donna sull'orlo della depressione...

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 24 novembre 2008, 19:11

Ho quotato l'ultimo messaggio senza scrivere....lapsus freudiano, perchè è tutto così vero che c'è poco da aggiungere.

1) Come al solito alla donna, ora configurata sposata, non è concesso amore, perchè l'uomo dei tempi moderni ha una nuova forza per sottometterla: la sua debolezza, perchè se lo lasci muore.

2) Se sei ricca cambia tutto, perchè i soldi non danno la felicità ma placano il dolore: ho una zia che ha letteralmente pagato al marito la libera uscita!

3) L'amante serve soprattutto al marito: sarà per questo che io non riesco a farmelo: troppo cattiva questa verità!

4) Nelle parole di Davide c'era un sottile e intelligente invito a non plagiare gli altri, ma dato che tale reato è stato soppresso: qualsiasi cosa tu scelga di fare, cara Maja, sappi che i figli sono minorenni, ma il marito no (che imparino a vivere questi italianissimi cocchi di mamma)....e comunque, il soggetto più debole, forza dialettica a parte, è ancora la donna, quindi scordatelo di lasciargli casa, altrimenti si parla di te "senzatetto"...

5) Va bene il romanticismo, ma dopo la schiavitù anche il martirio? Troppo anche se tu fossi cristiana e non dico altro...verità morditi la lingua!

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 25 novembre 2008, 2:36

ma chi te lo ha detto maja che i tuoi bambini non hanno capito dove sta il problema o che c'è un problema?
si tende sempre a pensare che siano quasi cererolesi cavolo...son solo persone piccole, non persone stupide,anzi hanno una sensibilità molto spiccata, percepiscono molto bene tutta la falsità anche se non assistono a litigi. i miei non hanno mai litigato davnati a me quando ero piccola.
essere piccoli non vuol dire essere stupidi..sono ingenui,ma nell'ingenuità escono le grandi verità. sono intuitivi...e sentono molto con l'istinto, se non con la testa. chiaro che non sanno che la mamma ha l'amante..che discorsi...
tuo marito fa la vittima, come tutti gli uomini..le donne si sentono regolarmente in colpa e con questo ricatto morale vengono tenute al cappio..penso che prima o dopo ci siamo passate tutte...ce lo han fatto i nostri padri e poi i nostri compagni..perchè siamo delle deficienti a volte..
parlare a volte serve a poco..lui resterà arroccato nel suo ricatto morale...io amo te (anche se in realtà magari lui prova le tue stesse cose ma sta comodo dove sta in quanto uomo) se mi lasci mi uccidi, mi sta bene che stiamo come fratello e sorella piuttosto che niente, fai del male ai figli, sei tu che sei cattiva e te ne vai..ecc ecc ecc
l'amante ti usa come stampella per confidarsi..e cacchio è un uomo..non le tira fuori ste palle? evidentemente anche lui è stanco della sua vita matrimoniale e cerca solo una via di fuga...i problemi infatti sono nati solo quando i coniugi hanno iniziato a sospettare e l'equilibrio di comodità e tranquillità si è rotto...
questo per come la vedo io
tu hai 35 anni, hai solo 3 anni più di me...vuoi destinarti a una vita intera di infelicità e frustrazione? cioè altri 40 anni se ti va bene, altrimenti altri 50 di m...? non credo no?
Immagine

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 25 novembre 2008, 2:41

cmq che cavolo di senso ha a 35 anni rassegnarsi a una vita di compromessi completamente priva di amore? cioè deve venire incontro al marito e trovare un modo per convivere, senza amarlo, perchè le famiglie perfette non esistono? è un vero e proprio incubo angosciante, ma chi non ha provato a stare in una relazione in cui l'amore era esaurito non lo può capire..inutile fare dei bei discorsi sulla famiglia sui compromessi sulla sopportazione e sul dialogo...quando stai con tuo fratello..e non hai nemmeno mai voglia di farci sesso..e vorresti volare libera a volte e innamorarti e non ti basta voler bene alla persona che hai vicino perchè sei ancora una bambina....la sensazione che si prova è di profonda angoscia e claustrofobia e frustrazione...la sola parola ricostruzione e la parola compromesso...ti fan venire i brividi gelidi lungo la schiena perchè son sinonimi di prigionia volontaria in una situazione che non va più...ti privi da sola di qualcosa di cui hai diritto come tutti per stare con una persona che non ami più...
se non lo avete provato potete parlare finchè volete, anche se avete 50 figli...non potete capire...
Immagine

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 25 novembre 2008, 9:37

Twilight, leggendo i tuoi messaggi a volte mi prende un'angoscia...
Non è una critica! Riesci a descrivere così bene certe situazioni, caricandole delle tue emozioni, che mi sembra di esserci dentro.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

LILLY

Messaggio da LILLY » 25 novembre 2008, 10:01

Twilight ha scritto:cmq che cavolo di senso ha a 35 anni rassegnarsi a una vita di compromessi completamente priva di amore? cioè deve venire incontro al marito e trovare un modo per convivere, senza amarlo, perchè le famiglie perfette non esistono? è un vero e proprio incubo angosciante, ma chi non ha provato a stare in una relazione in cui l'amore era esaurito non lo può capire..inutile fare dei bei discorsi sulla famiglia sui compromessi sulla sopportazione e sul dialogo...quando stai con tuo fratello..e non hai nemmeno mai voglia di farci sesso..e vorresti volare libera a volte e innamorarti e non ti basta voler bene alla persona che hai vicino perchè sei ancora una bambina....la sensazione che si prova è di profonda angoscia e claustrofobia e frustrazione...la sola parola ricostruzione e la parola compromesso...ti fan venire i brividi gelidi lungo la schiena perchè son sinonimi di prigionia volontaria in una situazione che non va più...ti privi da sola di qualcosa di cui hai diritto come tutti per stare con una persona che non ami più...
se non lo avete provato potete parlare finchè volete, anche se avete 50 figli...non potete capire...
Tutto quello che dici tu va bene, però bisogna anche entrare dentro questa coppia e capire, prima della separazione, se davvero sono state tentate tutte le strade possibili e immaginabili perchè qui non stiamo parlando di due conviventi, ma di un uomo e una donna uniti in matrimonio.
Certamente questi due si amavano una volta e lui afferma di amarla ancora. Perché questo amore è finito?
Solamente perché è apparso improvvisamente l'affascinante finanziere oppure perché l'amore di Maja si era esaurito da tempo?
Perché Maja ha smesso di amare il marito? Forse perché non è un uomo perfetto, ma certamente vallo a trovare un uomo perfetto! Sicuramente non è mai esistito. Di certo quest'uomo ha tantissimi difetti, ma non stiamo mica parlando di un uomo che maltratta la moglie e i figli!
Ci sono situazioni anche più gravi in giro!

Io lo dico sempre che la vocazione al matrimonio è in assoluto quella più difficile da realizzare, più di quella di diventare sacerdote o suora, o del rimanere single per tutta la vita. E poi comunque qui ci sono due bambini che, se da un lato avranno la maturità di comprendere e perdonare i genitori, dall'altro lato soffriranno perchè non avranno più il papà e la mamma insieme e si dovranno abituare agli eventuali nuovi compagni.
Certamente Maja è ancora giovane e non vuole soffrire per tutta la vita, ma se ancora esiste una sola possibilità di riscoprire questo amore, quella possibilità va incoraggiata in tutti i modi.

LILLY

Messaggio da LILLY » 25 novembre 2008, 10:13

novembre ha scritto: Le esperienze vanno fatte prima. Dopo.. è un casino.
Condivido in pieno questo pensiero iniziale di Novembre.
Dopo è un casino per tante ragioni: i figli, la casa, il coniuge a cui viene imposta la separazione che soffre, motivi morali e religiosi.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 25 novembre 2008, 11:03

Già ma se non arrivano le separazioni a mazzo e a cascata, i duri di comprendonio non lo capiranno mai che le esperienze vanno fatte prima...

In questo forum ci sono ancora delle ventenni che devono nascondersi o buttarsi in spiaggia ( o a mare) per poter fare sesso...leggere per credere...

E ci sono maschietti di ogni età che hanno paura a chiedere: vuoi fare l'amore con me?...vuoi venire sopra di me?

Se separarsi è l'unico modo per insegnare ad un figlio a credere all'amore, allor viva la terapia d'urto!

"Vocazione per il matrimonio"...allora ho ragione a dire che è un'invezione pubblicitaria della chiesa...la meglio trovata per fare soldi e potere emantenerli fedeli nei secoli dei secoli...

Arriverà il giorno della verità...arriverà!

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 25 novembre 2008, 11:11

Se il matrimonio non funziona più, non funziona più...al massimo si può riciclare in qualcosa di nuovo, ma non si può continuare a lavare a mano se hanno inventato la latrice...!

Ce lo siamo appiccicate addosso, innaturale per tanto tempo, ancora ce lo dobbiamo trascinare inutilmente?

Non serve neppure ai bambini.....si stanno verificando nuove esperienze educative, compartecipate ed efficaci: famiglie allargate, comunità, adozioni, ecc...

Lo sapete a chi serve davvero il matrimonio: ai nonni!!!!!!

A quelli che ci hanno messo in questi casini, perchè a loro volta ci si sono trovati!

E' una catena di schiavitù che ci trasciniamo da secoli ma che qualcuno dovrà pur spezzare prima o poi.

Lilly ha ragione in una sola cosa: Maja potrebbe anche scoprire che per chissà quale chimica o miracolo ama davvero suo marito...in tal caso, che sia matrimonio, o separazione riconciliata, capirà che vuole ancora stargli vicino, fregandosene di tutto e di tutto, anche del finanziere e di se stessa, ma se continuamo a parlare di figli, doveri e convenzioni, come farà a capirlo?

LILLY

Messaggio da LILLY » 25 novembre 2008, 11:56

verità ha scritto:Già ma se non arrivano le separazioni a mazzo e a cascata, i duri di comprendonio non lo capiranno mai che le esperienze vanno fatte prima...

In questo forum ci sono ancora delle ventenni che devono nascondersi o buttarsi in spiaggia ( o a mare) per poter fare sesso...leggere per credere...

E ci sono maschietti di ogni età che hanno paura a chiedere: vuoi fare l'amore con me?...vuoi venire sopra di me?

Se separarsi è l'unico modo per insegnare ad un figlio a credere all'amore, allor viva la terapia d'urto!

"Vocazione per il matrimonio"...allora ho ragione a dire che è un'invezione pubblicitaria della chiesa...la meglio trovata per fare soldi e potere emantenerli fedeli nei secoli dei secoli...

Arriverà il giorno della verità...arriverà!
Fare tante esperienze sessuali prima del matrimonio non lo trovo affatto necessario e non è neanche obbligatorio. Quindi non trovo così grave il fatto che alcune ragazzine debbano per forza nascondersi per andare a fare sesso con un ragazzo.
Verità, è chiaro che abbiamo due modi distinti e separati di intendere il matrimonio, anche perché io mi riferisco al matrimonio cristiano. Poi ovviamente chi non crede, non si sentirà mai tenuto a salvare un matrimonio a tutti i costi.
No, non mi piacciono affatto questi nuovi modelli educativi tipo le famiglie allargate, da proporre ai bambini. Perché dovrebbero piacermi?
E se proprio vogliamo dirla tutta, la crescente libertà sessuale e affettiva degli ultimi trent'anni, non ha contribuito affatto a costruire famiglie solide e felici. I problemi sono altri, secondo me.
E continuo a credere nell'istituzione del matrimonio, vocazione senza ombra di dubbio difficile da realizzare, quindi non per tutti.
E' una vocazione che richiede sempre uno "sforzo in più", uno spirito di sacrificio in più che molti oggi dimostrano di non avere..
Forse bisogna cominciare a chiedersi seriamente cosa si vuole davvero dalla vita, cosa occorre per essere felici e poi stabilire se si tratta di obiettivi fantastici o realizzabili. E poi riparlarne.

LILLY

Messaggio da LILLY » 25 novembre 2008, 12:03

verità ha scritto:Se il matrimonio non funziona più, non funziona più...al massimo si può riciclare in qualcosa di nuovo, ma non si può continuare a lavare a mano se hanno inventato la latrice...!

Lilly ha ragione in una sola cosa: Maja potrebbe anche scoprire che per chissà quale chimica o miracolo ama davvero suo marito...in tal caso, che sia matrimonio, o separazione riconciliata, capirà che vuole ancora stargli vicino, fregandosene di tutto e di tutto, anche del finanziere e di se stessa, ma se continuamo a parlare di figli, doveri e convenzioni, come farà a capirlo?
Nessuno sta parlando a Maja di doveri, figli e convenzioni. I figli, proprio perchè sono figli, devono essere presi in considerazione quando si decide per la separazione e non potrebbe essere altrimenti. Ma questo è un altro discorso, che non compete certo a me. Lo stabilirà il tribunale dopo.
Ho semplicemente consigliato a Maja di guardarsi bene dentro e capire se c'è ancora posto per suo marito, nel suo cuore. Lo ha amato per tanti anni e quindi potrebbe esserci ancora amore dentro di lei. Ma per fare questo deve impegnarsi di più e fare un attimo di silenzio intorno a sé. Certamente, se il finanziere continua ad inviarle 50 sms al giorno, non sarà mai avvantaggiata in questa ricerca.
Poi, se proprio non c'è nulla da fare, è meglio che parli chiaramente con suo marito perché nascondergli una verità così' importante non è corretto.

donnacmq
Messaggi: 15
Iscritto il: 25 ottobre 2008, 18:58

Messaggio da donnacmq » 25 novembre 2008, 14:48

mi trovo d'accordo con cio' ke dice verita' e twilight.....
aggiungo che piace anche a me la famiglia classica, marito e moglie ke si amano e si rispettano, che crescono insieme splendidi ed educatissimi figli e ke a Natale aprono il panettone insieme a 1000 altri parenti, tutti in armonia e felicita'....... negli spot pubblicitari e' proprio cosi' no?
Io di famiglie cosi' non ne ho mai conosciute.....
Eh ma le famiglie di una volta, dei nostri genitori, nonni.....erano unite, duravano una vita!! forse perke' la donna era costretta a sopportare di tutto e di piu'? forse perke' la donna era obbligata ai suoi doveri di ogni genere, ke le piacesse o meno?
Ke angoscia!!![/b]

LILLY

Messaggio da LILLY » 25 novembre 2008, 15:06

donnacmq ha scritto:Io di famiglie cosi' non ne ho mai conosciute.....
!!![/b]
Ci credo poco in questo tipo di famiglie.
Ma ho conosciuto famiglie in cui regna l'amore e il rispetto, la volontà di capirsi e di venirsi incontro, di perdonarsi e ricominciare, con la volontà di resistere insieme nella buona e nella cattiva sorte.
Queste famiglie sì che esistono.

Avatar utente
ricciolina
Messaggi: 873
Iscritto il: 19 luglio 2007, 10:59

Messaggio da ricciolina » 25 novembre 2008, 16:44

x lilly:

le esperienze che si devono fare prima sono "non solo" eseperienze sessuali, ma soparattutto esperienze affettive.
e comunque anche quelle sessuali fidati che sono importanti, se no si finisce come alcune donne a non provare l'orgasmo o frustrazioni di quel tipo per il resto della vita...

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 25 novembre 2008, 17:14

Eccomi qui!!!
Uauuu, quanti consigli!!!
Da dove inizio???
Sono mancata perche' il mio uomo, no marito, ha avuto un "problema"....
Mi viene da morire, a me, vorrei fargli leggere questo forum che a me sta servendo tanto!!!
La moglie sua...ha tentato il suicidio...mi viene da piangere.
Cioe' piango.
Ma come cazzo si fa???? Chi abita dalle mie parti, sa adesso chi e' il finanziere in questione, la voce circola come il vento qui da noi. Io sono quella che abita a 200mt da casa sua!!! Ecco sono io!!! l La meretrice in questione sono io!!!
Da dove inizio??? Dal dirvi che sono di una tristezza indicibile? Che non amo mio marito e che l'amore non rifiorisce quando finisce, muta in altri sentimenti benevolenza, rispetto...Io voglio amare ed essere amata!!!
Non voglio voler bene...ho tanti amici, fratelli da voler bene!!
Da dove inizio??? Non posso isolarmi dall'amante, perche' ci si vede sempre....come faccio?
E ora??? Sono venuta a sapere oggi, che aveva grossi problemi con la moglie, ecco perche' ha mollato. Che lei da prima lo ha ricattato, ma da settembre e' piombata nella disperazione piu' totale. Ora capisco perche' e da tantissimo che non la vedo in giro...
La moglie e' da settembre che non mangia, non dorme, non esce, non accudisce piu' il bimbo. Depressione...altro che io!!!!
Ora capisco il perche' del via vai dei familiari a casa sua, il perche' sparivano il fine settimana...etc...ora capisco.
Non ha voluto dirmi nulla prima, ma ha visto la moglie troppo messa male, che chiedeva aiuto, che si svegliava nel cuore della notte e vomitava, che dormiva intere giornate...e cosi ha scelto lei.
Ha scelto di stare con lei, perche' ce il bimbo, perche' sua moglie ha solo 26 anni e vive per lui... gli ha parlato a lungo in questi 2 mesi e da e uomo maturoe corretto qual'e', gli ha detto che ha avuto un altra storia, a differenza mia che me la faccio sotto con mio marito.
La moglie non l'ha presa come lui sperava, cioe' che si rassegnasse, l'ha presa ancora peggio e ieri notte s'e' scolata la candeggina!!!
Ma come cazzo si fa??? Con un bimbo di un anno che hai???? Per un uomo???
Mi dispiace da morire, dovrei essere io al suo posto!!!
Lui, ora e' distrutto. Dal rimorso. Da tutto.
Ha sbagliato con me, con lei. Si e' illuso che tutto tornasse apposto...non e' stato cosi e ora si ritrova senza nulla.
Devo fare la stessa fine???

Avatar utente
ricciolina
Messaggi: 873
Iscritto il: 19 luglio 2007, 10:59

Messaggio da ricciolina » 25 novembre 2008, 18:40

:shock: :shock: :shock: :shock:

caxxo s'è bevuta la candeggina!
è ancora viva?
poveretta, che dolore!
mi dispiace molto anche per te maja, se prima era un casino ora lo è ancora di più.
non c'è molto da dire, ma non pensare che ci dovresti essere tu, non ha senso, lo so che ti senti in colpa, ma non è una fine drammatica che risolve le cose, sei qui per cercare un nuovo inizio, ....non perderti come ha fatto sua moglie.

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”