IL CUORE DEGLI UOMINI

Forum di confronto sulle strategie vincenti per le pari opportunità in amore. - Per conoscere in un confronto creativo il proprio ritmo e imparare a controllare le "aritmie maligne" -per condividere con altre donne l'anatomia del nostro modo di amare ed essere registe positive della vita affettiva. -per capire che amare non vuol dire accettazione totale per allontanare la paura di restare sole. -per scoprire che l'amore per l'altro è anche un'opportunità per amare meglio noi stesse. -per tutti gli uomini incuriositi dall'universo femminile

Moderatori: Dott.ssaVeneziani, Dr.ssa Elena Moglio

Avatar utente
ricciolina
Messaggi: 873
Iscritto il: 19 luglio 2007, 10:59

IL CUORE DEGLI UOMINI

Messaggio da ricciolina » 22 settembre 2008, 17:53

come faceva notare giustamente sfigato, questo topic mancava, ho voluto aprirlo io perchè l'argomento mi sta particolarmente a cuore.

lui dice che le differenze del cuore non sono poi tante, la dottoressa dice il contrario..
:?

come ormai sapete (chi mi conosce), sono in dolce attesa e da quando ho saputo che è maschio un dubbio più di ogni altro mi ronza nella testolina: ma io riusciro a capire mio figlio?
o faremo la fine di mia mamma e mio fartello che non si sopportano?

tutti questi dubbi non li avevo fino a quando non ho saputo il sesso e sincermente non credo che se fosse stata femmina mi sarebbero mai venuti, mi sentivo molto sicura di me mentre mi pensavo con una bimba, mentre con un maschio no, è tutta un'incognita.

e poi ancora il mio ragazzo, riuscirò a capire pure lui nei suoi dubbi nelle sue paure, lui una famiglia unita non l'ha avuta, e già esprime le prime paure di fare gli stessi errori di suo padre.. come farò a carpirne le debolezze e fargli coraggio?

ora la mia vita è definitivamente circondata da uomini, e mai più di adesso ho avuto bisongo di capirli.
prima cercavo il confronto, mi mettevo al loro pari e davo inizio al dibattito, ora sarà la condizione in cui mi trovo, ma mi sento così diversa da loro, che il confronto non ha più importanza, devo comprendere.

aiuto :roll:

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Messaggio da sfigato » 23 settembre 2008, 0:49

credo che in fondo il genere maschile (come anche quello femminile) sia molto più semplice di quel che si possa pensare e ritengo non sia propriamente corretto fare delle distinzioni particolari tra un genere e l'altro, poichè entrambi hanno sentimenti, desideri, passioni, sofferenze, emozioni che vengono vissute in modo soggettivo, cioè diversamente da ogniuno indipendentemente dal proprio genere.
Oggi però esiste questa moda delle pari opportunità che spesso schiera l'opinione comune verso un genere o l'altro come se si trattasse di una specie animale in via d'estinzione, quando invece tutti dovrebbero essere aiutati nello stesso modo in maniera costante: non perchè uomini, non perchè donne, bensì poichè UMANI meritiamo tutti le giuste attenzioni!

Avatar utente
SkyExpress
Messaggi: 80
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 15:43
Località: Cagliari

Messaggio da SkyExpress » 23 settembre 2008, 10:36

Penso che rigurado al cuore, sia forse riconoscibile una certa differenza di sensibilità a favore delle donne, anche senza cadere però in schematiche generalizzazioni.
Poi, ci sarebbe da legare questo discorso alla sfera della sessualità, complicando ulteriormente il confronto, perchè è innegabile che le differenze biologiche entrino pesantemente in gioco: ma fino a che punto, mi chiedo?

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 23 settembre 2008, 20:53

secondo me cuore di uomini e donne è parecchio diverso..per natura..certo dipende anche dal carattere..ma l'emotività è diversa..
ma tu sei così sicura che se fosse stata femmina l'avresti capita? :lol: ce ne sono a josa di figlie femmine che si detestano cordialmente con le madri e di figli maschi che invece ci vanno d'accordo...
non è questione di sesso il capire i figli..è questione di come si fa il genitore e anche in parte di fortuna..a seconda di che tipo di personaggio è il figlio..anche i bambini hanno il loro carattere chiaramente..quindi non dare per scontato niente..
Immagine

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Messaggio da sfigato » 23 settembre 2008, 22:59

Twilight ha scritto:secondo me cuore di uomini e donne è parecchio diverso..per natura..certo dipende anche dal carattere..ma l'emotività è diversa..
ma tu sei così sicura che se fosse stata femmina l'avresti capita? :lol: ce ne sono a josa di figlie femmine che si detestano cordialmente con le madri e di figli maschi che invece ci vanno d'accordo...
non è questione di sesso il capire i figli..è questione di come si fa il genitore e anche in parte di fortuna..a seconda di che tipo di personaggio è il figlio..anche i bambini hanno il loro carattere chiaramente..quindi non dare per scontato niente..
tu sei madre?

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 25 settembre 2008, 17:56

da non madre può risultarmi difficile capire...
però credo che comunque farai del tuo meglio( ci volevo io a dirlo!!!) più in là di così cosa potresti fare?
uno ci prova ad insegnare, a comprendere, a capire anche i comportamenti più incredibili... a trasmettere valori e altro... ma appunto, una volta che hai provato al meglio non puoi avere rimpianti :)
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 26 settembre 2008, 21:02

e cosa c'entra se sono madre o no?!
son figlia
dico semplicemente che non è il sesso del nascituro a determinare se la madre lo capirà o meno, dipende dal carattere della persona che nasce e da come si riesce ad approcciare la madre.
il fatto che sia maschio non cambia niente...se anche fosse femmina potrebbe detestare cordialmente la madre come capita anzi spesso..per diversi motivi..anzi..di solito i maschi legano di più con la madre e le femmine col padre..
Immagine

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Messaggio da sfigato » 27 settembre 2008, 13:35

ho solo chiesto.
In ogni caso, a mio avviso, tendi sempre a generalizzare dando risposte che appaiono sempre ovvie, ma che difficilmente calzano con le realtà soggettive.
Perchè invece di parlarci di tutte quelle figlie che "detestano cordialmente la madre" (ma che vuol dire??) e che pertanto "legano di più col padre" come se fosse il postulato di una scienza esatta, non rifletti sulla Tua realtà personale raccontandola in prima persona?

Non mi dirai che il tuo cuore sia così scontato!! perchè non provi a descrivercelo?

lecturer
Messaggi: 417
Iscritto il: 11 agosto 2007, 1:31

Messaggio da lecturer » 6 ottobre 2008, 20:37

Ricciolina io ho un maschio e una femmina. Per ora non ho grandi problemi di incomprensione né con uno né con l'altra, sono ancora piccoli, e non voglio farmi illusioni: temo il periodo dell'adolescenza, o peggio ancora dopo. Spero che saranno meno teste di caxxo di quanto non lo fossi io a vent'anni. Comunque non farti problemi adesso e goditi questo momento, perché è unico al mondo. Solo vivendolo si può capire cosa si prova. Al dopo ci penserai quando sarà il momento. Tanti auguri

marialucialandolfi
Messaggi: 12
Iscritto il: 6 ottobre 2008, 19:13

IL CUORE E' UGUALE PER TUTTI MA...

Messaggio da marialucialandolfi » 8 ottobre 2008, 11:02

Ciao,
le differenze tra uomini e donne risiedono essenzialmente nel loro modo di comunicare e di percepire le situazioni (non a caso si dice che provendono da due pianeti diversi) quindi per avere una comunicazione efficace e costruttiva e soprattutto per riuscire a capire a fondo l'altro bisogna imparare i rispettivi schemi comunicativi.
Questo in generale, per quanto riguarda i figli, entrando in gioco anche l'aspetto educativo, è utile riuscire a capire bene come deve essere inteso il ruolo dei genitori e quali sono i metodi più efficaci da utilizzare per riuscire a capire i propri figli e soprattutto come riuscire a rispettare i propri ruoli di uomo e donna facenti parte di una coppia.
Tu e il tuo compagno dimostrate un grandissimo senso di responsabilità verso questo bambino ancor prima che nasca, a dismotrarlo sono proprio le mille domande che vi state ponendo.
Oggi sono numerosissime le possibililtà di avere accesso a tutte le informazioni che ti ho indicato sopra: libri, corsi, tecniche di Programmazione Neuro Linguistica e specialisti del campo familiare, sta solo a voi decidere di cominciare a cercare e a utilizzare ciò che più vi sembrerà efficace, comincerà così per voi un percorso di forte crescita personale e come famiglia che vi permetterà di vivere la vita meravigliosa che meritate e costruire la famiglia che desiderate con tanto amore essere.

Sono a tua disposizione, spero di esserti stata d'aiuto

Marialucia Landolfi
Coach
se vuoi una consulenza professionale gratuita o un coaching vai su www.ViviDaDio.com

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Re: IL CUORE E' UGUALE PER TUTTI MA...

Messaggio da sfigato » 8 ottobre 2008, 19:53

marialucialandolfi ha scritto: Marialucia Landolfi
Coach
se vuoi una consulenza professionale gratuita o un coaching vai su www.ViviDaDio.com
e chi non crede in Dio? :lol: :lol:

Perchè tutti i soggetti, indipendentemente dal proprio genere, che si avvicinano alla PNL non riescono ad uscire da un registro di comunicazione "promozionale", paragonabile ad uno slogan pubblicitario?

lecturer
Messaggi: 417
Iscritto il: 11 agosto 2007, 1:31

Messaggio da lecturer » 8 ottobre 2008, 20:26

Guarda, anch'io quando ero incinta ho letto mille libri (soprattutto con il primo), mi facevo un sacco di menate mentali, ho frequentato gruppi pre-parto e anche post-parto, e comunque poi alla fine ho visto che nel rapporto con i miei figli mi sono lasciata guidare soprattutto dall'istinto, e per adesso mi è andata bene, perché a quanto vedo sono entrambi sereni e si relazionano molto bene sia con gli altri bambini che con gli adulti. Come ho già detto non canto vittoria e temo momenti più critici, ma comunque resto dell'idea che l'istinto materno sia una gran cosa

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Re: IL CUORE E' UGUALE PER TUTTI MA...

Messaggio da Aikiko » 8 ottobre 2008, 22:38

sfigato ha scritto:
marialucialandolfi ha scritto: Marialucia Landolfi
Coach
se vuoi una consulenza professionale gratuita o un coaching vai su
e chi non crede in Dio? :lol: :lol:

Perchè tutti i soggetti, indipendentemente dal proprio genere, che si avvicinano alla PNL non riescono ad uscire da un registro di comunicazione "promozionale", paragonabile ad uno slogan pubblicitario?
A ecco, allora si tratta della mitica "programmazione neuro linguistica". Grazie Sfigato per avermi rivelato il verbo! :wink: Credo che me ne terrò ben lontana.
(scusate l'OT)

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 27 ottobre 2008, 18:08

vi informo che Marialucia Landolfi è stata diffidadata a svolgere pubblciità commerciale nei forum di Pagine Blu. Questo non solo perchè non è possibile verificare l'attendibilità e la serietà degli eventuali "prodottti" consigliati, ma anche per un'etica del forum più generale
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Avatar utente
nikiland
Messaggi: 193
Iscritto il: 19 aprile 2007, 11:58

Messaggio da nikiland » 6 novembre 2008, 10:25

sfigato ha scritto:credo che in fondo il genere maschile (come anche quello femminile) sia molto più semplice di quel che si possa pensare e ritengo non sia propriamente corretto fare delle distinzioni particolari tra un genere e l'altro, poichè entrambi hanno sentimenti, desideri, passioni, sofferenze, emozioni che vengono vissute in modo soggettivo, cioè diversamente da ogniuno indipendentemente dal proprio genere.
Oggi però esiste questa moda delle pari opportunità che spesso schiera l'opinione comune verso un genere o l'altro come se si trattasse di una specie animale in via d'estinzione, quando invece tutti dovrebbero essere aiutati nello stesso modo in maniera costante: non perchè uomini, non perchè donne, bensì poichè UMANI meritiamo tutti le giuste attenzioni!
a parer mio condivido abbastanza la tua opinione riguardo al fatto che siamo su certe cose semplici e che conta molto la soggettività, però è proprio anche un fatto che le connessioni del cervello siano diverse negli uomi rispetto alle donne ad es. e che questo modifichi proprio un po' certe caratteristiche anche mentali. Così, generalizzando questo vale per ogni specie e per razza... ci sono diversità e sono evidenti...

Rispondi

Torna a “Il cuore delle donne”