sensi di colpa per ESSERE STATO tradito

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
Flaviooooo
Messaggi: 1
Iscritto il: 2 ottobre 2017, 18:50

sensi di colpa per ESSERE STATO tradito

Messaggio da Flaviooooo » 2 ottobre 2017, 19:06

Salve!
putroppo sono 5 anni di relazione e cerco di riassumerli il piu brevemente possibile.
spero vogliate leggere ed aiutarmi! grazie!

E' finita dopo 5 anni una relazione con una ragazza americana. io ora ho 26 anni.
i primi 2 anni tutto ok. Verso l'inizio del 3 anno, quando sono andato da lei a trovarla, lei mi ha iniziato a dire che voleva venire in italia a fare un master eccecc. ed io le dissi "fallo però per te e non farlo per me. non sacrificare il lavoro che qui ti piace per venire qui". lei " si si certamente bla bla bla". quando è venuta qui io ho passato un anno e mezzo brutto un po per cose mie ed un po per causa sua: non riuscivo ad essere me stesso a volte con lei. quindi ho inizaiato a chiudermi, le rispondevo male e piu lei mi stava col fiato sul collo, piu io mi chiudevo. Mi diceva " MI DEVI AMARE, IO HO BISOGNO DI TE!". io mi chiudevo sempre di piu fino al punto di dirgli che non so se l'amavo come prima, che a volte mi annoiavo con lei ecc.ecc. (quando è venuto qui in italia stavamo comunque in due citta diverse io al centro lei al nord). A luglio dell'anno scorso ero sotto esami e lei continuava a pressare e pressare fino a che una sera mi ha tenuto al telefono per 5 ore insultandomi, dicendomi che sono una merda, rinfancciandomi le cose, dicendomi che per san valentino quello stesso anno sono stato capace di fargli solo "una fottuta scatola di cioccolatini" invece lei voleva che gli facessi anche un semplice biglietto con scritto "ti amo"ecc.ecc. così sono esploso e gli ho detto di andare a fanculo che non la volevo piu vedere, ne sentire ecc.ecc. così ho fatto gli esami e poi verso agosto dell'anno scorso mi sono rimesso piu in "regola". ci siamo continuati a sentire dopo gli esami di luglio ma ad agosto ho cominciato a riprendermi, lei che mi diceva che i problemmi vanno affrontati insieme, io mi scuso per tutto, lei pure ecc.ecc. così per 1 ANNO (perchè la storia è finita ad agosto di quest'anno) io pensavo che stavamo andando avanti, che facevamo progressi: la chiamavo come lei voleva ma anche perchè io mi sentivo di farlo, le dicevo che mi mancava che l'amavo, per natale gli ho fatto un regalo che lei sapevo desiderava(impegnandomi quindi a capire cosa lei voleva), a san valentino le ho regalato uno sketchbook con una mia dedica dietro su quello che per me era il significato della parola "regalo" ecc.ecc. ma lei in quest'anno veniva fuori con " è, a volte ripenso a come eri, ho paura che lo rifai di nuovo, a volte leggo le vecchia email che mi mandavi i primi 2 anni ed eri così buono, così dolce" ed io la consolavo le dicevo che il passato è passato, che non puo ritornare ma che sono QUI, che sono QUI PER LEI! Lei diceva "si si la situazione è molto migliorata ora però...però...boh. ancora non è come era prima!".A volte mi chiamava arrabbiata per qualcosa che le era capitato ed io cercavo di risolvere il problema con lei invece lei mi diceva "MA PERCHè FAI COSì? NON MI DEVI AIIUTARE A RISOLVERE IL PROBLEMA VOGLIO CHE MI DICI"OH AMORE, MI DISPIACE PER QUELLO CHE è SUCCESSO, MI MANCHI!" queste cose mi lasciavano senza parole e non mi facevano certo venire voglia di aprire un dialogo.

gia da marzo mi diceva se a luglio volevo venire in america con lei. certo, le dissi!
poi verso gli inizi di giugno mi chiama dal nulla dicendo " ti lascio, non ce la faccio perch penso a come sei stato l'anno scorso, non voglio che vieni in america" io sbalordito nemmeno ci credevo le dico di aspettare e di riparlarne bene la stessa sera. la stessa sera è lei a richiamarmi dicendo " oddio pensavo che non mi richiamavi, scusa no no, voglio che vieni in america con me, non voglio lasciarti ecc.ecc.". il giorno dopo però richiama dicendo che non ce la e che mi vuole lasciare. il giorno dopo ancora mi dice invece che forse è meglio una pausa infine al ,4o giorno, mi dice "no no mi manchi tantissimo, ma perchè sei stato in quel modo l'anno scorso, io ti amo perchè mi hai fatto quello, voglio che vieni in america con me che puo essere un buon modo per risolvere e chiarirci, dobbiamo aver passione per l'altro, possiamo risolvere i nostri prblemi ecc.cc." quindi passa giugno ed io contento che la chiamo, mi sentivo felice nel farlo ecc.ecc. vado in america (ovviamente in america lei torna di nuovo fuori con quello che sono stato un anno fa però dopo una chiaccherata di 2 ore, mi prende la mano, mi dice che mi ama, io pure e la notte SCOPIAMO!)addirittura parlava di matrimonio, partivano i ti amo all'aeroporto, mi chiedeva se fossi tornato ancora, mi diceva se l'andavo a trovare in spagnaecc.ecc. torno dall'america, continuiamo con " mi manchi, si io pure" poi va in spagna ad agosto per un erasmus di 2 mesi e dal primo di agosto sento che è scostante, la sento poco così fino a che il 5 di agosto dico "che succede?" e lei " è perchè non riesco dimenticare ecc.ecc. sto male sto male" fino a che il 7 ci risentiamo, lunga chiaccherata in cui lei dice " non ce la faccio bisogna che ci lasciamo anche se ti amo ancora, no non dire che non ti amo piu che sai che non è vero, non diciamoci addio ma diciamoci ciao, non ti voglio tagliare fuori dalla mia vita così ecc.ecc."

per 5 giorni sto di merda poi prendo l'aereo perchè mi puzzava qualcosa e vado in spagna. lei dice " AH che gesto EGOISTICO VENIRE QUI, non puoi entrare nella mia vita così!" ed io dico che non possiamo chiudere una relazione di 5 anni per telefono, volevo piu spiegazioni e chiedo se ha un'altro e lei "NO, MA TI PARE NO NON HO UN ALTRO" continuiamo la conversazione e lei che dice "ah io voglio essere felice nella mia vita, la vita è troppo breve per essere infelici, voglio uno che mi dica "ti amo" tutti i giorni, LA RELAZIONE è FINITA PER COLPA TUA IO SONO BUONA! mi stavo curando in questi giorni e mi dicevo che anche se ti avevooù lasciato ce la potevo fare ed invece eccoti qui" mi dice che si aspettava che venissi a trovarla di sorpresa quando, invece, almeno 13 giorni al mese stavamo insieme, mi dice che vede coppie in giro che si regalano cartoline e fiori e che io lho fatto sotto una volta, mi rinfaccia tutto che è venuta qua per me, che quell'anno e mezzo sono stato cattivo ecc.ecc. io credo a tutto ci chiariamo piangiamo un pochino e la sera andiamo a cena.

FINE DELLA STORIA

La sera a cena vedo che scrive sul cellulare " MI MANCHI :* :*" ad un altro ragazzo. Io sapevo che con questoo ci messaggiava sin da febbraio ma non mi sono mai intromesso. Le dico "tu mi tradisci" e lei per ben 10 minuti negava che aveva scritto quel messaggio. quella notte riesco a fargli sputare che quella volta a giugno che mi chiamò dicendomi che mi voleva lasciare era perchè lui si era confessatoo a lei dicendogli che era innamorato e quando lei dal 1 al 5 di agosto non mi ha piu chiamato era perchè lui le diceva che la mancava tanto, che era una persona forte per essere venuta fino a qui per me, che voleva tanto essere li per lei ecc.ecc. Faceva la parte della vittima e non mi voleva dire nulla, ha perfino detto " NON MERITI LA MIA SINCERITA". mi dice" noo prima eravamo amici solo amici con luiecc.ecc." io insistevo col dire "mi dici che è successo? mi dici che è successo?" ma volevo sapere come era andato il tutto non se avevano scopato e lei dopo 15 minuti così mi dice "AH VUOI SAPERE SE ABBIAMO SCOPATO?" ed io candido le dico che non volevo sapere questo ma se mi dici così e me lo chiedi così allora avete pure scopato! lei non risponde.

COME STO ORA IO?
la storia è finita da un mese e qualcosa piu. ho parlato con il mio babbo, con mia cugina e con un mio amico (mia mamma non mi aiuta e non rispetta tanto il mio stato anche se è una brava donna) tutti, sopratutto mia cugina ed il mio amico, mi dicono che non c'è motivo di avere sensi di colpa, che ti servira tutto per crescere e capire meglio te stesso e gli altri ecc.ecc. oscillo tra momenti di felicita ed altri in cui sento la sua mancanza, tra momenti in cui sono speranzoso verso il futuro e verso nuovi incontri ed altri no. capisco che in questo anno io provavo a fare delle cose MA VEDEVA QUELLO CHE NON FACEVO (MAGARI SI RISENTIVA SE NON LA CHIAMAVO PERCHè MI ADDORMENTAVO LA NOTTE) E NON NOTAVA QUELLo CHE FACEVO

solo che a volte mi vengono i sensi di colpa per quell'anno che sono stato scostante! non l'ho MAI tradita. a volte penso che:
-non troverò mai piu una carina come lei che mi accetti per quello che sono
-addirittura non merito una vita felice o relazione felice, magari con un' altra bella ragazza con la quale abbia anche maggior affinita, perchè sono stato cattivo
-la vedo migliore di me (lei avra la vita felice che vuole ed io no)
-la vedo tutta "rosa": bella, brava, che si è sacrificata per me, unica al mondo, che era quella giusta

tutto questo si traduce in dubbi verso l'altro sesso e ad incontrare, quando sarà, un'altra ragazza.

scusate la lunghezza, spero vogliate leggere e darmi una mano! grazie!

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”