VOglio solo scomparire...aiutatemi

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
lauracrescente
Messaggi: 1
Iscritto il: 24 aprile 2017, 16:10

VOglio solo scomparire...aiutatemi

Messaggio da lauracrescente » 24 aprile 2017, 16:15

Non ce la faccio, non ho mai capito un cazzo di me. Sono fidanzato da due anni con una bellissima ragazza che mi ha dato tutto, solo io avverto da più di dieci anni una sensazione di vuoto e mancanza che con il tempo si aciusce sempre di più. Ho cercato di allontanarla e mi sono convito che da solo potessi stare meglio, non ci sono riuscito perché in realtà da solo non posso stare. L'ho tradita a pagamento con una transessuale, ho esaudito una fissazione che non ho mai compreso o accettato. Ho avuto paura di essere gay, pansessuale, bisessuale ecc ecc ma quello che ho realmente capito e ammesso finalmente a me stesso è che sono, contemporaneamente, sia uno che donna, a volte più l'uno, a volte più l'altro.
E comunque mi piacciono le donne...ora dopo anni e anni e anni di infelicità depressiva vorrei solo essere felice, vorrei dirlo a lei e condividere con lei questo mio lato che ha sempre un pochino aleggiato nell'aria.
Il tradimento fatto non ha avuto alcun valore emotivo per me se non quello di ferirmi e farmi ancor più del male, mi sono lacerato, mi sono convinto di poter stare solo e di poter essere razionale, ma in realtà ho un gran bisogno di tutti e tutte, ho bisogno di lei.

SECONDO VOI è giusto confessarle anche il tradimento? Tradimento di cui non solo mi sono pentito ma di cui sto soffrendo come un cane e che non ricapiterà mai più, perché è stata solo la mia mente, il mio inconscio a spingermi verso la direzione più vicina alla mia natura, ma non per un interesse specifico verso i trans. Io ho anzi vissuto tutto questo come un grande dolore, e non mi sono perdonato.

​Cosa devo fare? E' egoistico dirle tutto vero? Rischio di perderla, rischio di farle del male sul serio. Ma allo stesso tempo stare con lei con questo segreto del tradimento, anche se le dicessi che sono bigender e lei l'accettasse, non sarebbe comunque farle credere di avere accanto una persona diversa da quella che pensa?

Non so cosa fare, non mangio, mi sento male come non lo sono mai stato e non sto trovando la forza in niente...mi trascino..vorrei solo sparire, scomparire..aiutatemi

Alipsico
Messaggi: 1
Iscritto il: 28 aprile 2017, 12:28

Re: VOglio solo scomparire...aiutatemi

Messaggio da Alipsico » 28 aprile 2017, 12:44

Ciao, ho letto la tua storia...immagino non sia facile andare avanti con questo peso addosso. Ma non credo che dicendolo a lei ti sentiresti meglio, né tu né lei...
Se non ha avuto nessun valore per te, non ha senso distruggere anche la vita della tua partner. Di sicuro, visto che la ami così tanto, non è quello che merita dal suo compagno. Le cazzate le facciamo tutti, ma un conto è riderci su soddisfatti di ciò che si è compiuto, un conto è pentirsene. Da ogni tua parola si percepisce il dolore che provi. Ma non farti inghiottire dal dolore. Non serve a nessuno. Rendere felice qualcuno è il miglior modo per dimenticare le stronzate che si fanno e per constatare che non si è bravi a fare solo cagate, ma si è capaci anche di altro. Rimettiti in gioco, magari supportato da qualcuno che sa come toccare i propri punti dolenti.
Per qualsiasi cosa......non esitare a scrivere.

Alipsico

alessini
Messaggi: 9
Iscritto il: 20 agosto 2017, 4:32

Re: VOglio solo scomparire...aiutatemi

Messaggio da alessini » 20 agosto 2017, 16:07

non dire nulla non servirebbe a nulla

Avatar utente
InnerEye
Messaggi: 14
Iscritto il: 16 dicembre 2016, 20:16

Re: VOglio solo scomparire...aiutatemi

Messaggio da InnerEye » 25 agosto 2017, 17:13

Ciao Lauracrescente,
Già il tuo nick fa pensare a una sorta di doppia vita, o doppia personalità :)
Sicuramente hai tanto che stai tenendo dentro e reprimendo, addirittura da 10 anni!
Credo che non sia giusto per nessuno, né per te né per la tua compagna e non porti la felicità di nessuno. Anzi, credo che sia del tutto naturale essere depresso nel tuo caso. Le nostre emozioni ci segnano la strada in maniera potente. E ti stanno dicendo 'così non va bene'.
Sono completamente in disaccordo con i consigli che ti ha dato un altro utente qua, e sono invece convinta che sia ora di dire tutto.
Tirare fuori tutto.
Il tuo tradimento è stato un atto di libertà. Per quanto senza coinvolgimento, non è senza senso, per quanto tu lo voglia cancellare forse tra qualche anno sarai contento di averlo fatto perché era lo shock di cui avevi bisogno probabilmente per accettare te stesso.
Hai fatto un atto in accordo con la tua natura, un atto diverso. Un impulso che ti impone di prendere atto di molte cose.
Apriti con la tua compagna, non avere paura di perderla o farle del male.
Se è la persona destinata a stare con te, deve conoscere questo lato di te, non credi?
Non è il tradimento in sé, ma la natura del tradimento che rende la cosa importante, il fatto che sei andato con un transessuale, tutto ciò che sta dietro a questo atto lo rende ben diverso da una 'cazzata' che si più nascondere sotto il tappeto e dimenticare.
Stai soffrendo e non credo sia vero che hai perdonato te stesso.
Non hai bisogno di confessare il tradimento per sgravarti la coscienza, hai bisogno di confessare il tradimento per confessare chi sei.

Prenditi tempo riordina le idee e poi parla con lei e con un amico o una persona di cui ti fidi.
Non buttare altro tempo vivendo in questa maniera, mi raccomando.
E soprattutto ricorda che tu hai diritto a tutto ciò, pieno diritto: diritto di essere chi sei, diritto di non sapere chi sei, diritto di esplorare chi sei, diritto a fare dei tentativi e degli errori, diritto di sbagliare anche se questo fa soffrire altre persone, la sofferenza si supera e si passa, fa parte della vita, soprattutto se si da all'altra persona la possibilità di sapere e reagire, agli altri dobbiamo l'onestà e il rispetto, dobbiamo dare loro la possibilità di scegliere, anche di allontanarci, di scegliere e difendersi, ma purtroppo nella vita non possiamo evitare che soffrano.
Non c'è nulla di sbagliato in ciò che hai fatto. Eri come stretto in una gabbia, una parte di te era come compressa e alla fine è esplosa, certo non nella maniera migliore o nella maniera che avresti desiderato, ma in quel momento la cosa forse ti ha sopraffatto. Ora si deve andare avanti, raccogliendo quello che è successo e non ignorandolo.

Un abbraccio!
Attiva il Venerdì mattina
Se vuoi parlare con me anche in altri momenti, inviami pure un messaggio privato :D

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”