Compagno mammone, rapporto in crisi

La crisi di coppia è un fenomeno diffuso, spesso caratterizzato dalla presenza di una comunicazione patologica e distruttiva. Per potersi evolvere la coppia ha bisogno di risolvere i fisiologici conflitti che si generano al suo interno. La normalità della vita sentimentale non è l'assenza di problemi ma la consapevolezza di poterli affrontare. Parliamone.

Moderators: Dott.ssaVeneziani, Dr.ssa Elena Moglio

Post Reply
Medea1989
Posts: 1
Joined: 30 November 2015, 20:47

Compagno mammone, rapporto in crisi

Post by Medea1989 »

Salve a tutti,

spero di riuscire a rendere chiaro il mio dilemma per ricevere confronto.

Ho 26 anni e sono fidanzata da circa 4 anni con un ragazzo della mia età. Il rapporto non è nato subito, ma ha avuto una fase iniziale di corteggiamento (da parte mia). Quando, dopo un po' di tempo, la frequentazione è diventa assidua e, per così dire, si è ufficializzata, la visione che avevo di lui era di una idealizzazione rosea e perfetta: non potevo chiedere di più alla vita, lui mi amava, io lo amavo e tutto mi sembrava idilliaco.

Lui mi ha poi presentato alla sua famiglia: da quel momento per me le cose sono letteralmente "involute". La nostra relazione si è allargata a un rapporto a tre con la madre.

A me sembra che lui abbia con sua madre un rapporto patologico perchè dipende materialmente da lei in tutte le faccende di casa e di cura personale e lei è totalmente appagata del suo ruolo di tuttofare per il figlio. Per sua ammissione, la madre ama fare tutto al posto del figlio perchè "le piace comandare", così la sua figura è sempre onnipresente, anche nei discorsi di lui, che dice di aver bisogno di questo attaccamento familiare perchè gli è mancato negli anni di studente fuori sede.

La situazione non mi darebbe fastidio se si esaurisse nelle mura domestiche di casa sua, ma purtroppo l'attaccamento per me eccessivo a sua madre si ripercuote nella relazione di coppia: lui vuole che io accetti di stare sempre a casa sua, sere incluse, desidera che io dorma a casa sua, che vada in vacanza con lui e i suoi perchè così può avere tutto il "pacchetto": madre, padre, fratelli e ragazza attorno a lui.
Non riesco a comprendere nè ad accettare che un uomo (a 26 anni sei un uomo) dica a quella che dovrebbe essere la sua donna che è felice di averla con lui e la sua famiglia perchè gli sembra di avere una "piccola sorellina".
Non posso tollerare nemmeno che, forse per un senso di colpa che non so, si comporti con la madre come dovrebbe fare un marito: quante volte, con me presente, le ha preso regali e fiori ignorando o dimenticandosi che io ero lì e magari, qualche volta, anche a me farebbe piacere ricevere un fiore.

Riconosco che è stata anche colpa mia l'essere arrivati a questo perchè per lungo tempo ho ignorato i segnali di mammismo, pensando di non dovermi intromettere nelle sue relazioni familiari, ma negli ultimi tempi mi sembra di non essere la sua donna ma un'appendice della sua famiglia con cui, occasionalmente, quando lui ha voglia, può fare sesso ed essere coccolato. Io e lui, ultimamente, non ci vediamo praticamente mai al di fuori delle mura di casa sua.

Lui mi dice che desidera una vita con me, che vuole sposarmi e avere figli, ma mi chiedo come possa essere un nostro futuro con queste premesse, anche perchè io sono crescuita fin da piccola in modo autonomo e sufficiente e non sopporterei l'idea di dover badare a un uomo adulto quando potrebbe essere in grado di fare le sue cose da sè: parlo di faccende banali come cucinare, lavare, stirare, cose che, come posso vedere tutti i giorni, lui è abituato a demandare tranquillamente alla madre.

Non so come affrontare la situazione; ogni volta che tocco l'argomento lui nega di essere mammone perchè pensa che tutto questo sia normale. Mi viene il dubbio se sia io a essere egoista e gelosa o se sia lui a essere proprio un mammone senza speranza.
alessini
Posts: 9
Joined: 20 August 2017, 4:32

Re: Compagno mammone, rapporto in crisi

Post by alessini »

prima o poi sara' tutyo tuo basta aspettare
Post Reply

Return to “Quando l'amore non basta”