Gelosia...perchè?

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 17 giugno 2006, 23:42

Cara Debora, stai tranquilla, non sei “matta”! Il fatto che la psicologa abbia detto una cosa del genere dipende da lei, non da te… e comunque è buon segno. La realtà, anche se molte persone (eccetto forse quelle che l’hanno provato) credono il contrario, è che le persone che vengono definite “matte”, quelle psicotiche, insomma, non sono adatte alla psicoterapia! E certo non scrivono sul forum tentando una soluzione poiché un distinguo importante è che purtroppo queste persone non si rendono conto di avere dei problemi. La capacità di osservarsi, di capire di avere un problema, di chiedere aiuto alle persone giuste e accettarlo è segno di un buon esame di realtà, di capacità introspettive, di una certa dose di motivazione a “guarire”, ecc tutti segni di una buona prognosi. Tutti noi abbiamo dei problemi, chi più chi meno, e con tutti noi si può lavorare molto. Molti psicoterapeuti, io credo quelli bravi, hanno fatto anni di analisi lavorando sulle loro problematiche. Quindi non ti arrendere! La gelosia in effetti è irrazionale e inutile, è l’illusione di poter controllare qualcosa che controllabile non è. Nessuno può sostituirsi agli altri, ma questo credo che tu già lo sappia: è solo che ancora non sai come fare ed evitarla. Per trovare uno specialista, controlla prima di tutto che sia psicoterapeuta, non solo psicologo. Potresti chiedere al tuo medico di fiducia o a qualcuno che già ci va. Altrimenti puoi consultare l’elenco delle pagine blu di questo sito. Facci sapere,
Di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”