aiuto! sono nuova ma aiutatemi!

La crisi di coppia è un fenomeno diffuso, spesso caratterizzato dalla presenza di una comunicazione patologica e distruttiva. Per potersi evolvere la coppia ha bisogno di risolvere i fisiologici conflitti che si generano al suo interno. La normalità della vita sentimentale non è l'assenza di problemi ma la consapevolezza di poterli affrontare. Parliamone.

Moderatori: Dott.ssaVeneziani, Dr.ssa Elena Moglio

Rispondi
vale_1984
Messaggi: 10
Iscritto il: 18 ottobre 2011, 14:07

aiuto! sono nuova ma aiutatemi!

Messaggio da vale_1984 » 18 ottobre 2011, 14:42

Ciao a tutti,
ho 27 anni (anzi sono ancora 26 fino a giovedì!) e convivo con un ragazzo magnifico da un anno.
Abbiamo un mutuo bello pesante sulle spalle, ma grazie a Dio, sia io che lui abbiamo un buon lavoro, e con i dovuti sacrifici e le ovvie rinunce riusciamo a vivere, diciamo discretamente.
Vi chiederete il perchè di questa premessa, ebbene ve lo spiego subito.
Il papà del mio lui è indebitato fino al collo, non si sa bene perchè, non si sa da quando e soprattutto in quella famiglia regna un alone di finto idillio, ma sta di fatto che quest'uomo agisce indisturbato da una ventina d'anni e nessuno sembra farci caso.
Il mio ragazzo, quando l'ho conosciuto io quattro anni fa, gli stava pagando le rate della macchina che aveva comprato a suo nome (una bmw 3000, usata ovviamente), da notare che quest uomo lavora come addetto al banco in una nota catena di supermercati, quindi non avrebbe mai potuto permettersi una macchina del genere, e tanto meno il figlio, ma facendogli firmare il contratto con una scusa, l'ha incastrato per un bel po' di anni.
Quando lui ha finito di pagare la macchina, io e il mio ragazzo abbiamo deciso di comprare casa, ma facendomi promettere che una volta imbarcati in questa nuova condizione di "debitori" verso la banca, avrebbe smesso di dare soldi a suo padre. Ha ovviamente promesso che non sarebbe più capitato.
Invece la situazione continua, e ogni 2 per 3 noi litighiamo per colpa dei suoi genitori, io gliene dico di tutti i colori e lui si arrabbia.
Il problema fondamentale di tutta questa situazione, è che ogni volta che lui si incazza con suo papà e gli dice che è l'ultima volta, il padre piange facendo leva sul fatto che ha problemi di cuore e che se lui non lo aiuta non potrà sopravvivere, ecc ecc.
Quello che il mio ragazzo non sa (ma che hanno riferito a me, ancora prima di scoprire che quello che sarebbe diventato il mio ragazzo era suo figlio!) è che suo padre ha i problemi al cuore per il continuo uso di viagra che usa per andare a puttane col macchinone che il figlio gli ha pagato.
Ora io vorrei dirlo al mio ragazzo perchè questa situazione sta diventando insostenibile, non so cosa fare, non voglio passare sempre dalla parte della stronza e mi sono scocciata di dare i nostri soldi (sono anche miei perchè abbiamo un conto unico) a quell'uomo raccapricciante.
Lo odio, lo detesto e non vorrei averci niente a che fare. Ovviamente in casa è un agnellino, ma dove abitavo io lo conoscevano tutti, diciamo che la sua fama lo precede. Cosa devo fare? Glielo devo dire pur non avendo prove concrete? come devo fare per farglielo capire? Io non posso vivere con questo mal di stomaco perenne che mi distrugge....
Grazie a tutti, Vale
Vale

Non vergognamoci di dire ciò che non ci vergognamo di pensare.

elfonero
Messaggi: 23
Iscritto il: 17 ottobre 2011, 2:03

Re: aiuto! sono nuova ma aiutatemi!

Messaggio da elfonero » 19 ottobre 2011, 12:14

Parlane sinceramente, con amore col tuo ragazzo. Fagli presente ciò che provi. Se dovesse continuare a "proteggere" il padre, se per te la situazione è insostenibile, forse è il caso di metterlo alle strette. Se non ti va di continuare in questo modo, diglielo!

vale_1984
Messaggi: 10
Iscritto il: 18 ottobre 2011, 14:07

Re: aiuto! sono nuova ma aiutatemi!

Messaggio da vale_1984 » 20 ottobre 2011, 11:21

Non credo che se gli dicessi quello che so mi crederebbe, per lui è inconcepibile, considera suo papà una brava persona che in passato gli ha fatto UN SOLO torto (secondo lui è solo uno, io ne vedo continuamente) e che si è pentito. Ma da lì a riuscire a mandare giù che suo papà usa i soldi per andare a donnine e per peggiorare la sua salute, non penso proprio che lo farebbe. Anzi penso che non mi permetterebbe e non mi perdonerebbe di "insinuare" una cosa del genere.... ma io glielo vorrei dire lo stesso..... ufff cosa faccio?
Vale

Non vergognamoci di dire ciò che non ci vergognamo di pensare.

elfonero
Messaggi: 23
Iscritto il: 17 ottobre 2011, 2:03

Re: aiuto! sono nuova ma aiutatemi!

Messaggio da elfonero » 21 ottobre 2011, 0:59

In alcuni casi dobbiamo essere i nostri migliori amici. Darci dei consigli, che dentro di noi sentiamo, ma che per una questione emotiva non riusciamo ad ascoltare. Invece, basterebbe sentire ciò che "il nostro migliore amico" che poi potrebbe essere l'istinto, e agire non emotivamente, ma secondo quanto è giusto dentro di noi. Perché principalmente dobbiamo rispetto a noi stessi e per alcun motivo è lecito stare a compromessi. Se lui, se lui, ma a te? Se a te sta bene, allora ok. Lui decide per sé, ma a te sta bene così? Altrimenti, prendi la tua decisione. Se lui non crede a te, ma si fida di più del padre, beh, che stiano insieme. Su certi aspetti ammetto di non essere molto tollerante. Il mio parere è questo.

vale_1984
Messaggi: 10
Iscritto il: 18 ottobre 2011, 14:07

Re: aiuto! sono nuova ma aiutatemi!

Messaggio da vale_1984 » 21 ottobre 2011, 9:48

elfonero ha scritto:In alcuni casi dobbiamo essere i nostri migliori amici. Darci dei consigli, che dentro di noi sentiamo, ma che per una questione emotiva non riusciamo ad ascoltare. Invece, basterebbe sentire ciò che "il nostro migliore amico" che poi potrebbe essere l'istinto, e agire non emotivamente, ma secondo quanto è giusto dentro di noi. Perché principalmente dobbiamo rispetto a noi stessi e per alcun motivo è lecito stare a compromessi. Se lui, se lui, ma a te? Se a te sta bene, allora ok. Lui decide per sé, ma a te sta bene così? Altrimenti, prendi la tua decisione. Se lui non crede a te, ma si fida di più del padre, beh, che stiano insieme. Su certi aspetti ammetto di non essere molto tollerante. Il mio parere è questo.
No in effetti è proprio questo il mio problema, posso tollerare qualunque cosa, ma non che quest'uomo si prenda gioco e faccia il lavaggio del cervello a una persona, se vogliamo ingenua, ma tanto tanto buona di cuore. E' questo, più di tutto, che non riesco a sopportare, ma anche aprirgli gli occhi potrebbe essere un colpo doloroso per lui. Ma penso che infine glielo dirò.... e staremo male entrambi, ma spero insieme.
Vale

Non vergognamoci di dire ciò che non ci vergognamo di pensare.

Avatar utente
Olivio
Messaggi: 7
Iscritto il: 29 marzo 2012, 18:01
Contatta:

aiuto sono nuova ma aiutatemi

Messaggio da Olivio » 23 maggio 2012, 21:43

Ciao Federica,

probabilmente la mia risposta non ti sarГ  di grande aiuto perchГ© ho i tuoi stessi dubbi, ma forse possiamo aiutarci l'un l'altro.

Sono nella tua stessa situazione, frequento il primo anno di ingegneria e vorrei passare a medicina. A differenza tua perГІ, non mi entusiasma il mio percorso di studi e anzi non riesco proprio a farmi piacere il lavoro che andrГІ a fare un giorno se continuerГІ al Politecnico.

Cosa intendi per "io amo la medicina"? Ami cosa si studia a medicina o il lavoro di un chirurgo? Come ti sei avvicinata a questo mondo? Mi sembra di capire che per te medicina non ГЁ una seconda scelta ed ГЁ fondamente questo. Forse sei solo un pГІ troppo orgogliosa e dopo aver fallito il test hai deciso di mollare di colpo per non pensarci piГ№, e ti capisco, ma alla fine il desiderio ГЁ tornato e non credo che riuscirai a lasciarlo da parte anche studiando economia.

Io alle superiori non ero molto interessato a Medicina, anzi non l'avevo proprio considerata, anche se nutrivo un interesse sin da piccolo per l'anatomia e le malattie e avevo seguito piГ№ di un corso da volontario di croce rossa. Credevo non fosse una strada per me, poi quest'anno in seguito a diversi problemi personali che mi hanno portato a essere sottoposto a un'operazione, mi si sono aperti gli occhi.. E boh, non so spiegarlo, stare in ospedale e in sala operatoria, vedere cosa facevano i dottori mi interessava.. E ho piГ№ volte volte cercato di capire se era solo uno scintillio che poi passava, ma non ГЁ mai passato.. So piГ№ io sull'apparato circolatorio ora che un mio amico che ГЁ entrato a medicina l'anno scorso.. Anche io ho come tutti il timore della responsabilitГ , dell'intervento e di tutto ciГІ che riguarda il lavoro di un dottore, ma credo che non sia questo che deve spaventare, quanto piuttosto il pensiero dell'impegno che ci si deve mettere e della passione che si ha..

E per quanto riguarda te, hai scritto che non ti spaventa di lavorare giorno e notte in un ospedale e dello studio, inoltre sei appassionata e volonterosa.. Se sei sicura di questo e conosci abbastanza te stessa per confermarlo, vai avanti a Medicina

Abbiamo tempo per pensarci ancora qualche mese, per quanto mi riguarda io il test lo provo a dare lo stesso, ma so giГ  che se entrerГІ, passerГІ a medicina.
Amo como ama el amor. No conozco otra razon para amar que amarte. ?Que quieres que te diga ademas de que te amo, si lo que quiero decirte es que te amo?

Rispondi

Torna a “Quando l'amore non basta”