per la Dottoressa Spadoni

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 12 luglio 2006, 15:36

Twilight ha scritto:perchè la vita te la vivi tu,le decisioni che ti riguardano le prendi tu,il modo di vivere lo scegli tu, è ovvio che per alcuni eventi come la morte non puoi fare niente,ma il resto non lo puoi imputare tutto al mondo esterno. troppo comodo ragazzo... se ti licenziano è colpa tua o del capo? tu diresti del capo che è stronzo..non in parte tua che avrai fatto qualcosa che on dovevi..
Lasciamo stare l'ammbiente lavvorati vo è un mondo a parte qui proprio la psicologia c'entra come i cvoli a merenda... fidati...

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 12 luglio 2006, 15:38

weely76 ha scritto:
Lala ha scritto:weely allora accettiamo il fatto che sia colpa delle donne.va bene,mettiamo che sia così.tu cosa puoi fare per cambiare le cose?
Un bel nulla!!! Se sono stronze, sono stronze!!!

Anche gli uomini... :shock:

hermi
Messaggi: 433
Iscritto il: 16 marzo 2006, 18:08
Contatta:

....

Messaggio da hermi » 12 luglio 2006, 15:39

:lol: :lol: che risate pare nu teatrino!!

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 12 luglio 2006, 15:55

ica,non entriamo in ambito genetico, il carattere non è solo genetica,anzi credimi gli aspetti della personalità nascono da settori del cervello e non si è ancora nemmeno capito a fondo come il tutto funzioni..
sicuramente la genetica influisce,ma come qualsiasi fenotipo non dipende solo dal genotipo,ma anche dalle interazioni ambientali. allora lascia perfdere occidentali e orientali,le differenze esistono per differenza di cultura ovviamente.
ma se io sono cresciuta imparando da mia madre ad essere apprensiva ansiosa insicura,perchè lei me lo ha comunicato,perchè lei mi ha insegnato a dubitare sempre di me,allora io avrò questo lato del suo carattere,perchè ho lei come esempio,sono anta da lei,sono stata in empatia con lei..io ricordo cose di quando ero piccolissima,ti assicuro che secodno me hanno influito una cifra,anche cose piccole. ho imparato che il rapporto di amore è fatto di sopportazione e di poco rispetto e ho ricalcato il tutto senza desiderarlo,anzi detestandolo,eppure ho fatto uguale.
esempio perfetto la mia vicina di casa,sposata con un violento,la figlia sposata con un violento pur sembrando lontana anni luce da sua madre

poi se arrivi a voler comprendere e a discostarti volontariamente da quel modello allora è bene. ma credo che sia un percorso,non un automatismo.
tu puoi pensare di essere diversissima da tua mamma e di non avere nemmeno niente a che fare con tuo papà come carattere,ma io sono certa che avendo imparato a crescere in quella famiglia molte delle cause dei tuoi rapporti strani con gli uomini derivano da quello... e anche il tuo essere ribelle, un modo per fare vedere che sei diversa, ma che infondo non lo sei così tanto..le persone mooooolto ribelli,e non dico che sia il tuo caso eh, sono quelle che di essere diverse lo devono dimostrare,forse perchè non lo sono così tanto o perchè non osno così sicuri.. non so. magari dico cazzate eh

hermi
Messaggi: 433
Iscritto il: 16 marzo 2006, 18:08
Contatta:

....

Messaggio da hermi » 12 luglio 2006, 15:58

Twi, pero' non credi che si possa anche modificare quel lato del carattere che abbiamo ereditato dai nostri genitori qualora non ci permettesse di vivere bene?
Io ci sto riuscendo ma grazie alle sedute e ovviamente alla mia volontà di cambiare ....

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 12 luglio 2006, 16:00

io non sono MOLTO ribelle, lo sono solo in alcune situazioni perché la maggioranza delle volte normalità=massa ma non è detto che ciò che pensa la massa sia per orza giusta, a volte si a volte no. ora, se penso che la massa sta andando in una dierezione giusta, ci vado anch'io, se penso che sta facendo cazzate, non ci vado.

Mia madre è per la massa sempre. E io sono d'accordo con lei a volte, a volte faccio comunque come dico io... boh

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 12 luglio 2006, 16:06

bene,sei riuscita a trovare un equilibrio tra te stessa e quello che dice tua madre.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 12 luglio 2006, 16:17

hermi è quello che sto dicendo

ica...non comprendi il mio messaggio. non sto dicendo che somigliare a tua madre o io a mia madre vuol dire avere le stesse idee per quanto riguarda il lavoro,i figli,il sesso o le uscite il sabato sera o la musica ec, anche io sono opposta a lei in questo senso. ma gli schemi comportamnemtali più profondi,le insicurezze più profonde,o la cosa che ti spinge verso ragazzi che non ti vogliono o che sono sfuggenti io credo che tu lo abbia preso dal tuo contesto familiare,da lei o dal rapporto che lei ha con tuo padre insomma.

hermi
Messaggi: 433
Iscritto il: 16 marzo 2006, 18:08
Contatta:

....

Messaggio da hermi » 12 luglio 2006, 16:30

Infatti Twi, i miei modi di fare con gli uomini, hanno sempre riflettuto di pari passo il rapporto che aveva mia madre con mio padre...
Lui , una personalità forte e sicura...carnefice
Lei, vittima e insicura, sempre sofferente....

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 12 luglio 2006, 16:38

E allora perché io vado a cercarmi gli uomini str* mentre in casa mia quella con le palle è mia mamma?

Scusate ma proprio non capisco...

hermi
Messaggi: 433
Iscritto il: 16 marzo 2006, 18:08
Contatta:

beh

Messaggio da hermi » 12 luglio 2006, 16:45

mica ti devi necessariamente identificare con il tuo stesso sesso...
Potresti anche imitare incosciamente tuo padre....

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 12 luglio 2006, 16:49

per reazione al rapporto tra tua madre e tuo padre?

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 12 luglio 2006, 16:50

Allora dovrei soffrire di manie di persecuzione, io invece non penso affatto che il mondo ce l'abbia con me...

ica12
Messaggi: 918
Iscritto il: 9 marzo 2006, 13:55

Messaggio da ica12 » 12 luglio 2006, 16:51

Lala ha scritto:per reazione al rapporto tra tua madre e tuo padre?
in che senso?

Loro a 60 anni sembrano i fidanzatini di Peynet...

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 12 luglio 2006, 16:55

ica non è che io ti posso trovar ele risposte.prima non dicevi del rapporto trai tuoi di tuo padre dolcissimo ecc...

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”