul serio... non so se chiamarlo è un bene o un male, non riusciamo a stare lontani l'uno dell'altra, ma questa volta ho paura di rompere il suo equilibrio.... aiutatemi, se qualcuno ha vissuto qualcosa del genere mi può capire, penso.... grazie comunque... :cry: :(

catery83
Messaggi: 2
Iscritto il: 23 dicembre 2011, 10:35

Re: problemi con il mio ragazzo, e innamorata di un altro...

Messaggio da catery83 » 23 dicembre 2011, 13:09

aggiungo dicendo che da quando portavo avanti tutti e due le storie, negli ultimi due mesi, non sono più riuscita a fare l'amore con il mio ragazzo, non mi rilasso più e non sa darmi più piacere, anzi non so perchè ma in alcuni momenti sento solo solletico appena mi tocca. a volte ho cercato di indirizzarlo, di aiutarlo, ma non è servito a molto, perchè adesso evito di stare sola a casa sua per non fare l'amore con lui. ho avuto avance anche da altre persone, anche molto più grandi, ma anche se ci potesse essere curiosità da parte mia, non riesco neanche a pensarlo di fare l'amore con qualsiasi altra persona che non sia I. ... non so dove trovare il coraggio, e due giorni fa quando ne ho parlato con una psicologa, mi ha solo detto che il momento giusto arriverà quando sarà il cuore a parlare, di ascoltare il cuore e non la mente che è piena di cose che mi hanno inculcato anche male i miei genitori o altre persone che mi hanno gestita come vogliono... grazie ancora per chi mi risponderà...

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Re: problemi con il mio ragazzo, e innamorata di un altro...

Messaggio da Twilight » 16 gennaio 2012, 18:15

guarda...francamente a me sembra semplice la cosa, non semplice da fare, ma semplice concettualmente. ti sei innamorata di un altro, hai tradito in tuo ragazzo con questo, hai deciso di lasciare l'amante per la stabilità (triste cosa...mamma mia) e per recuperare (recuperare cosa? mi pare che dentro di te le cose siano ben chiare, ami l'altro non lui), quello che devi fare lo sai..non c'entrano niente le famiglie e quanto sono legate loro al tuo fidanzato, quando non c'è più amore cosa c'è da recuperare? ci sono trucchi magici per farlo germogliare di nuovo? io non ne ho mai trovati e li ho cercati disperatamente..per quanto mi riguarda se in una storia ci sono problemi concreti questi si possono risolvere in 2, se ci sono problemi "astratti" come la degenerazione di un sentimento allora non si possono risolvere, nè da soli nè tantomeno in 2...questo per come la penso io e per come l'ho vissuta io nelle mie storie. quando poi subentrano altre persone, ci sono tradimenti, menzogne, mancanze di rispetto, sentimenti per altre persone...allora tutto diventa una presa in giro, specialmente per se stessi.
a questo punto se ti vuoi sacrificare per la stabilità di una relazione lunga allora ti conviene chiuderti in casa..perchè di persone per cui perdere la testa ne incontrerai altre, te lo assicuro...ti capiterà...e saranno tutte un capro espiatorio..la ricerca di una via d'uscita da parte del tuo istinto di sopravvivenza..
decidi tu cosa vuoi e cosa ti conviene fare..vivere nella frustrazione ma senza prendere decisioni difficili, accontentando i genitori, senza essere (apparentemente) la causa di una sofferenza altrui (ma essendola comunque..purtroppo) oppure vivere libera con la coscienza a posto, vivere la tua vita, non quella che gli altri si aspettano che tu viva.
in bocca al lupo
Immagine

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”