donna sull'orlo della depressione...

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

LILLY

Messaggio da LILLY » 21 novembre 2008, 14:28

novembre ha scritto:Leggendo il forum e le vostre varie testimonianze, mi accorgo che c'è quasi sempre un fattore comune: il modo fulmineo con il quale vi scoprite insoddisfatte della vostra vita matrimoniale e l'altrettanta repentinità con la quale cadete innamorate dell'altro, quasi foste preda di un incantesimo o come se vi risvegliaste da un sonno profondo.
Ai lunghi anni di lenta costruzione della famiglia e del rapporto di coppia, segue la fretta smaniosa di scappare via. E' lui il vostro uomo, l'amore della vostra vita, non avete dubbi.
Io a livello teorico concordo con tutti, con davide e lilly, con doom, con sandra. A livello teorico, appunto.
Al di là della decisione pratica da prendere, rispetto alla quale non me la sento di sbilanciarmi, io vi consiglierei di prendervi del tempo per pensare al significato che può avere per voi l'arrivo improvviso di questo uomo meraviglioso e perfetto dopo tanti anni di calma.
Io credo che ci sia anche una buona dose di idealizzazione, insieme al gusto del proibito, dell'inafferrabile e del nuovo, la voglia di rinnovarsi e di sedurre, più che il vero "grande amore" della vita.
Si soffre lo stesso, lo so. Questo magari non riduce assolutamente il carico di sofferenze. Tuttavia bisognerebbe anche studiare un altro aspetto, per me, fondamentale.
Di solito questi uomini-amanti regalano tutto un altro modo di amare, di sedurre, e un altro modo di vivere il sesso. Ma è normale, dal momento, che si sta parlando di altre persone. Ma bisognerebbe vedere se poi, vivendo insieme e condividendo gioie dolori, salute e malattie, questi sentimenti rimarrebbero intatti, specialmente dopo un tempo lungo 20 anni.
Io ho seri dubbi.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 21 novembre 2008, 14:35

Ooohhh novembre....non erano lunghi anni di costruzione, bensì lunghi anni di demolizione, solo che, per un po' di tempo, sotteranea e inconscia e, poi, sempre più in superficie....

Gli innamoramenti improvvisi: mahh, vogliamo dire datemi una leva e solleverò il mondo? Si, un modo per dare l'ultimo colpo al muro che ci teneva prigioniere, un modo che per essere efficace non poteva che risultare vero, intenso e doloroso amore...

Doloroso perchè dopo una prigionia se ne rischia un'altra, consci del fatto che i reclusi fanno fatica a riprendere a vivere in libertà....

Chi non ha mangiato amore per tanto tempo, ne è allo stesso momento affamato, ma incapace di digerirlo.

Ma forza e coraggio...!

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 21 novembre 2008, 16:48

Mi viene da morire di nuovo...
Pensavo di aver tratto le mie conclusioni, dopo questo magnifico viaggio con voi tutti, cioe': 20 anni con un uomo, senza esperienza di "altro", l'amante che ti sveglia dal bel sogno che invece era un incubo, ti senti amata e desiderata di nuovo e pensi sia amore ma forse non lo e', non puoi sacrificarti solo per i figli loro avvertiranno il tuo disagio e ne porteranno le conseguenze in futuro, sii felice, dove vuoi con chi vuoi...
Ok, tutto apposto.
Ma tra dire e fare...c'e l'amante.
Lui...fisicamente l'opposto di mio marito, mio marito gran bell'uomo, sportivo, 2mt di uomo, mai serio sempre giocherellone, con tutti un gran simpaticone.
L'altro...uguale a me. Fisicamente sembra mio fratello, mai fatto sport, serio, riservato.
Opposto di mio marito, forse e' quello che cerco in un uomo.
Qualcuno indipendente, serio quando c'e da fare il serio, simpatico quando c'e' da fare il simpatico. Con carattere e personalita'. Qualcuno che mi faccia star zitta, perche' io comando tutti...
E' stata una storia contorta, un anno di clandestinita', dove abbiamo litigato, dove ho potuto confrontarmi con un UOMO veramente. Mio marito e' il mio fratellone e il mio 3°figlio...
Lui, l'altro, e' il mio uomo. Molto simile a me, un coccolone, che mi ha amata come nessuno in vita mia, sessualmente un'intesa che va oltre l'immaginario collettivo, sapeva cio' che mi piaceva dal primo rapporto, e lo stesso io con lui...non so come dirvelo...
Stessi interessi, stessi gusti a tavola...Voi credete all'anima gemella?
Io me lo sono sempre chiesta, da quando l'ho visto la primissima volta, ci siamo guardati a lungo davanti a quella porta, lui entrava io uscivo, da quel giorno di 2 anni e mezzo fa. Da quel giorno, sappiamo tutti e due che qualcosa in noi era scattata, ci abbiamo messo 2 anni a dircelo. Poi e' nata la storia, cosi', con uno scherzo del destino che ci ha fatto conoscere.
Sono stata, e sto benissimo con lui. Mi tranquillizza solo con la voce, e io sono schizzata, vado a mille tutto il giorno...lui e' qualcosa che sa di magico per me...
Io per lui...sono qualcosa di magico, mi continua a dire. Lo riempio, lo completo, con me si sente appagato, amato come mai, felice solo a guardarmi negli occhi, sessualmente non sa cosa dirmi, perche' ha avuto altre esperienze prima della moglie, ma io sono...magica anche a letto.
E so che non mente, certe cose le senti oltre che vederle...
Che dirVi? Ora sono nei guai...perche' lo amo davvero, perche' provo qualcosa che non posso scrivere o descrivere, perche' so cos'e' lui e cos'e' mio marito.
Perche', come molte di voi sanno, un conto e' lasciare il marito perche' e' tutto finito...un conto e' lasciare il marito perche' c'e' un altro uomo...
Mi viene da morire...

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Messaggio da doomgeneration » 21 novembre 2008, 16:53

un conto e' lasciare il marito perche' e' tutto finito...un conto e' lasciare il marito perche' c'e' un altro uomo...
Perché secondo te non è la stessa cosa? :roll: :roll:
Se hai un altro uomo comunque con tuo marito è più che finita...anzi sei già al passo successivo, cioè un altro uomo.. :idea:

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 21 novembre 2008, 16:58

Io parlo dell'aspetto legale...
ODDIO mi viene da impazzire....
Voglio scappare via da tutti...non so cosa devo fare.
Voglio stare con lui, non far soffrire mio marito, i miei, non traumatizzare i bambini....
BASTAAAAAAAAAAAAA.

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 21 novembre 2008, 19:16

rocco ha scritto: Come fai dire "modo fulmineo con il quale vi scoprite insoddisfatte della vostra vita"?
Io ho impegato anni per fare luce sui miei malesseri, per mettere a fuoco tante cose e soprattutto per rendermi conto del perchè e del percome stavo male. Perciò l'incontro con l'altro è solo la punta dell'icberg e di fatto non è altro che la cartina tornasole di una situazione che già di per sè non va.
Ma che non va da tanto tempo e a prescindere dall'altro!
Si, forse mi sono fatta ingannare dalla sintesi, o forse la mia attenzione è stata catturata da alcune frasi, come ad esempio Conosco "l'altro", sposato anche lui, 34 anni, 1 figlio. Amore a prima vista, fatto di sguardi e sguardi

E' proprio quello che intendevo. Non credo molto agli innamoramenti a prima vista, quanto piuttosto a quella punta dell'iceberg di cui hai parlato tu. Quindi, forse, l'amante non è la soluzione e nemmeno il divorzio e la fuga. Prima andrebbe scoperto cosa c'è oltre quella punta e solo allora si può pensare di mollare tutto.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

LILLY

Messaggio da LILLY » 22 novembre 2008, 9:51

maja ha scritto:Lui, l'altro, e' il mio uomo. Molto simile a me, un coccolone, che mi ha amata come nessuno in vita mia, sessualmente un'intesa che va oltre l'immaginario collettivo, sapeva cio' che mi piaceva dal primo rapporto, e lo stesso io con lui...non so come dirvelo...
Stessi interessi, stessi gusti a tavola...Voi credete all'anima gemella?

Mi viene da morire...
Scusa, Maja, ma se ti è ormai ben chiaro cosa provi per tuo marito e cosa invece provi per l'altro uomo... a questo punto credo che non ci sia tanto da discutere.
Però verso tuo marito devi dimostrarti comunque onesta e sincera. Non puoi continuare ad ingannarlo così. Devi parlargli apertamente e sinceramente e raccontargli come stanno le cose.
Questo glielo devi, come marito e come padre dei tuoi figli.
Ciao.

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 22 novembre 2008, 12:24

Tu non capisci, cara Lilly...
Io sono sincera e onesta per natura, ingannare tutti mi sta uccidendo.
Ma come faccio a dire ad un uomo, con me da una vita, che l'ho tradito?
Non me la sento!!!
Offeso e amareggiato, mi farebbe andare via di casa, giustamente.
La "bomba" esploderebbe in paese...e tutti sarebbero alla caccia "dell'altro". In primis i miei familiari...
Chi e' l'altro? Che abita a 200mt da casa mia? Ci metterebbero 2/3 giorni massimo, e tutto verrebbe fuori....La fine mia e sua.
Dove andiamo? E se poi lui si ritira indietro, dicendomi che non se la sente? Io rimango incasinata...traditrice...infame...puttana...Scusatemi.
I miei figli? La tua mamma se la fa con il finanziere...direbbero a scuola le insegnanti bigotte e i compagnetti, che crescono in ambienti a dir poco scandalosi.
Ma perche' tutta sta storia a me? Che stavo bene?
Dove vado a stare, io sarei disposta ad andarmene via, credo sia la cosa giusta da fare, ma qui non ci sono case da affittare...Ve lo giuro.
Devo andare fuori paese, come faccio coi bimbi? La mattina a scuola, la colazione, i loro compagni che stanno qui in paese, le loro attivita' sportive? Li sdradico da qui, dal loro mondo, non me la sento...mio marito esce la mattina e torna la sera alle 19...dove li lascio?
Datemi un consiglio. Se qualcuno di voi ha gia' affrontato la separazione, mi dia tutte le informazioni necessarie...
Verita', conto su di te...

LILLY

Messaggio da LILLY » 22 novembre 2008, 12:35

A questo punto, spero che intervenga davvero qualcuno che ha già affrontato una separazione.
Io posso solo dirti quello che penso. Certamente, non puoi continuare così. Quello che hai scritto sul finanziere non lascia più alcun dubbio. Ci sei dentro fino al collo e non mi sembra affatto una cotta di passaggio.
Per questo ti chiedevo l'altro giorno che intenzioni hai per il prossimo futuro e che decisioni vuoi prendere: se ricominciare tutto da capo con tuo marito, oppure separarti per stare con l'altro o separarti per andare a vivere da sola...
Certamente l'inganno non potrà continuare a lungo, anche perché non stai mentendo solo a tuo marito, ma anche ai tuoi bambini quando dici loro che esci per andare a lavorare e invece è solo per incontrarti con l'altro, di nascosto. E mentire ai bambini fa ancora più male, secondo me.
Insomma, se non vuoi dare a tuo marito più la minima possibilità, almeno cerca di essere sincera con lui riguardo i tuoi veri sentimenti.
O preferiresti che lo scoprissero per caso? O per sentito dire? Non sarebbe peggio?

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 22 novembre 2008, 14:16

Maja, ti ringrazio di avermi chiamata... mi fa sentire meno sola ..in forum!

Però attenzione a chiamare la verità: fa innescare un circolo virtuoso che può essere difficile sostenere.
Non ho l'esperienza della separazione, ma del dire tutto, proprio tutto, sì...anzi forse è venuto il momento di specificare che mio marito legge i miei interventi su questo forum.

So che trasparenza e verità non sono ben accetti a tutti..lo so perchè il mio ultimo grande amore forse l'ho perso per questo (oltre che per altri miei limiti)...quindi mettiti daccordo con il finanziere prima di parlare e spera che sia più coraggioso della media...

Riguardo al marito: se ti ama accetterà tutto, anche aiutato dai tempi moderni (ormai capita così a tanti...), ma anche questo è un problema: se tutto sarà chiaro e accettato dove trovare più la forza di separarsi?

La famiglia: io ho ricevuto un sacco di buoni insegnamenti dalla mia tradizionale famiglia, come la lotta per la sopravvivenza, contro la malattia, la povertà, l'ingiustizia...ebbene adesso devono accettarne le conseguenze. Io faccio ciò che ritengo giusto a prescindere da qualsiasi ipocrisia morale...mi faccio moderare solo dalla legge e... l'infedeltà coniugale non è certo un reato, anzi, neppure più è sempre causa d'addebito della separazione.

L'ambiente poi: basta così poco per tener a bada i pettegoli, mi sembra che tu abbia l'intelligenza sufficiente a calmarli (loro di solito sono carenti su tale aspetto), e se se la cercano, puoi pure prenderli in giro....

Ma il vero problema siamo noi stessi: quando ci siamo detta tutta la verità, tutta quella che troviamo scavando e scavando, diventa davvero dura....Ti calmi, certo, magari puoi pure fare a meno dello psichiatra o dei farmaci, però devi fare i conti con la realtà senza nemmeno più concederti un alibi...

Sai che sarebbe giusta la separazione, ma sai anche quanto sia dura senza illusioni.
Sai quanto sia difficile costruire un rapporto a due, ma conosci anche le ombre della tua intima solitudine.

Insomma, io potrei anche continuare, ma sento che è meglio che tu proceda per gradi...pian piano...anche con la verità.

Analizza e rifletti, tenendo, però, il più possibile aperto anche il tuo cuore...se no poi ti mancherà...

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 22 novembre 2008, 16:31

Siete la mia ancora...
Piango, piango...
Il mare e' forza 8, tempo da cani fuori. Fa freddo, fuori e dentro di me...
Non so che fare, tranne che piangere e non mangiare e non dormire...
Troppi dubbi, troppe paure, troppo tutta la vita...
Ho sbagliato tutto, io.

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 22 novembre 2008, 16:34

A Lilly volevo dire che ho parlato con mio marito.
Caspita se ho parlato!!! Mille e mille volte!!! Da oltre un anno che si parla e parla...
L'ho gia' scritto prima, negli interventi precedenti, lui continua tutt'oggi a dirmi...aspettero'...
Ma che cazzo aspetta?

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 22 novembre 2008, 19:30

Dai Maja...sai che non puoi arrabbiarti con tuo marito...
Anche il mio dice che aspetta...é doloroso, ma non si può negare che ognuno abbia il diritto di aspettare o cercare la propria felicità...

Questo è il loro egoismo, noi dobbiamo trovare il nostro....

E poi chissà..? Magari quando si stancano di aspettare loro, a noi ci spiace pure un po' :lol:


Sto scherzando per sdrammatizzare...so quanto possono pesare i sensi di colpa che altri ci impongono con la loro immagine di santa e paziente sofferenza.

Daltrocanto ad ognuno la sua natura: chi vittima e chi carnefice, sia pure involontariamente e sia pure con imprevedibile distribuzione di sofferenza...

Hai provato a indagare il perchè tu ti sia legata ad un uomo così eroicamente e perfettamente vittima?

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 23 novembre 2008, 16:24

Sono legata a lui, perche' ci amavamo, senz'altro.
Avevo 14 anni, campi di pallavolo assieme, stessa passione. Ci siamo conosciuti li...
Verso i 20 anni ho iniziato a capire che non faceva per me...
Lascia e riprenditi per circa due anni, ma senza fare altre esperienze con uomini, alla fine sono rimasta incinta. Avevo 24 anni.
Ci siamo sposati tra la gioia di tutto il paese e familiari, che sapevano di questa storia infinita...Io lo amavo davvero...
Poi i bimbi...la vita continua, con altre novita' e interessi...io lavoro, studio, cresco i bimbi da sola...iniziano le mie crisi 4 anni fa, inizio a dirgli che ero da sola con tutto il mondo sulle spalle, aiutami...aiutami...ma lui niente, non c'e' peggior sordo di chi non vuol sentire...
Cosi mi ritrovo a flirtare con il comandante, e poi a finirci a letto e ora innamorata come una quindicenne...

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 23 novembre 2008, 17:45

ma perchè un bambino di 10 anni deve per forza restare traumatizzato da una separazione? ma dove cavolo sta scritto? lo dico spesso che conosco coppie che si sono separate e i loro figli stan benone! e perchè? perchè le persone coinvolte nella separazione sono persone civili e intelligenti! e poi stan benone anche i figli delle coppie che si sono separate male! e perchè? perchè quando erano ancora nella famigerata femiglia che non si puà toccare nemmeno con un dito vedevano i genitori litigare e urlarsi dietro, vedevano magari il padre andare via di acasa per giorni, oppure la madre piangere..qualcuno ha visto anche schiaffi volare...o cmq semplicemente non vivevano sereni perchè anche se i genitori FANNO FINTA di stare bene, i bambini lo sentono che è una serenità finta.
io lo sentivo!
che cavolo c'entra che ci son coppie che pur non avendo senso stanno insieme 30 anni? i miei stanno insieme da 40 si vogliono bene per carità, ma non sono un esempio nè di coppia nè di rispetto...e io ne ho fatto le spese a livello mio personale...per carità non mi è mancato niente, mi vogliono bene, mi amano alla follia, ecc...ma l'esempio mi è mancato e io son caduta nel loro stesso errore rovinandomi parte della vita..sono stata ipercriticata per il mio bene ecc..
piantiamola di dire che l'amore si può recuperare, piantiamola di dire che la famiglia viene prima di ogni cosa...è la serenità familiare che viene prima di ogni cosa, il bene dei figli..che non coincide mica con lì'avere mamma e papà insieme! a volte per tornare ad essere bravi genitori serve tornare a stare bene, quindi separarsi.
la scusa della famiglia,cmq, e della gente che parla, e della reputazione ecc son solo scuse..se c'è amore si scavalcano le montagne e si trova la soluzione.....e non aggiungo altro...
credo che ci sia puro terrore poi...perchè mettersi insieme a 14 anni ...per ME ha tutto tranne che della storia d'amore..perchè a 14 anni ci si infatua,non ci si innamora, e poi con l'andare del tempo si diventa delle piante rampicanti che senza il sostegno dell'altro son perse...quindi diventa dipendenza profonda..affetto certamente...ma dipendenza, perchè si cresce insieme...probabilmente se vi foste lasciati a tempo debito, tu e tuo marito, mai e poi mai vi saresti rimessi insieme, anzi ti chiederesti come cacchio hai fatto a starci insieme tot anni! tu non hai scelto di stare con lui e di sposarti, ti sei trovata nella condizione di farlo perchè non vedevi altre prospettive e quella era la più normale e consequenziale. non hai mai guardato al di fuori del vostro piccolo mondo per paura forse o per abitudine...è uno degli errori più grandi...se mai farò dei figli, non credo, ma se capiterà..cavolo gli taglierò i viveri se si fidanzano a 14 anni :D piuttosto che escano con 10 ragazzi diversi, ma non uno solo a 14 anni per la carità!!!

questo amante non credo sia il grande amore,,,nè tu per lui nè lui per te...altrimen ti dopo anni le paure sarebbero superate in qualche modo...credo solo che siate uno spiraglio di luce vicendevole che vi fa intravvedere cosa c'è li fuori...cioè il mondo...
non fosse stato lui sarebbe stato un altro..perchè era quello di cui avevi bisogno..
Immagine

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”