sensazione di perdita x qualcosa che non si ha mai avuto...

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 14 luglio 2006, 9:49

dici?...il la trovo molto fisica...cioè se intendi la parte tecnica dellla composizione sono daccordo...

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 14 luglio 2006, 9:58

La musica s, è fisica nell'esecuzione, ma il comporre un brano o l'interpretazione di un brano è molto mentale. Come interpreti tu le sensazioni che ti da un brano non le interpreta nessun'altro e come le trasmette uno non le trasmetet nessun altro.

Poi ti dico, lui è il tipo che ha in testa lo spartito, cioè... quando compone scrive mentalmente la musica e la traspone sul piano in 30 secondi, tipo folgorazione. Ha in m ente un'aria... prende un foglio e la scrive in note, come se uno ha in mente un tema e lo scrive.

Che magari per un compositore è normale, ma questa sua cosa, per me che sono affascianta dalla musica, è una roba che non smette di colpirmi, ogni volta che gli prende sto trip...

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 1 agosto 2006, 14:20

La domenica prima di partire ci siamo visti... diciamo la serata di addio. Ha già chiesto il traspferimento al conservatorio di Vibo Velencia, difficile che rinunci a meno che non gli capiti qualcos di irrinunciabile. Anche se gli va male con il mega pianista, ha avuto altre occsioni giù... A settembre tornerà per organizzare il trasloco...

sto cercando di autoconvincermi che è giusto così.

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 3 agosto 2006, 7:44

:shock: ma come mai si trasferisce così lontano? ...si tratta di un'occasione importante di lavoro ....o di bisogno di staccare?

comunque, forse per te è meglio così....almeno riesci a dare un taglio netto a quella storia che probabilmente ti dava più tristezza che felicità..... anche se capisco che perdere una persona importante (al di là dell'amore) sia sempre un strappo nella propria vita... :( mi spiace....

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 3 agosto 2006, 9:21

Perché i suoi genitori abitano lì e i suoi amici pure. Quando è venuto in italia (con mezzi diciamo un po' poco "ortodossi") si è stabilito lì e ci ha vissuto 4 anni, poi è venuto su, perché diplomarsi a Milano, essendo il conservatorio di Milano uno dei più prestigosi d'Europa, era tutta un'altra cosa.

Ora però il diploma in pianoforte ce l'ha e in composizione pure, direzione d'orchestra lo fa... diciamo così... per sfizio e va bene un conservatorio qualsiasi.

Per cui vuole torare "a casa" ora che sia sua sorella che i suoi genitori sono venuti in Italia, dato che hanno ottenuto la cittadinanza.

comunque si, credo sia meglio così perché noi due insieme eravamo un disastro.

Ma anche se pensi quasta cosa intensamente, fa male comunque :(

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 3 agosto 2006, 13:44

...ah...ora capisco...

si dev'essere un tipo davvero in gamba...anch'io lo stimerei molto ....comunque ...prendila come esperienza e conserva quello che ti ha dato, tanto nella vita non c'è niente che duri per sempre...meglio poco tempo insieme ma "vissuto" che anni a tormentarsi.....no?

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 3 agosto 2006, 14:14

E' uno che si è rimboccato le maniche di bestia. Ma ha lasciato tutto da parte per la musica...

Comunque ora è andato. So che mi mancherà, spero per poco, nel senso, di riuscire ad archiviare l'esperienza in fretta perché finirei per farmi del male comunque.

Speriamo nei... piercing :)

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”