sensazione di perdita x qualcosa che non si ha mai avuto...

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

sensazione di perdita x qualcosa che non si ha mai avuto...

Messaggio da ica12 » 22 giugno 2006, 11:35

Ciao...

Un po' di voi mi conoscono o comunque hanno una piccola idea di quanto sia incasinata la mia vita sentimentale e alcuni di voi hanno sentito parlare di un pianista folle sposato con la musica...

Ieri sera sono passata da lui per prelevare alcuni CD.

A parte trovarlo assolutamente distrutto perché studia come un pazzo per l'esame di composizione che deve dare in conservatorio fra una settimana, mi ha confermato che sta pensando seriamente di lasciare Milano.

Sostiene che non è mai stato per più di due anni nello stesso posto, inoltre ad agosto si giocherà l'opportunità di una vita.

Un famoso concertista, stiamo parlando di un personaggio che ha ormai 80 anni ma che è stato uno dei primi pianisti a livello mondiale, lo ha sentito suonare e gli ha detto di fare un'audizione con lui. Se andrà bene lo prenderà fra i suoi allievi privati, selezionatissimi ovviamente, il che significa una carriera assicurata.

Questo implica un trasferimento a Parigi oppure Napoli. Inoltre la sua famiglia abita in Calabria, si è trasferita qui dall'Albania e ovviamente sente la mancanza dei suoi e dei suoi amici.

Io e lui abbiamo avuto e avremmo in teoria, una specie di storia che va avanti fra litigi e alti e bassi e mesi di silenzio da quasi due anni.

Gli ho detto che non voglio che se ne vada, ma questo già lo sapeva. Ma non influenzerò mai le sue decisioni, non ne ho il potere e comunque non lo farei.

Sento solo la mancanze di qualcosa che non sono mai riuscita a costruire e che non rimarrà altro che un elenco infinito di misandertstanding e di occasioni mancate.

Io non l'ho mai capito, non sono mai riuscita ad entrare dentro la sua testa fatta di note musicali, ho capito che il suo modo di esprimere le emozioni era solo attraverso le sue composizioni ma non ho mai decifrato i suoi codici.

Ed ora, sono qui ad aspettare la sentenza. A sapere se domani sarà ancora qui o chissà dove.

Chiedendomi, tra l'altro, se è meglio che vada o che rimanga.

sibille
Messaggi: 78
Iscritto il: 14 maggio 2006, 20:23

Messaggio da sibille » 22 giugno 2006, 11:37

ica... non credo che tu abbia bisogno di risposte.

E' la vita, bella e terribile. Scrivici una poesia.

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 22 giugno 2006, 12:10

... o magari una delle mie canzoni che per iora non si è filato nessuno ...

sibille
Messaggi: 78
Iscritto il: 14 maggio 2006, 20:23

Messaggio da sibille » 22 giugno 2006, 12:25

Magari tu scrivi il testo e lui la musica.. non studia composizione?

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 22 giugno 2006, 12:35

Si... ma conoscendolo anziché una canzone verrebbe fuori una sinfonia per orchestra di 10 pagine... :roll:

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 22 giugno 2006, 12:45

è solo che senti le cose in sospeso..lo capisco..

sibille
Messaggi: 78
Iscritto il: 14 maggio 2006, 20:23

Messaggio da sibille » 22 giugno 2006, 12:58

ica12 ha scritto:Si... ma conoscendolo anziché una canzone verrebbe fuori una sinfonia per orchestra di 10 pagine... :roll:
Va bene. Vuol dire che ci sono tante cose fra di voi.

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 22 giugno 2006, 14:47

... no che non baderebbe al tema :)

A parte gli scherzi, si, la sensazione brutta è sentire che sai che c'è tanto da dire e tanto da cercare di mettere a posto e invece devi lasciare andare tutto nello sciacquone.

Hai perso il treno...

sibille
Messaggi: 78
Iscritto il: 14 maggio 2006, 20:23

Messaggio da sibille » 22 giugno 2006, 14:59

ica, non ti sto dicendo che é bello ciò che stai vivendo, ma che di quello che hai puoi farne qualcosa di bello.

Anche se terminasse così, dalle tue parole mi sembra che hai vissuto qualcosa di prezioso, puoi fare arte dalle tue emozioni.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 22 giugno 2006, 15:01

il problema è quando ti metti a correre per prenderlo nella stazione dopo e lo perdi ancora e ancora...purtroppo dovremmo accettare il fatto che una cosa che per noi è in sospeso o che per noi varrebbe la pena di essere tentata può non essere la stessa per l'altro..magari per l'altro è una cosa chiusa che non vale la pena..e perchè non si sa,perchè sì e basta..

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 22 giugno 2006, 15:14

sibille ha scritto:ica, non ti sto dicendo che é bello ciò che stai vivendo, ma che di quello che hai puoi farne qualcosa di bello.

Anche se terminasse così, dalle tue parole mi sembra che hai vissuto qualcosa di prezioso, puoi fare arte dalle tue emozioni.

molte emozioni non tutte le definirei positive, soprattutto le litigate e i silenzi prolungati causa orgoglio.

Ma sicuramente gli voglio bene, nonstante tante volte sia stata trasparente e abbia sempre perso il confronto con la musica classica... fino a pensare che forse presentarmi a casa sua con una parruccone alla Mozart sarebbe stata una buona idea...

Alisea
Messaggi: 11
Iscritto il: 27 febbraio 2006, 18:21
Località: Toscana

Messaggio da Alisea » 22 giugno 2006, 18:19

Ho inseguito un uomo così come descrivi il pianista, amava altre cose e amava infinitamente i suoi interessi , poi un giorno come per magia ho visto ciò che era e cosa stava facendo a me .
Ho ripreso tutte le mie energie che dedicavo a corrergli dietro e sono tornata in vita.
Non ci può essere nessuno che ti consigli , che ti faccia vedere, che ti consoli.
Un giorno, un giorno nato come tanti altri anche tu vedrai ciò che è.
Ho passato dei momenti terribili, mi sono anche umiliata e posso dirti che nel cuore oggi non riesco a detestarlo né ad avercela con lui, perché so che mi ha anche donato, solo che prendeva più di ciò che dava.
Spero tu come me un giorno possa vedere quello che sono riuscita io a vedere di lui.
Un abbraccio
non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te

Alisea
Messaggi: 11
Iscritto il: 27 febbraio 2006, 18:21
Località: Toscana

Messaggio da Alisea » 22 giugno 2006, 18:20

Avvolte sembra impossibile che la tua storia sia la storia di tanti altri .
Cambiano solo alcuni particolari, ma ci sono tante emozioni che si ripetono, la passione sfrenata per qualcosa da parte di uno dei due, i silenzi, l’amore , il bene e il cercare di comprendere da parte dell’altro.
E’ una battaglia contro il vento, entrare nell’orbita di qualcuno che vive nel suo mondo che ti fa avvicinare quel tanto che basta , che non ha la percezione di quanto tu possa soffrite per il solo fatto che mai ti fa entrare totalmente nel suo abbraccio.
Uno si chiede ma allora come si fa ad innamorasi di uno così .. uno così ha degli attimi di infinito e in quegli attimi perdi la cognizione di tutto il resto ed è solo magia. Si concede rarissime volte ma quando lo fa vivi il sogno.
E’ questo che poi ti ripeti quando perdi il contatto, ma se è stato capace una volta perché non lo è nel quotidiano .
Il perchè è in una sola risposta non vuole essere così nel quotidiano.
Allora cara ci sono solo due strade da prendere o accetti il suo modo di essere o fuggi.
Ho inseguito un uomo così come descrivi il pianista, amava altre cose e amava infinitamente i suoi interessi , poi un giorno come per magia ho visto ciò che era e cosa stava facendo a me .
Ho ripreso tutte le mie energie che dedicavo a corrergli dietro e sono tornata in vita.
Non ci può essere nessuno che ti consigli , che ti faccia vedere, che ti consoli.
Un giorno, un giorno nato come tanti altri anche tu vedrai ciò che è.
Ho passato dei momenti terribili, mi sono anche umiliata e posso dirti che nel cuore oggi non riesco a detestarlo né ad avercela con lui, perché so che mi ha anche donato, solo che prendeva più di ciò che dava.
Spero tu come me un giorno possa vedere quello che sono riuscita io a vedere di lui.
Un abbraccio
non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te

Alisea
Messaggi: 11
Iscritto il: 27 febbraio 2006, 18:21
Località: Toscana

Messaggio da Alisea » 22 giugno 2006, 18:21

ne mancava una parte ,
un abbraccio
non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 23 giugno 2006, 9:06

:)

Mi piacerebbe sentire la tua storia... perché a chiunque raconti la mia sembra una cosa aliena, nel mondo perfettino in cui vivono le persone che conosco, nessuna ha mai provato mettersi in gioco con una persona fuori dagli schemi.

Pazza io o pazzi loro non lo so.

Sai, la differenza è che io non posso nemmeno scegliere di inseguirlo, se volessi (e non voglio)

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”