Pagina 1 di 1

Che faccio con lui?

Inviato: 7 dicembre 2009, 23:06
da Vales76
Buonasera a tutte,
vi scrivo per un consiglio su un problema di cuore e spero di trovare supporto fra di voi.....sono a pezzi, distrutta, non so che fare, con la mia famiglia lontana e non molti amici che mi possano stare vicino. Riassumo più brevemente che posso la situazione:

A luglio 2007 ho conosciuto un ragazzo col quale è bastato uno sguardo per capire che per me era quello giusto e subito anche lui si è mostrato interessato a me, prendendo il numero con una scusa e invitandomi pochi giorni dopo ad uscire.
Stavamo iniziando a conoscerci quando poi io sono tornata a casa dei miei per tutto agosto, mi ha cercata lui e quando sono rientrata nella città dove viviamo entrambi ci siamo rivisti ed abbiamo continuato a frequentarci.

Lui alternava dei momenti tenerissimi, come ad esempio una sorpresa che mi ha fatto a San Valentino oppure il chiamarmi solo perché aveva in mano la sciarpa col mio profumo che gli avevo regalato e mi stava pensando, a momenti più distaccati dove addirittura spariva, in tutto questo fiumi di parole, telefonate chilometriche dove diceva che gli piacevo un casino, messaggi in cui mi diceva che non voleva perdermi, mani che si accarezzavano, occhi negli occhi etc...ma mai un bacio, niente sesso.........perché, diceva, che mi poneva ad un livello superiore rispetto alle altre ragazze e che nonostante lo attraessi anche sessualmente mi rispettava troppo e non voleva compromettere la possibilità di un legame futuro dato che lui stava attraversando un periodo di cinismo ed aridità affettiva.

Io intanto mi affezionavo sempre più fino a quando ho ricevuto una notizia...ero stata presa per un internship negli Usa a cui tenevo tantissimo....sono andata da lui per dirgli che sentivo di amarlo ma che c'era questa possibilità, per capire cosa fare, se partire o meno, e lui rispose come se non ricambiasse i miei sentimenti, salvo poi dire che era sicuro che le nostre incomprensioni sarebbero state risolte al mio ritorno e che avrebbe voluto che durasse per sempre con me ( ma per sempre cosa????).

Io partii, poi non sono stata in America perché non ho ottenuto il visto, ma anzi ho avuto enormi problemi economici e familiari e sono stata un anno ospite da mia zia con mia madre, un anno d'inferno durante il quale ci siamo sentiti solo una volta, perché io ero disperata e avevo bisogno di conforto, lui mi incoraggiò e le sue parole 'non mollare' sono state l'unico faro in quella tempesta, anche se poi ho cercato invano di dimenticarlo, perché mi ero convinta che non mi amasse e mi sono forzata a non cercarlo più.

Ora sono tornata e l'ho rivisto (l'ho cercato io)...la prima volta, quest'estate, ha fatto degli apprezzamenti sulla mia forma fisica e mi ha anche proposto una collaborazione con lui, sembrava molto felice di vedermi e tutto pareva essere anche meglio di quando ci eravamo separati ed io ho pensato che volesse riavvicinarsi avendo capito quello che aveva perso, poi è passato un po' prima di una seconda volta perché io avevo molte cose da sistemare e lui è stato fuori per lavoro.

La seconda volta l'ho visto un po' assente e preoccupato, cosa mai successa in precedenza quando era con me e mi si sono drizzate le antenne, così indagando gli ho tirato fuori che ora sta con un altra ma che io sono una persona meravigliosa, di cui è facile innamorarsi e mille altri complimenti....di capire se per me poteva essere una sofferenza collaborare con lui ed avere al momento solo un rapporto lavorativo e artistico....io non ci ho visto più, ero nera, mi sono sentita presa in giro e lui mi ha chiamata cercando di convincermi che non dovevo mettere in dubbio che mi volesse bene, ne che ciò che era successo in passato fosse reale, che se dovevamo mettere in dubbio allora pure lui poteva pensare che io volessi solo una notte di sesso (spiego: questo perché in passato, prima della mia partenza era successo che dopo l'unica volta che lui venne a casa mia, ad una festa fra amici, e fu abbastanza espansivo anche a livello fisico io gli feci capire di andarci piano, che mi dovevo fidare, ma poi mi pentii, perché mi piaceva molto, e lo reinvitai successivamente, lui rifiutò e da quel momento non fece più avances di quel tipo io allora pensai di non piacergli fisicamente e lui continuava a dirmi di no, ma io insistevo che era così, e giustificava col fatto che non ero una da una notte e via e di questo parlavamo spesso) ... ad ogni modo è stata una telefonata di 2 ore circa....io poi ne ho voluto parlare di persona per capire quanto tenesse a lei guardandolo negli occhi e mentre parlavamo è successo che in un mio momento di debolezza dove stavo per piangere perché non volevo perderlo ho visto che anche lui stava crollando e l'ho abbracciato forte dopo di che ci stavamo quasi baciando, ma poi lui ha fermato tutto dicendo che forse non era il caso, che è confuso, io ho risposto che capivo, che sapevo che l'altra non l'aveva cercata ma si era probabilmente sentito solo (anche perché nel periodo in cui sono stata lontana ha perso anche il nonno a cui era molto affezionato) e che comunque avevamo anche passato parecchio tempo lontani...tutto questo mentre ci accarezzavamo le mani...poi siamo scesi a fare due passi per prendere un po' d'aria e calmare i bollenti spiriti ;P, lui è entrato un secondo in un negozio a comprare una cosa e quando e uscito ho notato che anche lui aveva gli occhi lucidi come me, siamo risaliti e abbiamo continuato a parlare, lui ha anche ammesso che non possiamo essere amici, io gli ho detto di prendersi tempo e mentre stavo andando via è arrivata una ragazza con la quale dovevano scrivere una sceneggiatura per un concorso, ci siamo presentate e parlando è venuto fuori che lei è amica di questa tizia e parlando di rapporti fra artisti stavamo dicendo quanto fossero complicati (si riferiva al suo ragazzo) poi ha aggiunto una battuta dicendo che solo lui e questa ragazza sarebbero la coppia perfetta ( forse avendo captato vibrazioni strane nell'aria), che lei la aveva abbandonata come amica per lui, io lo guardo un po' in ansia perché lui di me a quanto dice aveva parlato con lei , che gli aveva proibito di vedermi, dice che hanno litigato 2 volte a causa mia, e temevo che l'amica gli potesse riferire di avermi conosciuta, ma lui mi guarda complice sorridendo.....ci salutiamo sempre guardandoci e sorridendoci e ci saremmo dovuti vedere dopo pochi giorni per fare il punto della situazione, ma sono passati oggi 15 giorni in cui ha risposto si e no a 3 messaggi, anche se io gli avevo scritto un paio mail molto belle, trasportata dalle bellissime sensazioni dei momenti passati con lui, si in uno mi ha scritto di stare tranquilla che andava tutto bene, ma poi io mi sono fatta prendere dal panico e dalla rabbia perché per me era inspiegabile un simile comportamento dopo dei momenti così belli....rimandava il nostro prossimo incontro, non rispondeva nemmeno al telefono così gli ho scritto un paio di messaggi dove gli ho detto che che ormai avevo capito, che era inevitabile scegliesse lei se non ci diamo la possibilità di viverci etc.....lui mi ha scritto una mail molto dura in cui dice che gli sfoghi di questi messaggi sono immotivati, che sembra abbia sentito ma non ascoltato quello che mi ha detto e che sembra che ora mi stia rimangiando quello che gli avevo detto e cioè che quando sono con lui mi sento bene, forte, come se nulla mi potesse fare del male, che forse fra noi c'è incompatibilità, che gli sto facendo pressioni etc...cosa per nulla vera, intendeva solo ferirmi...io ho risposto di non rigirare la frittata che non c'era nessuna incompatibilità e che non posso credergli se si comporta come se fosse lui a rimangiarsi tutto, che se pensa gli stia facendo pressioni allora non ha capito nulla di me, di farmi almeno riavere gli occhiali da sole che ho scordato da lui, morale della favola la prossima settimana dovremmo rivederci perché me li ridà di persona...io non so davvero che fare, li prendo e giro i tacchi? Gli dico in faccia che un altra così non la trova? Lo metto alle strette? Ascolto le sue ragioni se ne ha? Sono talmente arrabbiata che lo prenderei a schiaffi....consigliatemi, sono esasperata, so che lo amo, che non voglio perderlo per nulla al mondo e gliel'ho dimostrato, ma in questo deve essermi accanto anche lui altrimenti è una lotta contro i mulini a vento ed io non voglio perdere la mia dignità di donna....non capisco, di solito so se un uomo mi vuole o meno ma con lui non è così...quando sono con lui sento fortemente che prova le stesse cose che provo io mentre poi si allontana così e io vado nel pallone...secondo voi sono troppo offuscata dai miei sentimenti o è lui che non vuole o non sa prendere posizione? Sono veramente confusa....e se lui non mi ama mi chiedo, come è possibile che le mie sensazioni mi abbiano così ingannata?? Scusate per la lungezza del post, ma volevo essere più dettagliata possibile.

Inviato: 9 dicembre 2009, 11:47
da Vales76
Nessuno che voglia aiutarmi??? :(

Inviato: 13 dicembre 2009, 2:34
da Twilight
mi viene da dirti solo una cosa...ovvero che questo qui ti ha "rimbambita" di parole e basta...al telefono, di persona, via sms..ma sempre e solo parole...
a parole si possono dire tantissime cose, bellissime...quella del tutti potrebbero innamorarsi di te è bella per esempio...ma usurata ;) me la sono sentita dire anche io da uno che parlava tanto....il problema è che queste cose si dicono e basta...quel che conta sono i fatti...e non è nemmeno facile farli i fatti..ma ci devono essere...le parole e le 1000 telefonate non sono fatti concreti...tutti in momenti magari di solitudine emotiva son capaci di chiamare 500 volte al giorno una persona con cui parlano bene..di volersi sentire al centro dell'attenzione o cmq parte di qualcosa...ma questo non significa necessariamente amore..
io penso che tu debba chiudere questa cosa in un cassetto e non pensarci più...se devi collaborare professionalmente collabora, ma limita la cosa a quello il più possibile...

Inviato: 9 settembre 2010, 14:04
da pallinapiccola
Diciamo che ho vissuto qualcosa di moltoo molto simile. Ti capisco...ma devvero più di quanto tu possa immaginare!!! So cosa provi, a me sembrava di implodere! Sentivo che per lui sarei stata disposta a fare l'impossibile, che se me ne avesse dato modo l'avrei amato come mai in vita mia. Le nostre storie sembrano congruenti... mi sono comportata esattamente come te, mail su mail, messaggi...e da parte sua risposte dure, che mi hanno ferita, fino alla notizia "sto con un'altra!". Ti posso dire che dimenticare è impossibile, devi essere tu a decidere di voltare pagina. Ti servirà molto impegno e pazienza...se ci riesci cancella tutti i suoi contatti...per me è stato l'unico modo per resistere alla tentazione di cercarlo. Ci saranno le giornata in cui starai male...nn lo nego...ti dico solo che devi pensare ad una cosa: hai fatto il possibile, quindi non hai rimpianti! Adesso manda avanti la tua vita...se il destino vi metterà di nuovo sulla stessa strada, valuterete il da farsi.