AIUTATEMI!!!

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
carmilla
Messaggi: 3
Iscritto il: 30 gennaio 2006, 13:37

AIUTATEMI!!!

Messaggio da carmilla » 30 gennaio 2006, 13:59

salve...mi sono appena iscritta al sito...disperata cercavo un posto dove potermi sfogare...e l'ho trovato...spero di trovare qualcuno che mi possa dare qualche consiglio...
sono una ragazza di 25 anni, fidanzata da 4 con un ragazzo un anno più grande di me. i primi due anni sono stati bellissimi, io ero molto innamorata e mai mi sarei sognata di lasciarlo e di continuare la mia vita senza di lui...ma dopo questi due anni io ho sentito l'impulso di avere nuove emozioni...di conoscere persone e di ricontattare vecchie conoscenze...per questo iniziai una relazione con un mio ex con il quale provai sensazioni che non provavo da secoli...ci siamo incontrati poche volte in questi ultimi due anni ma sempre con molta passione...
questo ovviamente non ha fatto che peggiorare le cose con il mio ragazzo...con il quale, devo dirlo, non ho mai avuto una affinità sessuale forte...lui ha avuto poche esperienze, io invece sono stata con tanti uomini...e questo non facilita le cose perchè lui è molto frenato...non si lascia andare...
poi la storia con il mio ex piano piano è finita...un pò perchè sentivo di voler recuperare la mia storia, un pò perchè quelle sensazioni famose stavano finendo anche con lui...
per un pò di mesi sono stata così...diciamo in un limbo...sempre insieme al mio ragazzo...sempre passando da momenti di grande amore per lui e momenti di sconforto e desiderio verso altre storie...
ultimamente sono tornata in una chat che conoscevo...non ci tornavo da anni...
lì ho conosciuto un ragazzo della mia stessa città, roma, con il quale ho iniziato una relazione molto bella...è una persona bellissima...il nostro rapporto è sincero e rassicurante...rassicurante perchè nessuno dei due andrebbe oltre il rapporto fisico...la nostra storia va bene così...
una sera però, sempre andando in quella chat, sono incappata in quello che ora diventerà il soggetto principale di questo messaggio...
ho conosciuto un uomo di 38 anni, una persona con la quale ho in comune molte cose...soprattutto una certa sensibilità erotica...in tre giorni è iniziato tutto...ci siamo scambiati il numero di telefono e abbiamo fatto l'amore parlandoci...capite, no? è stato bellissimo...quasi commovente...lui mi fa impazzire...e poi oltre alla passione verbale ci siamo subito presi...stavamo a ridere e scherzare come se ci conoscessimo da anni...è stato incredibile...
parlando di nuovo lui mi ha confessato che si deve sposare a luglio...
ora non vi sto a scrivere tutti i particolari perchè la mia testa sta scoppiando...
volevo solo dire che ci siamo incontrati, nonostante la sua situazione, nonostante il mio incasinamento mentale....non è successo niente...niente si fa per dire perchè i nostri abbracci soffocanti e i baci sul viso e le carezze non sono stati niente...nonostante le nostre labbra non si siano neanche sfiorate
ma guardandoci negli occhi ci siamo detti molto...troppo...ed è quel troppo che l'ha spaventato...infatti da quella sera lui cerca di scappare...anche se io riesco sempre a convincerlo a sentirci...scriverci su msn...lui cede sempre perchè anche lui vorrebbe ma non può permetterselo...
io vorrei vivere questa storia...sbatterci la testa...farmi male magari...ma non viverla mi fa impazzire...lui mi fa impazzire...e io faccio impazzire lui...
ieri sera l'ho convinto anche a farsi chiamare sul cellulare...è stato difficilissimo poi attaccare....dopo essersi detti che sarebbe stata l'ultima telefonata...cazzo...come faccio?
io per questa persona provo un qualcosa di tremendamente forte...che posso fare? e non mi dite di dimenticarlo perchè so che sarebbe la cosa più giusta....per non soffrire...ma non per vivere....

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 30 gennaio 2006, 14:35

sicura che non passi da una relazione all'altra, oltretutto vedendo che non han futuro(a parte quella con il tuo ragazzo dalla quale fuggi) per sfuggire alla sicurezza, per fuggire da qualcosa di stabile perchè ne hai paura?
cosa ti dà passare da un uomo ad un altro-peraltro conosciuti in chat...ove molti potrebbero raccontarti di essere A e invece sono B-un esempio ovvio-senza mai tenere sul serio a qualcuno?
e preciso: tenere a qualcuno facendo in modo tale da non ferirlo, da rispetterlo ed amarlo sul serio. di cosa hai paura?
riflettici.
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

carmilla
Messaggi: 3
Iscritto il: 30 gennaio 2006, 13:37

Messaggio da carmilla » 30 gennaio 2006, 15:25

ciao...non so di cosa ho paura..sinceramente ora sono talmente incasinata mentalmente che non riesco a pensarci in modo sereno...però penso di aver paura di non vivere le cose...questo si...di perderle per sempre...senza mai sapere come sarebbe andata a finire...
il problema è che non so che fare con il mio ragazzo...che ho amato più della mia vita e che per me è stato sempre molto importante...
che casino...ma lui mi manca...terribilmente...

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 30 gennaio 2006, 19:09

spesso in questi casi ci si ferma un attimo, si riflette, ci si separa da tutto e tutti e si pensa a cosa si vuole VERAMENTE.
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

carmilla
Messaggi: 3
Iscritto il: 30 gennaio 2006, 13:37

Messaggio da carmilla » 30 gennaio 2006, 21:40

si...fermarmi un attimo e pensare...magari dormirci sopra...magari...vedrò...intanto cerco di continuare serenamente la mia vita, il mio lavoro, lo studio e il resto...
comunque grazie...
un bacio

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 30 gennaio 2006, 23:53

devi volerlo tu, devi volerne uscire tu, per te stessa, per non star più male. con convinzione...altrimenti non si va da nessuna parte. e se sola non riesci...chiedi aiuto. ad un'amica, ai tuoi genitori...te lo devi eprchè tu sei la persona più importante per te stessa!!!
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 2 febbraio 2006, 14:56

Salve Carmilla, forse è bene provare a rispondersi a qualche domanda anche se non riesce a pensare serenamente. Che cosa vuole da un rapporto? Che cosa invece sente di avere bisogno? (spesso le due cose non coincidono). Che cos’è che la fa star male? Magari dal tentativo di capire che cosa trae da questi rapporti forse riuscirà a scoprire se è qualcosa che veramente manca nella relazione con il suo compagno e che lui non potrà mai darle o se è qualcosa che manca dentro di lei, un vuoto, un bisogno irrefrenabile, che si fa vivo quando è all’interno di una relazione stabile e duratura.
Intanto si può notare che del suo ragazzo sta parlando al passato… (“non so che fare con il mio ragazzo...che ho amato più della mia vita e che per me è stato sempre molto importante...”).
Di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”