Pagina 3 di 68

Inviato: 19 novembre 2008, 13:18
da maja
Senti Doom...
Ma tu sei la mia coscienza o cosa?
Perche' dici sempre quello che penso io, di tutta questa mia storia di merda, ma non lo scrivo?
Esatto....io mi illudevo che era tutto apposto, bella vita, bella famiglia, grande amore, bei figli....poi arriva l'altro, l'amante, e io mi sveglio dal sogno....
Il mio castello era costruito sulla sabbia, il mio albero era ricco di foglie e frutti, ma senza radici robuste. Al primo inverno s'e' seccato!
Non voglio fare la traditrice infame, pero', lo sono!!

Inviato: 19 novembre 2008, 14:49
da verità
Tranquilla Maja, tranquilla...

Scusa se lo ripeto proprio adesso che ancora sei nel vortice: ma certo che devi decidere tu, solo che per farlo devi trovarti e questo è il posto e il modo giusto secondo me.

Ed è un bene sentire i pareri altrui, anche quando sono tanto diversi da noi da farci quasi male.

Chi lo sa' quanti noi ci sono ancora da scoprire dentro?

Doom ha ragione però: cerca di evitare di criticarti perchè a volte è il modo che usiamo per sottometterci agli altri. La modestia e l'umiltà sono buone fino a che ci aiutano ad aderire alla realtà, che spesso tende a sfuggirci di mano quando soffriamo, ma la sottomissione a certi canoni è quanto di più brutto ci sia al mondo...

Le cose che fanno tutti non sempre sono le giuste: pensa alla guerra..la regola più seguita al mondo, anche più della fedeltà coniugale...

Dunque sfogati e pensa tranquilla....

Ps.: non ti preoccupare degli altri: quando sarai sicura di te ti faranno un baffo...io sono già alla fase dei manifesti
:wink: :D

Inviato: 19 novembre 2008, 18:27
da maja
Per Verita'...
Cosa vuoi dirmi quando dici...io sono gia' ai manifesti...?
Stai vivendo una separazione?
Vedi, anzi vedete, le mie paure sono tante.
Ho paura di prendere una decisione affrettata, dettata dalla "storia amante".
Ho paura di traumatizzare i bimbi, additati da tutti come figli di una mamma snaturata e infame.
Ho paura di ferire i miei, che neanche immaginano, manco lontanamente.
Ho paura per mio marito. Anzi mi dispiace per mio marito.
Mi dico, e mi consigliate, di prendermi del tempo...ma dentro di me dico: " Ancora? Ancora qui a perdere tempo? Troppi anni sprecati! Devo sprecarne altri, per avere una conferma che gia' so qual'e?.."
La parte istintiva mi fa pensare questo: butta tutto per aria e manda tutti a quel paese...sii felice Maja! Si vive una volta sola, devi vivere feliceeee!!!
La parte razionale mi distrugge, mi fa pensare: Dove vai? i tuoi figli verranno presi in giro pure dalle insegnanti! Tu sarai additata come una prostituta per tutto il paese! Tua madre morira', dopo una settimana, dalla vergogna! I tuoi, conosciutissimi in paese, non usciranno piu' di casa! Dove cazzo vai Maja? Stai buona a casa tua!!!
E a casa mia, io sto male, sono sempre triste. Nervosa coi bimbi, urlo su tutto, cosa che non ho mai mai mai fatto. Loro sgranano gli occhioni e mi guardano esterefatti, cos'hai mamma? Ma perche' ti arrabbi per tutto?...
Io torno sulla terra, quando mi sento dire cosi' da due bambini di dieci anni...e mi metto a piangere, perche' so di non fare cio' che una mamma dovrebbe fare, cio' che ho sempre fatto, prima di entrare in questo schifo di periodo. Ho paura di deprimermi ancora di piu', entrare veramente in una forma di depressione che mi farebbe perdere di vista tutto. La mia vita.

Inviato: 19 novembre 2008, 18:48
da maja
Credetemi....
Non avrei mai, mai lontanamente immaginato, di poter istaurare una confidenza di questo genere...via mail. Con degli sconosciuti!!!
Mi viene da ridere, simpaticamente, perche' se qualcuno di voi mi conoscesse personalmente, riderebbe con me!!!
Credetemi se vi dico che siete il mio primo pensiero, da due giorni a questa parte. Fremo per sapere quello che pensa Doom o Verita' o Davide e tutti quelli che mi stanno aiutando!!!
Non avrei mai pensato di trovare tutto questo, ho iniziato perche' dovevo parlare con qualcuno, parlare a fondo di tutta la storia, so di essere a rischio depressione. Mi state aiutando, non so come ringraziarVi, in questo momento sto piangendo come una disperata....
Vorrei chiedere alla Dott.ssa Alfano cosa pensa. Dovrei rivolgermi ad un psicologo?

Inviato: 19 novembre 2008, 18:50
da maja
Dottoressa Albano, mi scusi...
Ho digitato erroneamente il suo cognome.
Sto traducendo una frase per mio figlio, contemporaneamente....
He's got a lot of them...che significa?

Inviato: 19 novembre 2008, 20:28
da verità
Dolce Maja disperata...
avevo il tuo stesso tono di voce quando sono entrata in questo forum...be' forse un po' più alto ... :oops:

No non mi sto separando convenzionalemente, ma neppure vivo più il matrimonio convenzionalmente. I manifesti sono, come in politica, la dichiarazione dei miei intenti. La sto facendo con tutti: in famiglia e fuori e non solo con le parole: sono di ritorno da un piccolo viaggio fatto da sola, per esempio.

Ho cominciato a mostrare la vera me stessa:dolcemente, intelligentemente, quasi con furbizia, ma non con meno scandalo..solo che sono così convinta che quasi quasi persuado anche gli altri...

E senza troppi sensi di colpa perchè è ora che tutti accettiamo la nostra natura per quello che è, soprattutto quando non è violenza, ma al massimo sesso, piacere e dolcezza...

Adesso dico una delle mie assurdità: anche separarsi a volte è una convenzione, un modo per farti pagare con il dolore il prezzo della libertà....

Maja anch'io, come te, come tanti qui dentro, ho sofferto molto e d'ora in avanti mi sono ripromessa di andare verso la gioia e di portarmi dietro le mie bambine...

Mi sono sposata spinta dalla sofferenza e se mai mi separerò sarà spinta dal piacere (questa volta) non dal dovere!

Però non c'è un modo che valga per tutti, per questo ti lascio il tempo di trovare il tuo...continua pure...

Inviato: 20 novembre 2008, 9:34
da maja
Grazie Verita'.
Vedo che tu hai raggiunto la seconda fase, quella che dovro' raggiungere io...
Cioe': vaffanculo a voi, questa sono io!!! Chi mi ama mi segua...
Un viaggio da sola....mi hai dato una buona idea...forse...non so. Non sono mai andata in vacanza da sola, senza mio marito....come lo dico? Avra' la conferma che ho l'amante...

Inviato: 20 novembre 2008, 18:21
da maja
C'e ancora qualcuno????
Se ci siete, ditemi solo si o no...
L'altro, l'amante, s'e rifatto vivo oggi pomeriggio.
Non ce la fa piu', non mangia, non dorme...peggio di me!!!
E' disperato, e vuole una chance...Io, signore e signori, lo amo follemente.
Ho letto la storia di kebaby...stamattina. Non voglio fare la stessa fine.
Se ricomincio, sara' la fine. Lo so.
Ma se e' lui il mio vero amore?

Inviato: 21 novembre 2008, 12:54
da maja
A tutti voi, che mi avete dato davvero una mano in questi giorni, ho bisogno di un altro aiuto...
Sono sola, in questa situazione a me sconosciuta, che mi sta portando via dalla realta' forse, o mi sta aprendo gli occhi su una vita che inizia a starmi stretta.
Sono sola senza nessuno che mi possa dare un aiuto morale, vorrei qualcuno che me lo desse anche fisico, una spalla su cui poter piangere e sfogarmi, ma non ho sbocchi!!!
Con mio marito e' finita, sono daccordo con doom, se un amore finisce resta l'affetto e l'amicizia ma l'amore e' un altra cosa, mentre e' da ieri pomeriggio che ho ripreso a sentirmi con l'altro.
Ho finito adesso di parlare a telefono con lui. 47 min di conversazione, rubati al mio lavoro che va a rilento!!!
Quando ci siamo lasciati, due mesi fa, ci siamo detti tutto in faccia, arrabbiati e pieni di rancore. Ero delusa, capitemi, tanti progetti...svaniti.
Ci credevo, ci credevamo. Le sue paure erano soprattutto economiche, gli assegni alla moglie, il mutuo, la moglie senza lavoro, lontana dalla sua regione che doveva fare le valigie e tornare dai suoi...i cognati che lo avrebbero ucciso per aver abbandonato la sorella, il figlio che non lo avrebbe mai visto, con una causa di affido, sicura e penosa, da affrontare.
Io non mi sono mai sbilanciata, mi doveva amare perche' sono io e non perche' ho i soldi! Giusto? Non mi pare di aver fatto chissa' cosa, io non compro nessuno!!!
Cosi gli ho detto alcune cose che non dovevo...cioe' che stavo bene economicamente, che saremmo stati bene, che avevo la possibilita' di aiutarlo, che e' un vile, pusillanime, bamboccio, insomma sono stata pesante e cattiva.
Ora lui torna, gli manco, mi ama, sta male e lo vedo pure io.
Ma perche' torna? Perche' ora? Perche' sa di avere cio di cui ha bisogno?
Me, i soldi....o perche' mi ama davvero?

Inviato: 21 novembre 2008, 13:34
da rocco
maja ha scritto:C'e ancora qualcuno????
Se ci siete, ditemi solo si o no...
L'altro, l'amante, s'e rifatto vivo oggi pomeriggio.
Non ce la fa piu', non mangia, non dorme...peggio di me!!!
E' disperato, e vuole una chance...Io, signore e signori, lo amo follemente.
Ho letto la storia di kebaby...stamattina. Non voglio fare la stessa fine.
Se ricomincio, sara' la fine. Lo so.
Ma se e' lui il mio vero amore?
Ciao maja.
Ho letto la tua storia.
Io mi sono trovata in una situazione molto simile, anche se non ho figli, ma un marito di cui non si può altro che parlar bene, ma che non amo.
Anche io conosciuto un altro, una storia iniziata 3 anni fa, finita dopo pochissimi mesi, ma che in qualche assurdo modo continua ad andare avanti perchè, anche se non stiamo più insieme, ancor ci sentiamo.
In quest’ultimo periodo ho raggiunto una discreta serenità, ma ho attraversato il tuo stesso calvario quando lui ha deciso di troncare.

Mi pongo spesso tante domande sul famoso concetto di sacralità della famiglia. Continuo a chiedermi perchè debba essere io a far soffrire mio marito. Perchè mi sia capitata una cosa del genere, perchè a me, l'insospettabile, perfetta, integerrima donna, fino a una gelida sera di 3 anni fa ....
Il fatto è che purtroppo nella vita tutto è mutevole e tutto cambia e non è una frase di circostanza, ma la realtà.
Sono convinta che per te, come per me, se un altro è entrato nella tua vita è perchè c'era già qualcosa non andava nel matrimonio, solo che a volte non si hanno la possibilità o la capacità o la volontà di metterlo a fuoco prima e ce accorgiamo troppo tardi.

La famiglia non può essere salvata a tutti costi, non sempre è possibile e anche se capisco e rispetto le affermazioni di lilly e davide, non riesco a condividerle.
A volte chi decide di salvare il salvabile, è solo perchè non ha il CORAGGIO di fare diversamente.
Che poi sia necessario andarci con i piedi di piombo, che sia necessario tempo, dialogo e quant'altro, su questo sono senz’altro d'accordo.
Ma se un matrimonio è finito, è finito.

E qui vorrei aggiungere anche la mia esperienza di figlia, cara maja, un'esperienza che ha condizionato non poco il mio futuro di donna.

I mei genitori si sono amati e si amano, a modo loro, ma hanno sempre litigato furiosamente.
Mio padre era un uomo molto molto aggressivo e umorale. Sorvolando sul trattamento che riservava a noi, anche con mia madre si comportava allo stesso modo (anche se non l'ha mai picchiata) e sapeva essere anche incredibilmente offensivo.

In quelle frequenti occasioni, io li detestavo entrambi.
Lui che si permetteva di trattare così mia madre, lei che non si difendeva, non diceva una parola e io che friggevo di rabbia e di odio!!!!!!

Sono cresciuta dicendo a me stessa:
1 - io un uomo così MAI!!!! PIUTTOSTO ZITELLA (anche se poi, per inciso, ero attaccatissima a mio padre, così come le bambine sanno esserlo dei loro papà).
2. per anni e anni ho continuato a chiedermi perchè mamma non lo cacciasse di casa o non si separasse permettendoci di vivere tranquillamente le nostre vite.
Ma soprattutto sono cresciuta nella convinzione che non si amassero, nè potevo capire che quello era il loro "gioco", ovvero il loro modo di stare insieme, di relazionarsi.
Per me quello non era certamente amore.

Quando ho sconosciuto mio marito, mi sono subito resa conto che aveva tutte quelle qualità che a mio padre mancavano e che quindi avevo trovato l'amore e che quello era l'uomo giusto per me.
Insomma ho confuso l'amicizia con l'amore ..... certamente non l'ho fatto di proposito, ma ora so che è andata così.

Anni dopo ho avuto il coraggio di chiedere a mia madre perché non si sia mai separata e la sua risposta la puoi trovare nelle belle parole di lilly e davide: la famiglia è sacra.

A volte sacrificando se stessi per amore degli altri, si corre il rischio di provocare danni peggiori.

Cammina con i piedi di piombo, rallenta se necessario ..... ma non fermarti, non fermarti mai!!!!

Un abbraccio
Sandra

Inviato: 21 novembre 2008, 13:39
da rocco
maja ha scritto:Ma perche' torna? Perche' ora? Perche' sa di avere cio di cui ha bisogno?
Me, i soldi....o perche' mi ama davvero?
Sei tu quella che lo conosce, solo tu puoi dirlo.
In ogni caso se lui ha davvero problemi economici (in vista di eventuale separazione), e se la tua offerta di aiuto lo ha in parte tranquillizzato, il vostro amore non vale almeno un assegno di mantenimento? :roll:

Sandra

Inviato: 21 novembre 2008, 13:59
da novembre
Leggendo il forum e le vostre varie testimonianze, mi accorgo che c'è quasi sempre un fattore comune: il modo fulmineo con il quale vi scoprite insoddisfatte della vostra vita matrimoniale e l'altrettanta repentinità con la quale cadete innamorate dell'altro, quasi foste preda di un incantesimo o come se vi risvegliaste da un sonno profondo.
Ai lunghi anni di lenta costruzione della famiglia e del rapporto di coppia, segue la fretta smaniosa di scappare via. E' lui il vostro uomo, l'amore della vostra vita, non avete dubbi.
Io a livello teorico concordo con tutti, con davide e lilly, con doom, con sandra. A livello teorico, appunto.
Al di là della decisione pratica da prendere, rispetto alla quale non me la sento di sbilanciarmi, io vi consiglierei di prendervi del tempo per pensare al significato che può avere per voi l'arrivo improvviso di questo uomo meraviglioso e perfetto dopo tanti anni di calma.

Inviato: 21 novembre 2008, 14:02
da maja
Non so piu' niente...non capisco piu' niente Sandra.
Sto male, ora. Lui non doveva tornare, non me lo aspettavo....

Inviato: 21 novembre 2008, 14:10
da rocco
novembre ha scritto:Leggendo il forum e le vostre varie testimonianze, mi accorgo che c'è quasi sempre un fattore comune: il modo fulmineo con il quale vi scoprite insoddisfatte della vostra vita matrimoniale e l'altrettanta repentinità con la quale cadete innamorate dell'altro, quasi foste preda di un incantesimo o come se vi risvegliaste da un sonno profondo.
Ai lunghi anni di lenta costruzione della famiglia e del rapporto di coppia, segue la fretta smaniosa di scappare via. E' lui il vostro uomo, l'amore della vostra vita, non avete dubbi.
Io a livello teorico concordo con tutti, con davide e lilly, con doom, con sandra. A livello teorico, appunto.
Al di là della decisione pratica da prendere, rispetto alla quale non me la sento di sbilanciarmi, io vi consiglierei di prendervi del tempo per pensare al significato che può avere per voi l'arrivo improvviso di questo uomo meraviglioso e perfetto dopo tanti anni di calma.
Quando si scrive su un forum, parlo per me, è perchè si è arrivati già a qualche conclusione, perchè oltre il problema ci sono idee più o meno chiare.
Come fai dire "modo fulmineo con il quale vi scoprite insoddisfatte della vostra vita"?
Io ho impegato anni per fare luce sui miei malesseri, per mettere a fuoco tante cose e soprattutto per rendermi conto del perchè e del percome stavo male. Perciò l'incontro con l'altro è solo la punta dell'icberg e di fatto non è altro che la cartina tornasole di una situazione che già di per sè non va.
Ma che non va da tanto tempo e a prescindere dall'altro!

Certo, poi quando si arriva a scrivere su un forum si sintetizza, si abbrevia, si saltano passaggi .... insomma si tendono a tirare un po' le fila di lunghi periodi di tempo.
Questo vale per me e, probabilmente, anche per gli altri!
Ciao
Sandra

Inviato: 21 novembre 2008, 14:22
da rocco
maja ha scritto:Non so piu' niente...non capisco piu' niente Sandra.
Sto male, ora. Lui non doveva tornare, non me lo aspettavo....
Invece era prevedibile: non è mai facile troncare un rapporto, di qualunque genere.
Continuate a parlarvi, incontratevi, ma non tornare tra le sue braccia.
Ora è il momento della chiarezza.