Aiutatemi a ritrovare .....le ali.

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
Barbie Senza Ali
Messaggi: 15
Iscritto il: 22 giugno 2006, 20:52

Aiutatemi a ritrovare .....le ali.

Messaggio da Barbie Senza Ali » 23 giugno 2006, 21:22

Salve a tutti, mi presento, sono Barbie

Se avessi dovuto parlarvi di me tre mesi fa mi sarei descritta come una bella 33enne, equilibata, seria, con la testa sulle spalle con un buon lavoro, una casa, un uomo innamorato al suo fianco che dopo una convivenza di 6 anni, ha deciso di regarle un anello con un diamante...come promessa di matrimonio.

Ma tre mesi sono passati......e questa descrizione non parla più di me.

Frequentavo un forum da parecchio tempo, quando all'improvviso mentre ero impegnata a fare altro, è arrivato lui....che pian piano è riuscito a trascinarmi verso se....un pò per gioco, abbiamo iniziato a inviarci qualche messaggio in privato, qualche dedica.....qualche attenzione in più. Poi la situazione mi è sfuggita di mano, mi sono svegliata una mattina con in mente solo lui....senza averlo mai visto, mai sentito.
Poi tutto si è mosso velocemente.....una chiamata....la bocca che è diventata asciutta, il cuore che ha iniziato a battere.
Abbiamo iniziato a scriverci sempre più spesso, a sentirci telefonicamente almeno una volta al giorno......a vivere le stesse disarmanti emozioni.
Mi sono sentita fragile e in colpa per quello che provavo....ho cercato di seppellire i miei sentimenti, ma non ci sono riuscita.
Ho trascorso 2 mesi in cui l'unica cosa che desideravo fortemente e follemente era incontrare la sua anima, sentire il suo cuore battere, poter sfiorare la sua pelle, guardare i suoi occhi.......
In poco tempo ho perso diversi chili, non mangiavo, dormivo a stento......con in mente un unico pensiero: lui.
Malgrado 2000 km. di distanza io sentivo il suo amore....è riuscito a darmi così tanto amore, a farmi provare così tante emozioni che è diventato il mio ossigeno....la mia unica ragione di vita!
Abbiamo deciso di vederci....lui era molto insicuro di se, era convinto che non mi sarebbe piaciuto, che mi avrebbe deluso.......
Io ho cercato di rassicuralo, convinta del mio amore puro e sincero non nato da un involucro esterno, ma da qualcosa di molto più solido.
Ho predisposto l'incontro con una precisione dei dettagli quasi maniacale.
Una casa in affitto al mare, in una rinomata località balneare. Un posto da sogno......un mazzo di girasoli per lui sul tavolo, le candele con le conchiglie e la sabbia......, un frigo pieno di mille leccornie, pensierini per lui sparsi per la casa. Quando finalemente il countdown è terminato e l'ho visto in aeroporto il cuore si è davvero fermato, e l'emozione è salita alle stelle. Arrivati a casa......dopo solo 3 minuti eravamo sotto le lenzuola. Ed è stato bellissimo, passionale e docissimo.....Io l'ho definita la mia prima vera volta! Stare con lui quei tre giorni è stato il paradiso......
Ho visto in lui tanti piccoli dettagli che mi hanno fatto ancora più innamorare, la sua essenza, il suo vero io.
Un uomo fragile, insicuro, disinnamorato di se......con tanta sfiducia nei confronti della vita, della sua esistenza, del suo futuro....
Tutto questo inevitabilmente ha condizionato il nostro rapporto. E malgrado il nostro amore, lui.....non riesce a prendere una decisione, a venire qui da me.....mi dice ti amo tra le lacrime, ma che ha già rovinato la sua vita, e non vuole rovinare anche la mia.....dice
che l'amore passa e che io mi stuferei a vederlo depresso su un divano senza la forza di andare a lavorare....
Io....cerco di prenderlo per mano e fargli vedere che dietro le nuvole nere che lui vede si nasconde il sole, che io farei di tutto per lui e che insieme potremo stare veramente bene......
Lui certi giorni si fa trascinare da questo amore, si illude......e si lascia andare. Altri non mi da nessuna speranza e dice che tanto non potrebbe funzionare. Io so solo una cosa, io non voglio rinunciarci, io non posso.......io voglio prendermi cura di lui...amarlo, aiutarlo come meglio posso........ma è così difficile!

La donna che prima vi descrivevo si è tolta l'anello, ha lasciato la sua casa, il suo uomo......e ha comunicato a tutti che non si sposerà più!


Immagine

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 24 giugno 2006, 11:01

mi chiederei due cose:
-cosa ti mancava nel rapporto precedente tanto da aver cercato altro?
-come mai hai "attirato" insconsapevolmente questo tipo di uomo-scoraggiato dalla vita e bisognoso di aiuto?
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 24 giugno 2006, 12:52

cmq sei stata molto coraggiosa e coerente al di là di tutto o dei meccanismi che sono scattati.

amorefolle
Messaggi: 49
Iscritto il: 18 maggio 2006, 11:13

Messaggio da amorefolle » 26 giugno 2006, 11:00

Ciao...
c'è un mio post in "depressione"... intitolato.. "aiutatemi ad amarlo"....
una storia di quasi un anno con un uomo depresso.. la mia testardaggine nel dirmi "io ce la farò, ti prenderò per mano e ne uscirai"... una pura illusione in una grande bugia...
Non puoi aiutare chi non riesce e a suo modo non vuole aiutare se stesso...
Ci ho messo mesi a capirlo e sai qual'è il risultato?? Sono a un passo dal baratro, dal suo stesso baratro.. perchè non sono io ad avere portato lui verso la vita.. ma lui ad avere trascinato me nel tunnel...
La persona che ero mesi fa non esiste più, mi ha risucchiato tutte le mie energie, già.. i pochi momenti suoi "vitali" lasciavano me totalmente inerme, quasi come se lui fosse il vampiro della mia anima...
Ed ora mi ritrovo a combattere tra antidepressivi e crisi d'ansia... è dura da dire e da ammettere... fuggi.. finchè sei in tempo.... fa solo male una storia cosi.. per esperienza.. e da chi ancora oggi non riesce a fuggire!
amorefolle

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 29 giugno 2006, 17:49

Cara Barbie, non credi che possa esservi utile inoltrarvi ulteriormente nella realtà? Non ho capito quanto realmente siate stati insieme, e so che i rapporti che nascono via internet spesso si caricano di idealizzazioni, dei nostri bisogni; non posso certo sapere se è di questo che si tratti, però credo che possa essere importante entrare di più nella realtà, frequentandovi quando potete, conoscendovi veramente e conoscendo cosa veramente voglia dire stare con l'altro con tutti i suoi problemi e le sue debolezze. Già spesso è dificile questa fase quando si inizia una relazione e "finisce" la fase iniziale di inamoramento, ed ecco che tutte quelle piccole cose che prima ci attraevano a volte diventano aspetti pesanti e distruttivi di un rapporto. Spero che non sia così, ma credo che dobbiate scoprirlo.
Di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Barbie Senza Ali
Messaggi: 15
Iscritto il: 22 giugno 2006, 20:52

Messaggio da Barbie Senza Ali » 30 giugno 2006, 7:41

In questo ultimo periodo ho avuto molto tempo per esplorare me stessa, ho ritrovato il piacere di stare da sola con i miei pensieri, mi sono analizzata a fondo facendo anche una profonda autocritica.

Sono arrivata a questa conclusione: il vero problema sono io!

Il primo amore travolgente della mia vita è stato per un uomo alcolizzato, che mi ha distrutto e violentato psicologicamente e fisicamente. Per 6 anni l'ho rincorso in vari paesi d'europa, scappando e tornando.......un rapporto passionale assurdo, era come stare sulle montagne russe perennemente. Momenti splendidi seguiti da momenti di profondo dolore.
Alla fine quando mi trovavo in irlanda, ho dovuto mettere da parte i sentimenti fortissimi per questa persona e scappare; per un unico motivo, se fossi rimasta lì........le chance erano due: o mi ammazzava, o l'avrei ammazzato io. La situazione era davvero assurda e difficilissima......

Tornata qui, ero davvero segnata. Penso di essere uscita da questo tunnel di recente........nel frattempo è tornato un vecchio amico ( il mio ex) e lui così calmo, placato è riuscito a darmi quello che mi era tanto mancato: la serenità, la pace.........

Ora che sono guarita mi ritrovo a ri-provare quel sentimento che mi porta a fare qualsiasi cosa in cerca del vero amore......un amore impossibile e assurdo, che mi distruggerà ancora una volta.

Lui verrà qui ad agosto per 20 giorni, mi ha già detto che non verrà mai qui a vivere per i motivi sopra riportati, ma che verrà spesso a trovarmi......... e io mi guardo e penso: mi sto accontentando delle briciole???? Ma che senso ha tutto questo.........?
Ma ormai ci sono dentro sino al collo, mi sento una tossicodipendente che senza la sua razione quotidiana esce di testa. Un ossessione, un chiodo fisso..............solo quando mi fermo a ragionare con razionalità come ora, vedo tutto con chiarezza. Ma poi mi perdo nei meandri delle mie passioni travolgenti e pericolose e non riesco a uscirne.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 30 giugno 2006, 12:30

senti...questa persona sì ti sta dando le briciole quando meriteresti di più, ma senti una cosa,in agosto passerai 20 giorni con lui. 20 giorni non sono 3,sono pochi lo stesso,ma sono più di 3 giorni in cui puoi fare andare tutto bene e idealizzarlo in maniera esponenziale. se tu hai già capito di essere in un tunnel di questo tipo,vivi i 20 giorni in consapevolezza... magari riesci a umanizzare quell'uomo che ti ama tanto ma non fa un passo per te, che ti ama ma on lascia la sua donna non si sa perchè...per non ferirla,per il lavoro (?!!!!?) magari prendendo il toro per le corna lo esorcizzi...e riesci a portarti un po' di rispetto vedendo le cose come stanno. tu non è che devi mettergli fretta o cosa,ma lui già parte dicendo dei mai...e questo è scoraggiante perchè mette le mani avanti così lui sta a posto...e per te non è giusto.
mi dispiace che stai male, non vorrei che adesso tu pensassi che allora quello di prima che hai lasciato era amore vero,perchè probabilmente era serenità a quanto dici.
e guarda il lato positivo della cosa: questa esperienza,anche se non si sta rivelando positiva, ti ha fatto capire delle cose,e ti ha aiutata a non commettere un probabile errore,ovvero il matrimoniocon una persona a cui volevi solo bene. almeno un merito quello ce l'ha..

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”