Pagina 5 di 5

Inviato: 3 settembre 2006, 14:23
da Twilight
crescere con una persona,e aver fatto ruotare la tua vita intorno al tempo trascorso con questa persona,sbagliando ok,avere fatto ruotare tutto intorno a qualcosa e non a se stessi è disarmante. da 9 anni. rompere tutto,anche se può essere giusto, è sfasciare completamente la propria vita. prima di incontrarlo non potevo avere una vita mia,perchè in famiglia non mi hanno permesso niente. quindi è una cosa spiazzante all'ennesima potenza. è chiaro che si deve rischiaro,chiaro tutto,lo so,mica sono scema, ma farlo è come buttarsi nel vuoto e nonsapere se sotto ci sarà una rete o se ti sfracellerai perchè tu prima una rete non te la sei mai potuta costruire. non avevi la cerchia di amici,non avevi esperienze,non avevi indipendenza,non avevi autonomia,non avevi quasi il permesso di uscire di sera.. adesso ti ritrovi adulta,dopo un periodo quasi di anestesia in cui tutto è rimasto paralizzato,e in cui hai costruito una esistenza intorno a qualcuno con cui hai iniziato a fare tutto quello che avresti voluto. ma che era meglio facessi prima da sola. non so come spiegare. e ritrovarti a passare necessariamente da 0 a 100 senza troppi gradini è una cosa infinitamente difficile,perchè non hai piani intermedi a cui attaccarti. eri a zero prima e devi partire da zero,non avevi costruito qualcosa e abbandonato,non puoi riprendere da dove avevi lasciato. e tutto,senza il perno a cui avevi fatto ruotare la vita perde di senso, e ti chiedi anche se sei insoddisfatta di lui, o di te in realtà. se non vuoi lasciare lui solo perchè tu non esisti,ma se esistessi lui andrebbe bene e ti renderebbe felice e non ti faresti problemi. ti chiedi se il problema sei tu,se non crei problemi inutili. se il problema vero non sia il non amore per lui ma un'altra cosa. e tu riesci a rispondere? io no

Inviato: 3 settembre 2006, 14:29
da novembre
Comprendo tutto, davvero.
Ma la rete di cui parli puoi ancora costruirtela, pian piano.
Se non inizi ad esistere senza di lui, questi interrogativi te lo prrai fino alla fine dei tuoi giorni. E sia che ci sia ancora lui al tuo fianco, sia che tu stia con un'altra persona.

Inviato: 3 settembre 2006, 14:37
da Twilight
novembre :) tu pensi che se io non fossi consapevole delle cose che tu dici e che dite tutti mi creerei problemi,sarei depressa e sarei qui a scrivere? no vivrei,magari triste e insoddisfatta,ma giustificando il tutto con la scusa che le cose si trasformano e che tutto è normale,come mi capitava fino a un paio di anni fa direi. il problema è cheio sono una persona immobile in questo momento,e non riesco più a fare niente di niente in nessuna direzione,in nessun campo,niente. e sono molto sola anche. la vita si affronta da soli,ma avere qualcuno di cui fidarsi o a cui chiedere un appoggio ogni tanto è utile. io non ce l'ho. mia madre è come me,quindi non mi è di molto aiuto anche se mi ascolta. e non ho più amicizie,non ho più niente. da sola lo trovo difficile 100 volte più che una persona media con una vita normale.

Inviato: 3 settembre 2006, 14:38
da Twilight
lui è l'unica persona che ho vicina e immaginarmi senza ..non riesco,e nemmeno immaginarmi con.

Inviato: 3 settembre 2006, 14:49
da Lala
Twilight ha scritto:nemmeno immaginarmi con.
questa è la chiave.immaginarti senza lo trovi difficile non per chissà quale amore ma per abitudine e lo sai perché l'hai ben spiegato prima.ma come te ci sono state tante altre persone,che si sono alsciate anche dopo anni di matrimonio e ne hanno avuto il coraggio,mgari a 60 anni,peggio ancora.tu sei giovane e forte,soprattutto forte,io lo so,ti abbraccio. :)

Inviato: 3 settembre 2006, 14:51
da Twilight
vedi,io sono un po' un purea di persona adesso.. lamentosa,noiosa,che parla parla e poi.. ma una cosa ho in più degli anni scorsi,che almeno mi pongo il problema e ho dei vorrei,anche se per adesso non riesco,questo è un vantaggio su tutti quelli che invece non riescono nemmeno a porselo il problema.

Inviato: 3 settembre 2006, 14:54
da Lala
Per questo dico che sei forte.Twi,ci vai dallo psicologo?

Inviato: 3 settembre 2006, 16:43
da Vale
mi permetto...
ma qualcosa di tuo però cel'hai, mi sembra nei tuoi primissimi post dicevi che stai studiando per laurearti...
e che caspita ti par poco? e poi troverai un lavoro e ti puoi costruire un mondo tutto tuo, anche via dal tuo paese...volendo.
e possono nascere nuove amicizie, avvenire nuovi incontri, potresti farti una vita del tutto nuova...e tutta con le tue forze.

Inviato: 3 settembre 2006, 17:13
da Twilight
certo,potrò,ma non in questo momento

Inviato: 3 settembre 2006, 20:09
da novembre
Twilight ha scritto:novembre :) tu pensi che se io non fossi consapevole delle cose che tu dici e che dite tutti mi creerei problemi,sarei depressa e sarei qui a scrivere? no vivrei,magari triste e insoddisfatta,ma giustificando il tutto con la scusa che le cose si trasformano e che tutto è normale,come mi capitava fino a un paio di anni fa direi. il problema è cheio sono una persona immobile in questo momento,e non riesco più a fare niente di niente in nessuna direzione,in nessun campo,niente. e sono molto sola anche. la vita si affronta da soli,ma avere qualcuno di cui fidarsi o a cui chiedere un appoggio ogni tanto è utile. io non ce l'ho. mia madre è come me,quindi non mi è di molto aiuto anche se mi ascolta. e non ho più amicizie,non ho più niente. da sola lo trovo difficile 100 volte più che una persona media con una vita normale.
Certo, ma se continui a stare con lui non cambierai di una sola virgola. A 60 anni sari identica ad ora. Con gli stessi problemi. Continuerai a non avere amicizie, a non avere nessuno a cui appoggiarti.
Sarai sempre lì, con una persona mediocre accanto (mediocre rispetto a quello che desideri tu), che ti dà quella sicurezza che cerchi e con non ti consente di crescere.
Quell'1% di cui parlavi è la tua rovina. Sei immobile. Non hai nessuno e non avrai mai nessuno, perchè non hai alcuno stimolo per cercarlo.
Per crescere bisogna anche soffrire. Morire, in alcuni casi. Ma per rinascere.

E qua finisco i miei interventi, penso di aver espresso largamente la mia opinione. Hai detto di esser consapevole delle cose che dico e che ti dicono le altre. Ora sta a te.

Inviato: 24 giugno 2007, 21:01
da Twilight
ho chiesto la pausa,dopo molto tempo,ma sono distrutta e continuo a pensare a come sta lui,alle sue lacrime,alla sua delusione..a tutto quello che sognava..era contento..
io adesso devo rifelttere..e capire cosa voglio e cosa provo..ma sono dilaniata..