CONFUSIONE E PANICO

La crisi di coppia è un fenomeno diffuso, spesso caratterizzato dalla presenza di una comunicazione patologica e distruttiva. Per potersi evolvere la coppia ha bisogno di risolvere i fisiologici conflitti che si generano al suo interno. La normalità della vita sentimentale non è l'assenza di problemi ma la consapevolezza di poterli affrontare. Parliamone.

Moderatori: Dott.ssaVeneziani, Dr.ssa Elena Moglio

Rispondi
tnpee93
Messaggi: 1
Iscritto il: 25 ottobre 2015, 8:40

CONFUSIONE E PANICO

Messaggio da tnpee93 » 25 ottobre 2015, 9:23

Ciao a tutti, sono nuova nel forum e mi sono registrata perche' ho bisogno urgentemente di un vostro aiuto. PIACERE DI CONOSCERVI!
Sono una studentessa universitaria e ho 22 anni. Spero di non dilungarmi troppo nel racconto e di essere più chiara possibile.
Inizia tutto dal primo anno di Liceo (15anni) quando io e il mio compagno delle scuole medie iniziamo a messaggiare costantemente tutti i giorni. Abbiamo la stessa età e siamo dello stesso paese; lui ricco e di buona famiglia anche se secondo me un pò montati di testa. Eravamo compagni di classe e non ci eravamo mai accorti di piacerci, o forse lui non lha mai voluto ammettere. Inizialmente a me non piaceva , fin quando l inizio delle scuole superiori (due scuole differenti) lui si e' accorto che le mancavo e così inizia a scrivermi tutti i giorni. La mia considerazione nei suoi confronti inizialmente era veramente poca fin quando a distanza di alcuni mesi ha iniziato a piacermi sempre di più e mi sono perdutamente innamorata. Lo amavo follemente, ve lo giuro. La nostra storia e' andata avanti 5 lunghi anni, di questi gli ultimi due veramente tra alti e bassi. Me ne faceva di tutti i colori ma io lo perdonavo sempre. Lui sempre in giro ed io sempre a casa. Lui in discoteca ed io a casa a piangere. Ma sapevo comunque che mi amava, altrimenti perche' doveva stare con me? ne poteva avere quanto ne voleva. Lui veniva fin fuori a casa mia, lo sapevano sia i miei che i suoi genitori. Uscivamo a piedi in paese e di conseguenza per me, piccola che ero, era veramente FANTASTICO. Inizio l'università mentre lui inizia a lavorare. Le difficoltà erano sempre tante, un giorno mi voleva, l'altro mi lasciava. Ho sofferto tanto fin quando a Giugno 2013 chiudiamo definitivamente. Dopo qualche mese conosco un ragazzo, molto BELLO, dolce, affettuoso, sempre presente, più grande di me di 3 anni e che stava in un paese vicino al mio. Inizio a sentirlo, sperando di dimenticare una volta per tutte il mio ex, fin quando decido di incontrarlo. Da li inizia la nostra storia, anche se io ho sempre e costantemente pensato quella storia finita male e senza alcuna spiegazione con il mio ex. Decido di andare avanti con questo ragazzo, mi faceva sentire una principessa, tanto che decido di presentarlo ai miei genitori e viene a casa mia. Io vado da lui. Entrambi i genitori mangiano insieme e sono molto legati. Loro molto umili, tranquilli, gentili ma i figli tenuti dentro una campana di vetro e di conseguenza sembrano avere difficoltà nel relazionarsi. Superiamo alcune difficoltà e vado avanti sperando che prima o poi il mio ex sarebbe scomparso definitivamente dalla mia vita. Insomma una bella storia d'amore, di quelle che credi durino tutta la vita. Sono una ragazza molto corteggiata ma non ho mai tradito il mio ragazzo e non ho nemmeno mai pensato di farlo, anzi, sono stata da sempre contro il tradimento. Poi due settimane fa è successo qualcosa che improvvisamente ha cambiato la mia vita quando meno me l'aspettavo; sono passati due lunghi anni, fin quando martedi scorso il cuore comanda me stessa. FACCIO UN CONTATTO FINTO E SCRIVO AL MIO EX. Il mio intento era quello di fargli arrivare un messaggi del tutto privato e dirgli del bene che gli ho sempre voluto. Ed invece lui capisce subito che ERO IO! Mi ha chiesto di parlare al tel ed io non volevo, preferivo restare nell'anonimato. AVEVO PAURA,ma ho ceduto! Mi ha cominciato a dire che ke gli ero rimasta nel cuore, che non mi ha mai dimenticata perchè ero diversa dalle altre, avevo quel qualcosa in più, che mi vuole, che non si e' mai fatto sentire perche' credeva che io ero felice con il mio attuale fidanzato. Parliamo tantissimo al telefono ed anche se mi sentivo dannatamente in colpa x il mio attuale fidanzato non riuscivo a staccare. SENTIRLO DOPO DUE ANNI E' STATO QUALCOSA DI FANTASTICO. Io gli ho detto che con lui non ho mai avuto intenzione di ritornarci insieme xk mi ha fatto del male, ma che ho sempre voluto sentirlo x chiarire quella situazione che era rimasta posata nel cassetto. Lui ha cominciato a dirmi di tutto, che mi pensa di continuo,che passa spesso da casa mia sperando di vedermi, che e' cambiato (abbiamo 22 anni e ci siamo lasciati a 19), che attraverso le storie che ha avuto in questi 2 anni ha capito che non riesce a dimenticarmi, che nessuna gli ha fatto provare le emozioni provate con me....e da lì inizio a sentirmi confusa, mi vengono mille dubbi sulla mia storia. QUELLE PAROLE MI HANNO DESTABILIZZATA E SCOMBUSSOLATA. Ma da martedi scorso ci sentiamo tutti i giorni (oggi 5 giorni) e io capisco che non posso fare a meno di sentirlo, che sto bene, che lo penso ma ovviamente non gli dico niente e credo che sia solo in memoria dei bei ricordi! il mio attuale fidanzato non sa nulla , anche se pero non mi faccio sentire, mi dimentico di rispondergli ai messaggi, mi ha chiesto cos'ho ed io ho detto che ho problemi all'università. MI FACCIO SCHIFO PER TUTTE QUESTE BUGIE.Adesso non so che fare, non vorrei rovinare 2 anni d'amore con il mio ragazzo per un momento di confusione! Vorrei incontrare il mio ex solo per guardarlo negli occhi e capire quale è la scelta migliore...per capire se è solo un momento oppure no...ma lo vedrei cmq come un tradimento nei confronti del mio ragazzo a cui non ho raccontato mai bugia fino ad oggi...sto male e non sono mai stata così indecisa nella mia vita..anzi credevo, per come sono fatta, che una situazione del genere non sarebbe mai capitata nella mia vita. Non riesco a mangiare, ne a dormire. La mattina mi sveglio e penso al mio ex. VI GIURO CHE non avrei mai pensato che potesse succedere a me, tutti i sani princìpi, tutta la moralità, le regole, il comportarsi perfettamente....e poi in un attimo tutto cambia e non mi ritrovo più, non è solo la questione di tradire la fiducia del mio fidanzato ma è il perdere il controllo di me stessa, dei miei pensieri e chiedermi "ma chi sono?....cosa sono diventata?".........questo penso sia l'aspetto più pericoloso, più destabilizzante, quello che mi può far sbagliare sia un senso che in un altro...potrei per uno stupido errore buttare via un bel rapporto, sereno, duraturo, oppure per contro ostinarmi a portare avanti lo stesso rapporto pensando che è la cosa più giusta da fare, perchè in fondo tutti si aspettano questo da me e io non li voglio deludere!! Infatti uno dei problemi che mi frena e' che stiamo in un paesino estremamente piccolo (siamo calabresi) e ho tantissimo paura del giudizio della gente, di quello che penseranno i miei genitori e tutti i miei parenti. Lascio una situazione certa, seria e stabile, per una situazione instabile? e' tutto difficile e mi sento fortemente condizionata da tutto il complesso. Ho paura che faccio una scemenza e che ritorno a stare male nuovamente per lui. Mi dispiace per il mio attuale ragazzo e per tutta la sua famiglia :( !! Mi sento di deludere tutti ,compresa me stessa.
E se invece il mio, nei confronti del mio ex, e' solo affetto per i tanti anni?? non capisco più chi amo. :(
Scusate se mi sono prolungata un pò troppo e grazie in anticipo per i consigli!!

Rispondi

Torna a “Quando l'amore non basta”