ma è gelosia?...

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
titti60
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 marzo 2009, 21:30

ma è gelosia?...

Messaggio da titti60 » 10 luglio 2009, 11:45

provo ad aprire un nuovo post, ancora riferito alla gelosia, ma ad un tipo particolare di gelosia.
e se la gelosia è rivolta nei confronti del suo lavoro, ed è arrivata a livelli anomali? mi spiego meglio. lui fa un lavoro qualificante e gratificante, che lo porta ad avere contatti con moltissima gente. alcuni di questi contatti sono colleghi che lo cercano perchè lui è molto preparato. e oltremodo disponibile ad aiutare colleghi in difficoltà. altri contatti sono dovuti alle persone esterne con cui tratta sempre per lavoro e con cui instaura amicizie e conoscenze, anche fuori dall'italia, che lo cercano anche solo per salutarlo e fargli sapere che si ricordano di lui con riconoscenza. e qui come si direbbe, casca l'asino! io non sopporto la sua dedizione al lavoro, lavoro che peraltro svolge con passione, che lo porta a studiare ed aggiornarsi anche da casa! non sopporto che lo cerchino, quando gli telefonano per avere spiegazioni, piazzo "musi" incredibili, provoco litigi, silenzi insopportabili. non sopporto quando lui mi parla del suo lavoro, cercando di interessarmi, divento acida e insopportabile. so che tutto ciò non porterà a niente di buono.... che posso fare? scusate lo sfogo lungo!

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 17 luglio 2009, 12:27

Da quanto racconti il tuo compagno è una persona brillante, checerca anche di coinvolgerti nella sua vita professionale.
Dovreti apprezzare ciò e CAPIRE perchè ti crea così "dolore" o disagio una situazione del genere.
Un caro saluto
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

titti60
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 marzo 2009, 21:30

Messaggio da titti60 » 21 luglio 2009, 13:31

in realtà io l'ho già capito. me lo crea il fatto che lui sia comunicativo fuori e poco in casa. che la voglia di parlare e di chiaccherare gli venga quando è in ufficio e molto meno quando siamo soli. in due parole che il suo essere brillante si manifesti all'esterno.

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 21 luglio 2009, 18:04

Quindi nn è così sempre?
Sembra essere carente proprio e solo nella relazione di coppia?
Prova a manifestargli qsto tuo disagio e a trovare un confronto con lui.. vi aiuterebbe molto :wink:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

titti60
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 marzo 2009, 21:30

Messaggio da titti60 » 22 luglio 2009, 8:39

a questo punto non so più cosa pensare. se cerco di osservare le cose "da fuori" mi rendo conto che lui è così se io provoco. e io provoco se lui è così. una specie di cane che si morde la coda insomma. io lo cerco, lui mi dice che è stanco e io mi infurio,( ma se mi soffermo a pensarci mi rendo conto che capita raramente che sia così stanco, ma la prima reazione è partita). forse è normale che dopo tanti anni non dico non ci siano più cose da dirsi, ma ci siano anche momenti di silenzio, che non sono necessariamente pesanti. sono io che ingigantisco tutto. ma so anche il perchè. ed il perchè è che lo vorrei più attento, più partecipe,, vorrei che l'interesse che manifesta fuori, lo dedicasse anche a me. o forse "la vecchiaia" mi sta portando ad essere insopportabile acida e litigiosa. insomma ad essere come mia madre che contestavo! scusate lo sfogo

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 22 luglio 2009, 11:04

Dimmi se mi sbaglio,a me sembra che tu sia insoddisfatta della tua vita in generale
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

titti60
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 marzo 2009, 21:30

Messaggio da titti60 » 22 luglio 2009, 11:49

non proprio. solo di come si sta evolvendo il rapporto tra me e lui. perchè il rapporto tra noi ed i fgli ad esempio mi sta benissimo. non capita praticamente mai che discutiamo per loro. litighiamo per "noi" perchè secondo me non è abbastanza affettuoso, non me lo dimostra, non mi fa complimenti... perchè durante le ore lavorative non mi cerca mai... perchè se capitano momenti di silenzio quando siamo soli io lo accuso di non avere più niente da dirmi e di non stare bene con me... perchè magari mi racconta di qualcuno che è andato da lui e sono andati a prendere un caffè e ad esempio a prendere il caffè con me non viene mai....perchè il suo lavoro lo diverte e lo appassiona e invece con me dà l'impressione di annoiarsi... questo è il succo.

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 22 luglio 2009, 20:35

e lui dice che non è vero che lo fa?Magari è talmente stanco la sera che ti vede come più un porto sicuro dove riposarsi.Magari è talmente stressato dal resto, dal dover dare sempre il 100% con gli altri che con te si rilassa
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

titti60
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 marzo 2009, 21:30

Messaggio da titti60 » 23 luglio 2009, 9:00

"lui dice che non è vero che lo fa" cosa? annoiarsi con me? dice di no. cara lala, può essere che mi veda come un porto sicuro, come può anche essere che pensi che non ha senso cercarmi la mattina (perchidermi o dirmi cosa?) visto che poi pranziamo sempre insieme. come magari il momento della pausa del caffè è più "normale" che lo si faccia con i colleghi dell'ufficio, anzichè con il coniuge. tutto vero. so perfettamente che il problema è mio. perchè è a me che pesa che lui non mi cerchi e che ci siano momenti di "stallo". lui è pratico, pragmatico e con i piedi per terra. io l'opposto. pretendo (diciamo vorrei) attenzioni e pensieri da fidanzatini.... forse non sono cresciuta abbastanza...

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”