Un piccolo consiglio per me

La crisi di coppia è un fenomeno diffuso, spesso caratterizzato dalla presenza di una comunicazione patologica e distruttiva. Per potersi evolvere la coppia ha bisogno di risolvere i fisiologici conflitti che si generano al suo interno. La normalità della vita sentimentale non è l'assenza di problemi ma la consapevolezza di poterli affrontare. Parliamone.

Moderatori: Dott.ssaVeneziani, Dr.ssa Elena Moglio

Rispondi
Satetta
Messaggi: 2
Iscritto il: 30 maggio 2009, 17:24

Un piccolo consiglio per me

Messaggio da Satetta » 31 maggio 2009, 13:46

Ciao a tutti sono una ragazza di 20 anni e da circa 10 mesi sn fidanzata con un uomo di vent'anni più grande di me.
Il nostro rapporto è sempre stato unico, siamo riusciti a compensarci l'un l'altro, lui ha cercato in me la comprensione che non ha mai trovato(non sono una di quelle ragazze che si arrabbia se il suo lui esce con gli amici) io ho trovato in lui la maturità che cercavo.
Tutto sembrava andare per il meglio fio a ieri sera quando mi ha confessato:"Stare con te è qualcosa di troppo grande, non so se ci riesco".
Vi lascio immaginare il mio stato d'animo in quel momento, avrei voluto urlare, rompere tutto, fargli provare anche solo per un attimo quello che stavo provando io, ma purtoppo sono rimasta li immobile e zitta.
Non so quanto tempo è passato, forse un paio di minuti che mi hanno aiutato a prendere coraggio, gli ho detto che anche ioe ro una persona, che anche io avevo dei sentimenti, che non avrei mai pensato che la differenza d'età potesse essere un peso per lui.
Lui mi ha risposto:"Hai vent'anni, hai una vita d'avanti, io ti farò solo soffrire".
A quel punto sono uscita dalla macchina e sono tornata a casa a piedi.
Tornata a casa gli faccio uno squillo sul cellulare e lui mi richiama, mi ribadisce quello che ha detto e aggiunge:" Da te ho ottenuto quello che volevo".
Dopo un pò di tempo impiegato a spezzarmi il cuore mi dice che stava scherzando, ritorna quello che conosco e che sonos tata scema a credere a tutto quello che mi diceva, dato che lui vuole stare con me, aggiunge anche che voleva solo mettermi alla prova e vedere io cosa provassi per lui.
Chiacchieriamo ancora per qualche oretta prima di andare a dormire.
Ma di ore di sonno ce ne sono state davvero poche.
Ho un pensiero che mi assilla, ho paura che tutto ciò che mi abbia detto è vero, ma che è solo troppo codardo per prendere un altra strada.
Secondo voi che dovrei fare?? vi prego datemi un consiglio

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 31 maggio 2009, 14:17

sì è un codardo,uno che non ti ama e che si è fatto la storiella "ringiovanente" con la giovane donna.si sente un gran figo?bene, dimostragli che è solo un povero idiota.sparisci.
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 31 maggio 2009, 15:58

E' ancora bambino.
Dubito che si possa parlare di una prova.
Era sincero, solo che poi non è stato capace di esserlo fino in findo.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 31 maggio 2009, 23:27

vuoi che ti dica cosa penso senza peli sulla lingua?
ovviamente è solo una mia impressione..non vi conosco

lui ti ha detto la verità, non era una prova, non voleva vedere come reagivi, ha visto come hai reagito e non ha avuto le palle per portare a termine il lavoro, come non ha avuto le palle per dire la verità e ha usato la scusa che tutti gli esseri di genere maschile usano, tipo tu sei troppo per me, meriti di più, io ti farò soffrire, questa cosa è troppo grande e non so se riesco a viverla....
sono scuse per indorare la pillola, per questo ti risultano incomprensibili, perchè una mente sana pensa che se la cosa è molto grande e i sentimenti in ballo sono sinceri, allora è solo un bene, non qualcosa da rifuggire..
poi mi ha colpito che tu hai scritto che vi siete compensati a vicenda..ecco...per come la vedo io l'amore non deve essere compensazione..perchè si può amare qualcuno ed essere una coppia solo quando si è individui completi. completi non significa perfetti, ma significa in equilibrio anche con le proprie mancanze. a posto anche da soli. quindi il discorso compensazione è molto pericoloso per come la vedo io..genera dipendenze, non amori..
e poi 20 anni son proprio troppi..lascialo perdere, potrebbe essere tuo padre..quando tu avrai la sua età lui si starà avvicinando alla terza età...alla fine dovrai fargli da badante quando avrai 60 anni.. :)

io penso che tutte dovrebbero leggere 'la verità è che non gli piaci abbastanza' cinico ai massimi livelli, al primo impatto è psicologicamente distruttivo, ma insegna...a essere lucide...
Immagine

Rispondi

Torna a “Quando l'amore non basta”