Pagina 1 di 1

Cacciatore e vegetariana

Inviato: 11 gennaio 2012, 13:48
da Weimar
Una relazione che ritenevo impossibile, ed invece.......
Io sono vegetariana e contro ogni forma di violenza sugli animali, figuriamoci cosa penso dei cacciatori.
Mi sono però innamorata e tra tanti proprio di un cacciatore.

Pensavo all'inizio di poter tollerare questa diversità, sono per la libertà di scelta e per il rispetto dell'altro, e proprio per questo mi confronto benissimo con chi mangia carne e fa scelte diverse dalle mie, ma non sono tollerante con chi fa del male in maniera volontaria e soprattutto senza necessità vera e provando piacere per quel che fa.
Più mi innamoro e più tengo a lui e maggiore diventa il disgusto per quello che fa. Non riesco ad amarlo al 100%. C'è una percentuale che non so definire che mi porta a detestarlo. Lo detesto quando ride con i suoi amici cacciatori, parlando dei posti migliori dove trovare selvaggina (lui caccia solo uccelli).

Il compromesso è stato quello di evitare che lui parlasse di caccia con i suoi amici (anche al telefono) quando sono presente e ovviamente di non farmi mai vedere il suo bottino di guerra, ma non mi basta.

Ogni volta che so che va, oltre alla preoccupazione che possa accadergli qualcosa c'è un senso di rabbia, di dolore, di tristezza che mi pervade.

Tutto questo crea delle situazioni di tensione. Lui va molto meno di come era abituato, ma non intende smettere ed io anche se lo vorrei più di ogni altra cosa al mondo non ho ne il diritto ne il potere di fargli prendere questa decisione.

Sapete, non si tratta di accettare la persona che ami per quello che è, in questo caso devo andare contro principi per me importantissimi e basilari. Il rispetto della vita di tutti gli esseri viventi per me è prioritaria e alla base del mio modo di vivere.

Comincio a pensare che sia meglio interrompere subito questa relazione prima di farsi ancora più male.

Grazie per avermi permesso questo sfoco. So che nessuno può scegliere per me, ma confrontarmi e discutere di questo con persone non coinvolte direttamente può aiutarmi a fare un pò di chiarezza.

Re: Cacciatore e vegetariana

Inviato: 11 gennaio 2012, 14:42
da Davide49
l'amore per diventare un progetto di vita credo che abbia bisogno anche di condivisione su valori che sentiamo essere valori di fondo.
per me uno di questi valori è il non uccidere, ferire, fare del male a scopo di puro divertimento altri esseri viventi, a maggior ragione se più deboli e più indifesi.
personalmente (parlo sempre per me) non riuscirei a essere felice di stare vicino a una persona che godesse di questo, fosse anche un premio nobel per la pace su tutto il resto.

Re: Cacciatore e vegetariana

Inviato: 11 gennaio 2012, 14:50
da Weimar
Grazie Davide,
questo è esattamente quello che pensavo io prima di incontrare questa persona, prima di provare la gioia di stargli accanto.
Ho dimenticato di scrivere una cosa secondo me rilevante: Lui adora tutti gli animali, non ucciderebbe mai un coniglio o una mucca, anche se mangia di tutto (e questa è la contraddizione che accompagna tutti coloro che amano gli animali e mangiano carne). Sembrerebbe che gli uccelli e anche i pesci (visto che ama anche pescare) abbiamo una valenza diversa nella sua testa, anche se poi l'ho visto io stessa più di una volta prendere uccelli in difficoltà per metterli in salvo e curarli. Credo che questa sua passione per la caccia sia dovuta ad un retaggio infantile (seguiva il padre a caccia sin da piccolo).
Inoltre adora la natura e ne ha grande rispetto ed in questo mi somiglia molto. Abbiamo anche altre cose in comune, ma questa sua passione sembra predominare su tutto e rischia di rovinare tutto.

Re: Cacciatore e vegetariana

Inviato: 16 gennaio 2012, 17:50
da Twilight
ma che contraddizione? è la catena alimentare, si possono amare gli animali, ma usarli per il proprio scopo, esattamente come farebbero loro con noi, trovati di fronte ad un leone affamato e prova a fermare la catena alimentare, non puoi...l'uomo risponde alla propria fisiologia, essendo onnivoro, ma non per questo non può voler bene a un cane a un gatto, o dire quanto è carino un vitello.
c'è più contraddizione in un vegano o vegetariano che usa un antibiotico quando ha la febbre a 40
detto questo, io sono onnivora, ma non tollero la caccia, non riesco però a capire questo immenso dolore che provi nello stare con una persona che va a caccia di qualche uccello, questo schifo che ti prende. tu hai fatto le tue scelte e le porti avanti con presunta coerenza, sai che non puoi imporle sugli altri, e lui su di te le sue non te le impone..non trovo che il tuo rispetto per la vita animale sia così "importante" da ostacolare una relazione con una persona che trovi valida solo perchè in autunno ogni tanto va per i boschi a sparare a 2 fagiani..non è solo questa la filosofia di vita, cioè non si risolve tutta in un hobby o nell'alimentazione...secondo me è una cosa priva di senso..per tutta la vita ti scontrerai e probabilmente vivrai con persone che la pensano diversamente da te, se non starai con un cacciatore starai con un onnivoro che al super comprerà le bistecche e le cucinerà sulle tue pentole, e se ti indigni per la caccia o la pesca dovresti indignarti anche quando uno cucina un pollo nel tuo forno..perchè è la stessa cosa anche se non lo uccide lui..cosa cambia? ti assicuro che non cambia niente...per te ci sarà una differenza macroscopica, ma in realtà non c'è, perchè trattasi sempre di cadaveri nell'ottica del vegetariano..e allora cambia poco se ad ucciderli è lui stesso o un altro.
è molto più importante che sia una brava persona, che sia rispettosa con le altre persone, piuttosto che coltivi altri hobbies...secondo me.
ho tanti amici vegetariani, sono stata ospite anche a casa loro, e per non mancargli di rispetto non ho mai cucinato carne nelle loro pentole, ma per lavoro ho ucciso delle cavie, questo non penso mi renda un mostro e non rende di sicuro i miei amici ostili nei miei confronti, non sono una persona peggiore perchè ho ucciso qualche ratto..e guarda che parlo di persone che non schiacciano neanche le zanzare che li stanno pungendo, te lo giuro, per me è un'assurdità, ma se io devo rispettare loro anche loro devono rispettare me e non giudicarmi per le mie scelte, perchè io non li giudico per le loro, pur avendo un ottica diametralmente opposta.
conosco e ho conosciuto cacciatori, pescatori, ricercatori, persone che hanno lavorato in un mattatoio...tutte normali, rispettose per il prossimo
quindi ok gli obiettivi comuni e i valori della vita...ma usiamo la giusta prospettiva. se pensi che questa persona possa valere, e se ti sei innamorata nonostante tutto io credo che valga, allora rifletti prima di interrompere..

Re: Cacciatore e vegetariana

Inviato: 17 gennaio 2012, 12:23
da Weimar
Grazie della tua opinione Twilight.
Il problema però è molto più profondo. C'è una differenza notevole tra chi uccide per divertimento, chi uccide per mangiare, chi uccide per lavoro (vivisezione). In ognuna di queste categorie ci possono essere persone degne di ogni rispetto e che semplicemente danno valore diverso alla vita degli esseri viventi.
Io anche ho molti amici onnivori, anche mia figlia lo è e non ho problemi. Ma la caccia è un'altra storia e soprattutto è un'altra storia quando con quel cacciatore vuoi viverci una vita insieme.
Non capisci il dolore che provo quando penso che lui è a caccia? E' lancinante, guardo in cielo, passa un uccello e immagino lui che spara a quella povera creatura, ma cosa più grave vedo il suo sorriso e la sua gioia nell'essere riuscito in quell'impresa e questo è devastante perchè una persona che dice di amare gli animali non può ucciderli a sangue freddo, può mangiarli forse (occhio non vede, cuore non duole o probabilmente non fare il lavoro sporco pulisce la coscienza).
Onestà sarebbe ammettere che alcune persone pensano che un cane sia meglio di un tordo o di un tonno. Queste persone potrebbero stupirsi nello scoprire di come invece quel tordo e quel tonno non abbiano nulla di meno di un cane e soprattutto non abbiamo meno diritto a vivere.

Per quanto riguarda la libertà altrui, credo di averla sempre rispettata, ma andare contro i miei principi vorrebbe dire non rispettare me stessa.

La coerenza totale è impossibile, ma questo non significa essere totalmente incoerenti. Ognuno di noi fa il suo meglio per raggiungere i propri obiettivi. Io sono vegetariana, magari riuscirò anche a diventare vegana, ma non costringerò mai le persone che amo a fare altrettanto.

Ora ho fatto la scelta di rimandare la decisione alla prossima stagione venatoria, visto che questa è ormai alla fine. In questi 8 mesi potrò scoprire che lui è per me è indispensabile e magari riuscirò ad accettare questa sua passione, oppure spero e fantastico sul fatto che avedo altri mille interessi da condividere quello della caccia resti un ricordo lontano.... o.... ancora potreti scoprire che invece altre cose ci dividono.

Re: Cacciatore e vegetariana

Inviato: 17 gennaio 2012, 14:27
da Davide49
ho apprezzato tantissimo questo intervento di Weimar, concordo con la pacatezza e l'equilibrio di quanto dice e come dice ciò in cui crede
volevo solo dirlo

Re: Cacciatore e vegetariana

Inviato: 18 gennaio 2012, 17:54
da Weimar
:wink:
Davide49 ha scritto:ho apprezzato tantissimo questo intervento di Weimar, concordo con la pacatezza e l'equilibrio di quanto dice e come dice ciò in cui crede
volevo solo dirlo