Pagina 1 di 1

Io, lui e... i videogiochi

Inviato: 12 agosto 2015, 17:16
da Crazy_Diamond
Ciao a tutti, sono una ragazza di 28 anni e da poco mi sono trasferita dalla mia città natale per andare a convivere col mio ragazzo e i suoi genitori. Stiamo insieme da quasi 4 anni e mezzo e i primi 3 anni e mezzo li abbiamo vissuti a distanza, durante i quali ci vedevamo solo la domenica (a parte qualche piccola vacanza o sotto le feste in cui ci organizzavamo per stare insieme qualche giorno in più). Abbiamo molte cose in comune, lo vedo come una persona solida, affidabile e mi ha molto aiutato con i miei problemi di ansia e panico, che ha sempre accettato e non mi ha mai fatto pesare. Ma da quando sono venuta a vivere con lui e la sua famiglia (in attesa di una situazione economica migliore che ci permetta di andare a vivere per conto nostro) è sorto un problema (e non sono i suoceri :lol: ). In pratica lui gioca ad un gioco al pc, un gioco di avventura su piattaforma dove si gioca in squadre e lui mentre gioca porta le cuffie col microfono e parla con altre persone. Il problema è che sta sfiorando (se già non lo è) la dipendenza! Da quando sto qui è come se non ci fossi, sta sempre attaccato a questo gioco e quando "stacca" pare sempre nervoso, come se tornare alla vita reale gli scocciasse; lo vedo allegro e felice solo quando gioca e ride e scherza con questi altri tizi (tra l'altro lui ha 31 anni, gli altri sono ragazzetti di 16 anni). Questa situazione sta diventando un vero problema, gliel'ho fatto notare io come i suoi genitori: quando gioca (nella nostra camera da letto) non è possibile fare altro perchè quando gioca si anima e comincia a parlare ad alta voce, e questo mi impedisce di leggere, vedere la tv, riposare perchè è tutto disturbato da questo suo urlare. Anche i genitori lo richiamano per questo perchè strilla e spesso impedisce a suo padre di riposare (mio suocero va a letto presto perchè la mattina va a lavorare all'alba). Quando non sta attaccato a questo maledetto videogame si attacca ai giochini al cellulare; ormai non è più in grado di stare in mezzo alla gente, durante pranzi o cene con amici e parenti sta sempre a giochicchiare al cellulare, facendo tra l'altro anche la figura del maleducato. Io mi sento completamente messa da parte, anche perchè in questa nuova città non conosco nessuno, non posso uscire senza che nessuno mi accompagni perchè viviamo in una zona di campagna in cui si può uscire solo in macchina e io non ho nemmeno la patente, ancora qui non ho trovato lavoro, insomma io sto in una situazione molto "ferma" e lui non mi sta davvero aiutando. Premetto che quando la nostra storia era ancora a distanza io di questo videogame non avevo mai sentito parlare... notavo ultimamente che voleva ripartire dalla mia città sempre prima (per la scusa del traffico), che le telefonate si erano un pò diradate, ma non aveva mai nominato questo gioco... di queste dinamiche mi sono accorta da quando sto qui. Spesso è capitato che mi sono addormentata a letto da sola perchè lui ancora stava al pc, ogni volta che dobbiamo pranzare o cenare è un'arrabbiatura perchè lui ci mette due ore a venire a tavola perchè una volta iniziata una partita non gli è concesso di interromperla. Credetemi non so più come comportarmi, se essere tollerante, se minacciarlo di andarmi a cercare un altro, se semplicememte andarmene... io gli ho detto espressamente che in queste condizioni non accetterò mai di andare a vivere con lui da soli perchè non posso starmi sempre ad incavolare perchè invece di pensare alle cose serie passa le giornate a giocare al computer... lui mi ha detto che sa benissimo che in quel caso la situazione col gioco cambierà ma io non mi fido assolutamente. Sono arrivata alla conclusione di credere che se io domattina all' improvviso facessi le valigie e me ne andassi a lui non cambierebbe nulla, basta che non gli si toglie il videogame... Se vi va aiutatemi a fare chiarezza.. :D

Re: Io, lui e... i videogiochi

Inviato: 26 agosto 2015, 16:52
da leo
Un consiglio spassionato?

Se viveste insieme ti direi: trattalo come un bambino, visto che si comporta da tale, mettigli sotto sequestro lo smartphone ed il pc e vedi come reagisce. E ne parlate SERIAMENTE...

Ma visto che sei ospite, posso solo consigliarti di dirgli: "o mi dimostri che puoi fare a meno del gioco per un mese, o me ne vado"
E se fa storie te ne vai, ma subito, senza manco salutare!

Cazzo, scusa ma a 31 anni non è accettabile di stare tutto il giorno a giocare ai videogiochi. Anche se la situazione economica è pessima ci siete voi due e ci son mille cose che potete fare assieme.
Capirei se fosse un genio che sta tutto il giorno dietro a formule matematiche o un grande artista che s'aliena dalla realtà...

Ma i giochini da ragazzi massimo 19enni proprio no !!

Re: Io, lui e... i videogiochi

Inviato: 14 settembre 2015, 13:50
da Antonietta Albano
Cara,
credo si tratti di una situazione complessa: riguarda si il compagno che tutto fa, tranne che fare il compagno; la sua ossessione (?) per questi giochi; il suo isolamento... ma soprattutto mi chiederei: cosa ci faccio io qua? Di che cosa ho bisogno?

Un confronto di coppia e per la coppia sarebbe, davvero, importante!

Rifletterei molto anche sui bisogni individuali...


Un in bocca al lupo,
Di cuore

Antonietta