lunga partenza vecchi dilemmi...

Perchè lui/lei non mi chiama? Perchè lui/lei sparisce da un giorno all’altro? Perchè instauro relazioni sentimentali con persone che finiscono sempre per rendermi infelice? Che cosa faccio di “sbagliato”? Perchè a volte, pur consapevole di stare con una persona che mi fa soffrire, non riesco a liberarmene? Esiste la “sfortuna” in amore? Perchè alcune persone sono “fortunate”? Uno spazio per riflettere sulle proprie esperienze d’amore, presenti e passate. Uno spazio per provare ad individuare all’interno di sè, del proprio vissuto, i motivi del fallimento delle proprie relazioni sentimentali.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Rispondi
Avatar utente
merrycristy
Messaggi: 3
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:41

lunga partenza vecchi dilemmi...

Messaggio da merrycristy » 12 luglio 2012, 18:00

Ci risiamo...eccomi di nuovo qui a fare la fatidica domanda a me stessa!
Ho sbagliato persona??
Due mesi fa incontro un uomo di undici anni più grande di me (io ho 35 anni lui 46).
Ci siamo piaciuti subito, lui era molto premuroso, dolce, stavo davvero bene, e il dialogo non mancava..
Dopo poco tempo però è comparso un pò il fantasma della ex, che lui ha nominato più volte, e di questo viaggio imminente..
una vacanza di un mese (a cui aveva rinunciato per lei una volta, ma è sempre stato un viaggiatore accanito)..
Io non potrò seguirlo per motivi economici e di lavoro..e non gli avrei certo detto "non partire"!
però...fare tre settimane fuori e programmarci una settimana insieme..questo sì..lo desideravo e l'avrei apprezzato come segno di interesse..
invece no..ci sono stati dei momenti in cui lui è stato polemico, un pò duro nei miei confronti..e non me lo meritavo...dopo averglielo fatto notare ora lui è premuroso..ma sta subentrando da parte mia la diffidenza..
Il discorso viaggio lui non l'ha più affrontato , ma visto che partirà fra due settimane..lo dovremo affrontare..
Non lo so..non ho voglia di stare dietro ad un uomo che probabilmente non mi vuole davvero o che forse mi sta sfidando, non voglio un rapporto contorto...voglio stare bene, sentire e vedere nei fatti che un uomo è innamorato di me, non avere l'impressione di ricoprire un ruolo qualunque della sua vita in mezzo ai tanti interessi..
Non voglio essere precipitosa ma sto pensando che lui non sia quello giusto..probabilmente sono immatura...forse dopo le prime scintille mi sto trovando semplicemente un uomo reale davanti..come affrontare la cosa?? so solo che non ho voglia di soffrire, di tappare vuoti, di illudermi!e per l'ennesima volta di sollevare io i problemi "spinosi", di esporre la mia emotività e fragilità per cosa??

Avatar utente
merrycristy
Messaggi: 3
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:41

Re: lunga partenza vecchi dilemmi...

Messaggio da merrycristy » 16 luglio 2012, 17:28

Ciao amore..in realtà mi sono già affezionata, ed è per questo che pormi queste questioni mi fa star male..
Non ce l'ho fatta, l'altro giorno ho detto quel che avevo dentro..
insomma non siamo bambini..anche io all'inizio ho preso la cosa "alla giornata", ma dopo un paio di mesi le domande me le faccio...ovvero..come stiamo insieme? ci sono i presupposti e l'intenzione per il crearsi di un sentimento? ci vogliamo credere?
Lui non prendeva granchè posizione, mi ha detto che certe garanzie non me le può dare.
A parte che le garanzie non le ha nessuno, ma almeno avere la voglia di crederci..è vero, ha sofferto, ha paura..però è meglio che non ci vediamo più.
O chiarisce i suoi dubbi o avrò occasione di incontrare un persona più convinta.
In questo momento non sono così tranquilla, sento la sua mancanza...ma sento che è la cosa giusta.
Costringermi ad aspettarlo un mese, sentirmi in bilico...questo no..non mi voglio accollare la responsabilità solo sua di risolvere le sue indecisioni..anche perchè (è possibile?) avevo l'impressione che lui giocasse proprio sul tenermi in bilico, vedeva il mio interesse e manteneva una tensione con distanze calcolate...stavo cominciando a pensare ad un sottile sadismo da parte sua, visto che il mio interesse e la mia sofferenza all'idea di perderlo erano palesi..
Quanto fa male però! :!: in ogni caso l'unica possibilità era sottrarmi al suo gioco...

gufo
Messaggi: 186
Iscritto il: 26 aprile 2012, 10:49

Re: lunga partenza vecchi dilemmi...

Messaggio da gufo » 19 luglio 2012, 6:33

Aimè il mondo è pieno di persone(sia uomini che donne) che dopo essersi fatti male si lanciano in questo tipo di comportamenti, in fin dei conti se stai soffrendo sapere che c'e' una persona che ti corre dientro fa piacere, anche se per loro non conti molto. Ovviamente si allontanano quando tu cominci a chiedere qualcosa in più.
Per loro è praticamente solo un diversivo(un gioco) che li aiuta a stare meglio(ho avuto la disgrazia di conoscere una persona così).
Ovviamente non dico che sia per tutti così, magari il tuo lui ha davvero paura, vallo a sapere.
Di certo se ci tiene davvero prenderà delle decisioni più serie riguardo te e si farà risentire.
Se fossi in te però pretenderei un minimo di chiarezza sulle sue intenzioni, visto che alcuni prima si vanno a fare i loro comodi e dopo tornano alla carica anche solo per sfruttare ancora un po' la situazione.

Se fossi in te seguirei il consiglio di amore, tu intanto guardati attorno, magari trovi di meglio o c'è qualcuno che in silenzio ti aspetta da tempo, chissà.

Avatar utente
merrycristy
Messaggi: 3
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:41

Re: lunga partenza vecchi dilemmi...

Messaggio da merrycristy » 19 luglio 2012, 11:56

Grazie gufo e amore..concordo con voi!
l'ultimo aggiornamento è questo: dopo due giorni mi ha chiamata, ha detto che gli manco, che è interessato, che vorrebbe continuare la nostra storia e provare..però parte lo stesso.
Alchè in sostanza gli ho detto:ormai il polverone emotivo creato dai nostri conflitti ci impedisce di vedere chiaramente, lasciamo "sedimentare" la cosa. A questo punto sicuramente è difficile anche per me capire se mi posso fidare o no (solo sulla base delle parole), capire se aldilà di tutto, questo è un SUO modo di vivere le relazioni! magari è un suo lato caratteriale che non posso e non devo cambiare...anche se non sono obbligata ad accettarlo. Ci sono persone che ti riempiono la solitudine o ti riempiono la vita (non in senso assoluto, ognuno rimane autonomo, ma in senso lato!)...noi che tipo di coppia siamo?
Ora è impossibile rispondere, tanto più ci accaniamo più le cose si fanno meno spontanee!
Io gli voglio bene, nel senso che voglio il mio e il suo bene, con serenità, in qualsiasi modo vada.
però considererò questo mese una pausa fra noi, perchè dentro di me c'è qualcosa che non accetta di essere legata a qualcuno che va via..quando tornerà vedremo...poi non lo so , che un uomo di 46 anni sia più cauto a "lanciarsi" rispetto ad un ventenne ci potrebbe anche stare...tutto sta a vedere appunto l'insieme..
Andrà come deve..!e se il mio desiderio di una presenza valida al mio fianco si realizzerà con lui bene, altrimenti con un'altra persona, ho fiducia in questo! In questo senso sono stata della massima onestà con me stessa e con lui, credo che questo significhi sperimentare o cercare di arrivare a sentimenti e relazioni mature, anche se all'inizio costa..!

Rispondi

Torna a “Perché mi innamoro sempre di persone "sbagliate"?”