Perchè questa situazione?E soprattutto, cosa posso fare?

Perchè lui/lei non mi chiama? Perchè lui/lei sparisce da un giorno all’altro? Perchè instauro relazioni sentimentali con persone che finiscono sempre per rendermi infelice? Che cosa faccio di “sbagliato”? Perchè a volte, pur consapevole di stare con una persona che mi fa soffrire, non riesco a liberarmene? Esiste la “sfortuna” in amore? Perchè alcune persone sono “fortunate”? Uno spazio per riflettere sulle proprie esperienze d’amore, presenti e passate. Uno spazio per provare ad individuare all’interno di sè, del proprio vissuto, i motivi del fallimento delle proprie relazioni sentimentali.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Rispondi
Rsalvatorelli
Messaggi: 5
Iscritto il: 20 agosto 2009, 20:54
Località: Bologna

Perchè questa situazione?E soprattutto, cosa posso fare?

Messaggio da Rsalvatorelli » 20 agosto 2009, 21:02

Non so se questa sia la sezione giusta dove pubblicare la mia domanda.
Ho già letto anche le altre discussioni e trovo interessanti i dibattiti che si sono venuti a creare.

Riassumendo brevemente:
Io, studentessa ventenne, fidanzata da 3 anni con un bravo ragazzo che non mi fa mai mancare niente e con cui ho un' intesa ( mentale e sessuale) perfetta.
Cotta da undici mesi di un prof affascinante di 38 anni, molto probabilmente sposato (o comunque in una relazione sentimentale ), che io sappia senza figli( ma sinceramente, la situazione è grave anche senza figli di mezzo ). Lui, ha addirittura atteggiamenti effemminati. Ho aspettato che mi passasse, e non mi è passata. Non voglio cambiare indirizzo, perchè quello che studio mi piace e vado bene. Non voglio lasciare il mio ragazzo, perchè sono sicura che questa sia una forte attrazione fisica e nulla più. Ho una figura paterna presente e comprensiva ( avevo valutato pure questo, per il grande divario d'età ). Il prof è molto gentile, sia con me che con chiunque, quindi so di essergli indifferente. Il problema sta tutto nella mia testa: perchè lo sogno quasi ogni notte, perchè da mesi a questa parte mi sono completamente rincretinita, se lo vedo mi abbandono a dolci pensieri, e non parlo solo di cose sessuali, ma proprio del voler conoscere una persona che senti in qualche modo e inspiegabilmente legata a te da un filo misterioso. Vorrei parlargli, ma non ci riesco; vorrei essere sincera, ma non posso perchè spezzerei il cuore a tre persone e a qst punto è bene che mi tormenti solo io; vorrei passare più tempo possibile con lui. La cosa ancora più strana è che il rapporto con il mio ragazzo non è cambiato particolarmente, nè in positivo nè in negativo. Ma vi giuro che è una cosa pazzesca, penso sempre a quest' altro e non riesco a capire perchè.
Accetto consigli/critiche da chi riesce a spiegarmi cosa diavolo mi stia succedendo. Grazie.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 21 agosto 2009, 12:39

non hai mai pensato che il tuo prof rappresenti una fuga dalla tua realtà?
questo tuo ragazzo bravo affettuoso presente..si ok...però hai 20 anni, sei insieme a lui da 3..sei giovane..è difficile accettare che le cose cambiano, soprattutto quando si è iniziata una storia da piccoli...però magari le cose sono cambiate e il sintomo è che tu pensi a un altro. non importa se on ci avrai mai una storia o se è solo attrazione, non dovrebbe esistere in quei termini e da un anno, uno su tre.
il tuo problema non è il tuo prof, nè il cambiare indirizzo, cosa che non ha senso, il problema è guardarsi dentro.
non vuoi mettere in discussione la tua storia con questo ragazzo, ma forse dovresti pensarci. se sei ossessionata da un altro da ben un anno un motivo c'è eccome....queste cose non cascano dal cielo, hanno sempre una ragione. a volte chiara (se ci si innamora di un altro) a volte incomprensibile (se l'altro sembra piacerci ma è solo una via di uscita)
in questo caso...dato che questo prof non lo conosci nemmeno praticamente..penso sia la seconda.
sta a te rifletterci sopra, ma sulle cause reali, non sulle conseguenze che sembrano le cause :)
Immagine

Rsalvatorelli
Messaggi: 5
Iscritto il: 20 agosto 2009, 20:54
Località: Bologna

Messaggio da Rsalvatorelli » 21 agosto 2009, 20:45

Innanzitutto grazie per la tua gentile risposta. Sono contenta di sentire altri pareri sulla mia situazione. Hai ragione, il prof lo conosco pochissimo, e in pratica la prima domanda che mi sono posta è stata proprio: "Se fosse un altro, sarebbe lo stesso?C'è qualcosa che non và?". Purtroppo però devo aggiungere che la risposta è no. Non tradirei o lascerei il mio ragazzo con chiunque. Ho avuto, credimi, tante occasioni per essere corteggiata o flirtare , perchè io studio all' università, mentre il mio ragazzo lavora, e come si può immaginare, entrando a contatto con tante persone diverse, è facile che a qualcuno " si rimanga impressi". Ma non ho mai accettato lcomplimenti da nessuno, nè tantomeno inviti o cose simili, anche se SO che avrei potuto. Ho sempre troncato i rapporti sul nascere, onde evitare illusioni alle persone, o al massimo ho tentato di spingere il tasto sull' amicizia.Questa è una situazione del tutto non voluta e inaspettata. Ci ho tenuto a precisare che il rapporto con il mio ragazzo non è cambiato, perchè è vero. Sono io ad essere cambiata. E' come se di colpo, una mattina ( e ti giuro che saprei dirti il momento esatto) avessi cominciato a guardare il mio insegnante con un occhio "diverso". A volte mi sembra perfino che lui in qualche modo se ne sia accorto, ma per rispetto nei miei confronti ( e, diciamocelo, anche perchè lui ne avrebbe da perdere) non sollevi mai la questione.Mah, non so più cosa pensare...

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 22 agosto 2009, 15:16

a mio parere lo stai già tradendo...col pensiero..da un anno...visto che è una specie di ossessione e non di gioco la tua........quindi conta poco che non esci a cena concretamente con gli altri che non ti interessano..perchè se il tuo prof ci provasse con te,magari alla prima diresti di no, alla seconda saresti titubante e alla terza accetteresti, perchè ti piace..
il rapporto può non cambiare, credimi..la cosa fondamentale è che sei cambiata tu. tutti i rapporti di incentrano su due individui..gli individui evolvono, hanno esigenze...evidentemente non lo vuoi vedere, ma hai bisogno di qualcosa che non hai e ti manca, e il tuo prof ti dà modo di "concretizzare" questo incognito qualcosa, ma è anche un modo sicuro per sentirsi a posto con la coscienza perchè non tradisci. come le persone che si sentono solo per telefono o su internet, si dichiarano amore, ma siccome non vanno a letto insieme si sentono a posto con la coscienza. ma tradiscono lo stesso, il sesso o il flirt concreto conta poco. questa è la mia ottica. però finchè non ammetti che evidentemente ti manca qualcosa, non verrai mai a capo della cosa. sei giovane, non è strano se l'amore si fosse trasformato in affetto e abitudine e avessi bisogno di un altro tipo di persona, ma se difficilmente riusciresti a immaginarti senza il tuo lui...è normale perchè ci hai passato degli anni importanti. lo abbiamo vissuto tutti.
quindi cerca di capire cosa ti manca.
e mi sembri molto rigida quando parli di flirt e uscite che avresti potuto ma non hai mai fatto. queste cose capitano a tutti...mi sembra che tu abbia molto senso del dovere. sensazione mia eh...quindi questo ti impedisce di ammettere che quello che da un anno stai facendo...alla fine è una forma di tradimento, anche se non c'è sesso e l'altro non lo sa. se vogliamo essere precisini è questo...
sempre per come vedo io la cosa eh!
quando ero col mio ex mi è piaciuta tantissimo una persona, per più di un anno..io piacevo a lui, non facevamo niente, parlavamo e basta. ma io per molti versi ho tradito il mio fidanzato, perchè se anche il rapporto non era cambiato durante, io pensavo a un altro. e poi alla fine io ero diversa...e proprio perchè io ero diverso ho dovuto ammettere che quello che avevo non era più quello che volevo, che certe cose che accettavo come dati di fatto, perhcè erano sempre state così..non mi andavano più, e forse mai mi erano andate bene..ma erano così..mi sono ridestata, e penso mi sia stato utile l'incontro con l'altra persona, anche se non ci sono andata a letto mi ha fatto capire che era un sintomo che le cose non andavano e io non volevo vederle con gli occhi.
le sensazioni trovano sempre una via per venire a galla e farsi vedere...
poi può darsi che io mi sbagli in pieno. non sono psicologa, non sono niente che gli somigli, ma ti dico il mio pensiero.
Immagine

Rsalvatorelli
Messaggi: 5
Iscritto il: 20 agosto 2009, 20:54
Località: Bologna

Messaggio da Rsalvatorelli » 22 agosto 2009, 19:54

Non hai idea del bene che mi fanno le tue parole. Grazie del tuo pensiero.
Che ho molto senso del dovere, è vero, e lo ammetto, pur sempre di tradimento si tratta. Probabile che sia come dici tu, solo che davvero non riesco a capire cos 'è che mi manca, e fino ad allora non so che fare. Tutto quello che so è che questo individuo che si è insinuato così prepotentemente nei miei pensieri è straniero, ha 18 anni più di me, ed è un professore. Se si trattasse di un mio coetaneo almeno, o che ne so, di un compagno di corso, forse sarebbe più facile. Almeno, anche se continuassi a pensare che è inverosimile rompere col mio ragazzo, riuscirei a dare una spiegazione logica; ma in questo modo cos'è che sto cercando?La maturità?La vecchiaia?La sicurezza?Uno straniero?
Mi sembra tutto così curioso e strano.
A Settembre spero di rivederlo, e di dare chiarezza ai miei sentimenti. In caso così non fosse, potrei partire per un periodo, stare distante da entrambi e vedere cosa mi succede.Forse è una soluzione...

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 22 agosto 2009, 21:05

cosa cerchi? mmm potrebbe essere una via di fuga..ma solo mentale visto che non te la senti di trovarla concreta. ti concentri su di lui e non pensi ad altro. cosa sia questo altro io non lo so.
perchè ti sembra inverosimile separarti dal tuo ragazzo? perchè ci stai tranquilla insieme? o perchè non riesci a vederti insieme ad altri? o perchè ti sembra tanto tempo che siete insieme? o altro?
di chiedo le cose che venivano in mente a me quando ancora non avevo focalizzato che dovevo e volevo lasciarlo. io pensavo di passarci la vita insieme, anche io ho molto senso del dovere, anzi, lo avevo, adesso sono più indulgente con me stessa. e non prendevo proprio in considerazione questa opzione. la escludevo in partenza, quindi poi non capivo e soffrivo..ma poi le cose sono state più chiare. non più semplici, però più chiare almeno.
magari per te è diverso, non lo so. puoi capirlo solo tu. ma secondo me dato che è un completo estraneo con cui praticamente nemmeno parli, è una via di fuga. un po' un universo parallelo
Immagine

Avatar utente
rocco
Messaggi: 441
Iscritto il: 28 giugno 2006, 21:56

Re: Perchè questa situazione?E soprattutto, cosa posso fare?

Messaggio da rocco » 24 agosto 2009, 17:13

Rsalvatorelli ha scritto:Non so se questa sia la sezione giusta dove pubblicare la mia domanda.
Ho già letto anche le altre discussioni e trovo interessanti i dibattiti che si sono venuti a creare.

Riassumendo brevemente:
Io, studentessa ventenne, fidanzata da 3 anni con un bravo ragazzo che non mi fa mai mancare niente e con cui ho un' intesa ( mentale e sessuale) perfetta.
Cotta da undici mesi di un prof affascinante di 38 anni, molto probabilmente sposato (o comunque in una relazione sentimentale ), che io sappia senza figli( ma sinceramente, la situazione è grave anche senza figli di mezzo ). Lui, ha addirittura atteggiamenti effemminati. Ho aspettato che mi passasse, e non mi è passata. Non voglio cambiare indirizzo, perchè quello che studio mi piace e vado bene. Non voglio lasciare il mio ragazzo, perchè sono sicura che questa sia una forte attrazione fisica e nulla più. Ho una figura paterna presente e comprensiva ( avevo valutato pure questo, per il grande divario d'età ). Il prof è molto gentile, sia con me che con chiunque, quindi so di essergli indifferente. Il problema sta tutto nella mia testa: perchè lo sogno quasi ogni notte, perchè da mesi a questa parte mi sono completamente rincretinita, se lo vedo mi abbandono a dolci pensieri, e non parlo solo di cose sessuali, ma proprio del voler conoscere una persona che senti in qualche modo e inspiegabilmente legata a te da un filo misterioso. Vorrei parlargli, ma non ci riesco; vorrei essere sincera, ma non posso perchè spezzerei il cuore a tre persone e a qst punto è bene che mi tormenti solo io; vorrei passare più tempo possibile con lui. La cosa ancora più strana è che il rapporto con il mio ragazzo non è cambiato particolarmente, nè in positivo nè in negativo. Ma vi giuro che è una cosa pazzesca, penso sempre a quest' altro e non riesco a capire perchè.
Accetto consigli/critiche da chi riesce a spiegarmi cosa diavolo mi stia succedendo. Grazie.
Le tue parole avrebbero potuto essere le mie qualche anno fa.
Tutte le parole, comprese le virgole.

Purtroppo non avevo ancora "conosciuto" questo forum che, certamente, avrebbe potuto aiutarmi a schiarirmi un po' le idee.

In ogni caso cara amica (e a proposito: benvenuta! :D ) posso solo raccontarti ciò che è successo a me: mi sono innamorata (40 anni, sposata con l'uomo che ritenevo il grande amore della mia vita e che mai e poi mai avrei pensato di poter tradire).

La storia è finita presto e l'innamoramento non ha avuto tempo di trasformarsi in amore, ma l'inizio è stato esattamente come lo descrivi tu.

Non sto dicendo che per te sia la stessa cosa, ma certo ha ragione Twilight: è un gran bel campanello d'allarme, che sta suonando per segnalare a gran voce che nella tua vita c'è qualcosa che non ti piace e/o che ti annoia a morte.

Ti abbraccio
Sandra :)

Rsalvatorelli
Messaggi: 5
Iscritto il: 20 agosto 2009, 20:54
Località: Bologna

Grazie!

Messaggio da Rsalvatorelli » 11 settembre 2009, 17:04

Mamma mia, grazie di tutte queste mega rispostone!
Ringrazio Twilight e "Rocco" che mi hanno aiutata a schiarirmi sul serio le idee :) Mi dà l' impressione che qui stiamo diventando profondi!
Grazie di cuore.
Alla fine ho deciso. Ricomincerò l' università, spero di rivedere il mio "amato" ( chiamiamolo così giusto per ironizzare) felice dopo le vacanze, e basterà capire da come mi guarda se in tutto questo tempo si è mai accorto o no di quanto mi piacesse. Tra l' altro è davvero bravo nel suo lavoro, e non voglio rovinare per i miei sentimenti un qualcosa che si sta rivelando utile per il mio futuro, a prescindere dalla sua presenza o meno.

Continuerò a fare il mio lavoro di studentessa, ovviamente non riuscirò a non fargli notare che lo adoro, ma se non altro non mi comporterò mai in maniera "poco seria".

La mia storia con il mio ragazzo continua, e onde evitare inutili sofferenze, a entrambi, ho deciso di non dirgli niente e di partire.Starò via per qualche mese. Deciderò là cosa fare. Ho bisogno di rivedere le mie priorità. Il mio ragazzo sa della mia decisione di partire, ma non sa la motivazione ( cmq dopo tante insistenze ha ceduto, e ha detto che pur di farmi stare bene sopporterà anche questo ). Sarà la mia "prova del 9".

Capirò se il mio ragazo tiene veramente a me, come penso io, se vale la pena continuare il mio rapporto, o no.

Devo crescere e gestire la situazione. Ho 20 anni, ce la posso fare!

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 12 settembre 2009, 20:14

...fammi capire...il tuo ragazzo non voleva che tu tornassi all'università??????????????????????????????????????????????
Immagine

Rsalvatorelli
Messaggi: 5
Iscritto il: 20 agosto 2009, 20:54
Località: Bologna

Messaggio da Rsalvatorelli » 24 settembre 2009, 18:21

No, intendevo che inizialmente non voleva che partissi per l'estero, mi pare ovvio :)

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 2 ottobre 2009, 17:57

Buonasera, credo che possa esserle utile provare ad analizzare meglio cosa rappresenta il suo ragazzo per lei e cosa rappresenta il suo professore... ha evidenziato il fatto che sia straniero, più vecchio, e io aggiungerei alquanto irraggiungibile a differenza del suo ragazzo "accessibile" e "sicuro".
Il suo professore appunto non lo conosce quasi, è il suo prof e già queste due cose insieme lo rendono molto idealizzabile a differenza del suo ragazzo che oramai, essendoci insieme da un pò di anni, è del tutto nella realtà.
Non credo che per forza questa infatuazione abbia a che fare con la sua relazione col ragazzo, ma potrebbe avere a che fare con qualcosa di cui forse più in generale ha bisogno... andrebbe approfondita di più...
Non escluderei invece una qualche profonda connessione con suo padre e la famiglia di origine...ma questo non le è dato saperlo ovviamente.
Ma come si sentiva nella sua vita poco prima di accorgersi di essere interessata al prof? Come la fa sentire questo interesse?
A volte tutto si lega a quello che la nostra idealizzazione ci fa sentire, più che alla persona stessa (tant'è che non lo conosce)...siamo noi che proiettiamo i nostri bisogni sull'altro...
Ci faccia sapere come è andata poi via e al ritorno.
Saluti
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Perché mi innamoro sempre di persone "sbagliate"?”