sensazione di perdita x qualcosa che non si ha mai avuto...

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

hermi
Messaggi: 433
Iscritto il: 16 marzo 2006, 18:08
Contatta:

ciao!

Messaggio da hermi » 27 giugno 2006, 10:25

io credo che sia meglio che lui vada via........credimi..............

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 27 giugno 2006, 10:37

.. probabilmente è così, si trascinerebbe una situazione che primao o poi scoppierebbe comunque.

Ora sono in attesa e sto aspettando cosa siccederà fra un paio di settimane... Se deve andare via e devo combattere contro il male che sentirò mi piacerebbe saperlo. Odio aspettare qui come una cretina che qualcun altro decida.

Soluzione: forse è meglio che iniz a preparami adesso alla guerra... sennò non ne uscirò più...

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 4 luglio 2006, 22:15

Cara Ica, forse potrebbe esserle utile interrogarsi sui motivi profondi per cui si è “innamorata”, si sente legata ad “uomo” così frustrante per lei. E questo a prescindere dal fatto che lui rimanga o se ne vada. Il fatto che decida di andarsene, la solleverebbe forse da un problema di realtà di essere lei a dovere occuparsi di se stessa, di risolvere lei attivamente la situazione che le risulta frustrante e dolorosa. Certo la realtà ci “aiuta” a volte, però se quest’uomo-bambino (che pare pensare solo a sé, ai propri interessi, ecc.) rimane perché lui non ha avuto quell’occasione o perché lui l’ha deciso a prescindere da LEI, il problema rimane. E’ come scrive Alisea, finché non vediamo con chiarezza chi è l’altro, privandolo dall’idealizzazione, quello che ci fa e in che modo riesce a relazionarsi con noi, non possiamo che soffrire. E siamo noi le vere artefici di tutto ciò, l’altro sì ci fa solo da complice, ma sono i nostri bisogni profondi, le nostre paure i nostri schemi inconsci a farci stare in quella posizione, ad accettare. E’ sempre bene, quindi, guardarsi dentro e cercare di risolvere questi aspetti interni. Il rischio altrimenti è quello di ricadere incessantemente in relazioni che ripetono, guarda caso, quello schema.
Di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 5 luglio 2006, 9:48

La ringrazio per la sua risposta.

Conosco abbastanza me stessa da sapere che una vita normale con un ragazzo normale mi annoierebbe.

Sono io in primis ad accorgermi di pensare e di agire spesso come una scheggia impazzita.

Temo di vedere, anzi sono sicura che sia così, solo gli uomini che hanno delle particolarità un po' forti, tanto che spesso le persone mi guardano stranita quando racconto che genere di gente frequento, diversissimi tra loro ma con una cosa in comune: una vena di follia espressa nei vari modi.

Ora, non mi so autopsicanalizzare abbastanza da capirne il motivo, posso solo farLe un esempio concreto: se, per assurdo, mi si mettessero davanti due ragazzi dei quali uno bello ma impiegato di banca e l'altro capellone così così con in mano una chitarra elettrica finirei per uscire con il secondo.

E per esperienza non necessariamente sono dei "dannati" tutt'altro...

Ho paura di spegnermi, di lasciare che l'adrenalina che scorre continuamente nel mio sangue si addormenti. Anche di perdere una mia identità uniformandomi all'altro, la mia indipendenza e miei bisogni di silenzi solitari.

Forse cerco uomini che sono bambini di testa perché sono io la prima che non vuole crescere... o Forse vado a prenderer uomini che scappano forse perché alla fine è più comodo che doversi mettere a scappare.

Molto spesso mi sono chiesta se avrei voluto davvero un fidanzato cui rendere conto.

Un uomo che mi ami con cui svegliarsi a mattina ok, uno cui dover dire continuamente quello che faccio no.

Certe tipologie di uomini, probabilmente, non mi chiederanno mai la seconda cosa, perché sono loro i primi cui non vogliono sia chiesta...

Tutte supposizioni, ovviamente... :roll:

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 13 luglio 2006, 10:37

L'assurdità delle cose...

io sono un persona al limite delal logorrea... parlo tantissimo, praticamente una radio eppure con lui non riesco a spiccicare una parola.

Perché?

Ho fatto varie supposizioni... forse mi intimorisce, forse ho paura che mi giudichi o che non apporvi qualcosa...

Io vado per la mia strada comunque, faccio quello che mi va, utopisticamente mi piacerebbe che mi spingesse, invece che massacrare i miei gusti peché non sono come i suoi...

Ma poi... che senso ha star qui a pensarci? Il rapporto è talmente compromesso che non ci sarà mai una via d'uscita, io parlo il minimo indispensabile perché sto sulla difensiva, lui idem... barriera e allontanamento.

blh

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 13 luglio 2006, 10:52

ma com'è andata poi?

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 13 luglio 2006, 11:02

L'audizione ce l'ha il 1/8 per cui fino ad allora non saprò nulla. Tutto dipende da come suonerà... è nervosissimo, sa di giocarsi l'occasione della vita.

Non c'è posto per altro.

Tristezza. Ieri era il mio comple e se non glielo ricordavo io nemmeno se lo ricordava... va beh.

Voglio credere che nascosto da qualche parte ci sa l'uomo giusto. C'è un po' da scavare... mh

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 13 luglio 2006, 11:09

beh...intanto AUGURIIII!!!

...mi spiace per la situazione....non voglio farla semplice...ma lui non merita proprio le tue attenzioni.... :evil:
conserva quello che questa storia di ha dato....e mandalo a quel paese!

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 13 luglio 2006, 11:13

summer ha scritto:beh...intanto AUGURIIII!!!

THNX

E' un po' dura è il mio insegnante di canto... :roll:

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 13 luglio 2006, 12:14

...mm....senti...ma tu ci tieni tanto? riesci ad amare una persona che non ti rispetta? io non ce la farei....

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 13 luglio 2006, 12:44

Gli voglio molto bene, amare è una parola grossa. Solo una volta nella mia vita sono sicura di aver amato.

Ti posso dire che se si fosse lasciato amare... avrei potuto amarlo...

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 13 luglio 2006, 12:59

...credo di capire...
non pensi comunque che staccarti un po' da lui sarebbe meglio?

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 13 luglio 2006, 14:16

lo sto facendo... ma diciamo che è un lavoro un po' difficile... rispetto a mesi fa è cambiato moltissimo, sono uscita con altri ragazzi, non mi sono posta più blocchi nei suoi confronti, non siamo insieme ufficialmente quindi è da un po' che faccio ciò che voglio... Non ho ancora fatto il passo successivo cioè farglielo sapere :)

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 13 luglio 2006, 14:28

ica12 ha scritto: Non ho ancora fatto il passo successivo cioè farglielo sapere :)
:lol: beh..in questa situazione credo che sia un problema secondario....l'importante è che stai bene tu!

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 13 luglio 2006, 14:31

Si però 1. miacerebbe sapere che faccia fa, 2. mi piacerebbe prendermi una piccola vendetta (per la serie... va che non lo sto aspettando da te, c'è la fila per darmelo!)

Ma non credo servirebe a farlo scendere dalla sua dimensione parallela

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”