corteggiamento respinto

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Avatar utente
parì
Messaggi: 419
Iscritto il: 31 luglio 2006, 23:00

Messaggio da parì » 17 settembre 2006, 16:41

Sicuramente weely il fatto che tu riconosca che la difficoltà di fondo di relazionarti con l'altro sesso in modo sereno sia dovuta al risentimento profondo che provi verso le donne è un primo importante passo in avanti per uscire da questa situazione di stallo...

Tu hai coscienza di ciò e quindi potresti cominciare a lavorare su te stesso proprio a partire da questo per liberarti gradualmente da questo rancore che ti attanaglia :roll:

Consigli pratici non mi sento all'altezza di dartene :oops: ...un professionista potrebbe aiutarti a trasformare questo rancore in energia positiva e a migliorare il tuo rapporto con le donne. :roll:

Hai mai pensato a una psicoterapia?
Forse potrebbe essere una buona soluzione...

Ti faccio comunque tanti auguri :wink:

francesco100
Messaggi: 325
Iscritto il: 4 aprile 2005, 21:56

Messaggio da francesco100 » 17 settembre 2006, 17:21

Leggiti "La libertà del Volere Umano"di Schopenauer.

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 18 settembre 2006, 14:41

francesco100 ha scritto:Leggiti "La libertà del Volere Umano"di Schopenauer.
perchè?

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 18 settembre 2006, 15:06

parì ha scritto:Sicuramente weely il fatto che tu riconosca che la difficoltà di fondo di relazionarti con l'altro sesso in modo sereno sia dovuta al risentimento profondo che provi verso le donne è un primo importante passo in avanti per uscire da questa situazione di stallo...

Tu hai coscienza di ciò e quindi potresti cominciare a lavorare su te stesso proprio a partire da questo per liberarti gradualmente da questo rancore che ti attanaglia :roll:

Consigli pratici non mi sento all'altezza di dartene :oops: ...un professionista potrebbe aiutarti a trasformare questo rancore in energia positiva e a migliorare il tuo rapporto con le donne. :roll:

Hai mai pensato a una psicoterapia?
Forse potrebbe essere una buona soluzione...

Ti faccio comunque tanti auguri :wink:
perchè secondo te esiste un modo di trasformare il male subito in energia?

Avatar utente
parì
Messaggi: 419
Iscritto il: 31 luglio 2006, 23:00

Messaggio da parì » 19 settembre 2006, 0:23

weely76 ha scritto:
perchè secondo te esiste un modo di trasformare il male subito in energia?
Certo weely, credo che esistano i modi per trasformare il male subito in energia positiva!
Il rancore è un'energia che viene indirizzata negativamente e alla fine fa più male a chi prova questo sentimento che non alla persona cui è diretto...che spesso non sa neppure di essere il destinatario di tutto quel risentimento... :roll:
Per questo credo che, se non ce la si fa da soli, un addetto ai lavori sia la persona che più degli altri possieda gli strumenti per "reindirizzare" quel flusso di energia in maniera positiva! :wink:

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 19 settembre 2006, 15:57

ma tu ci andresti?

Avatar utente
parì
Messaggi: 419
Iscritto il: 31 luglio 2006, 23:00

Messaggio da parì » 19 settembre 2006, 23:20

Sì weely, io me la darei questa opportunità!
Se proprio mi rendessi conto di non farcela da sola con le mie forze e fossi seriamente motivata a scoprire le cause profonde del mio rancore per poterlo superare e poter migliorare il mio rapporto con me stessa e di conseguenza con gli altri, perchè non provare? :wink:

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 20 settembre 2006, 0:28

parì ha scritto:Sì weely, io me la darei questa opportunità!
Se proprio mi rendessi conto di non farcela da sola con le mie forze e fossi seriamente motivata a scoprire le cause profonde del mio rancore per poterlo superare e poter migliorare il mio rapporto con me stessa e di conseguenza con gli altri, perchè non provare? :wink:
ma io conosco bene la causa del mio risentimento cara parì e proprio per questo so che non è possibile superarlo...purtroppo non credo che una chiaccherata dallo psicologo abbia queste proprietà taumaturgiche...al limite...ma proprio al limite...potrei provare con una giovane psicologa che potrei riempire liberamente di improperi :D

Avatar utente
parì
Messaggi: 419
Iscritto il: 31 luglio 2006, 23:00

Messaggio da parì » 20 settembre 2006, 10:07

weely non sono d'accordo quando scrivi : "ma io conosco bene la causa del mio risentimento cara parì e proprio per questo so che non è possibile superarlo...".

Perchè dici che non è possibile? :shock:
Immagino che non sia un percorso facile e indolore, ma non credo sia impossibile. :)

Non dovresti rassegnarti solo perchè è da tanto che provi questo rancore e allora così dovrà essere per sempre!
Il rancore è un sentimento non una condizione irreversibile...

Già il fatto che tu sia consapevole della causa del tuo malessere è importantissimo perchè a volte stiamo male e non riusciamo neppure a capirne il perchè....tu invece lo sai il perchè, e proprio perchè non riesci a superarlo( ma credo che tu lo voglia, vero?) dicevo che forse ti poteva essere d'aiuto una chiacchierata da un professionista. :roll:
A volte si tratta di scoprire solo un nuovo modo di vedere e vivere le cose, piuttosto che cercare di cambiare le stesse, visto che non tutto quello che accade dipende dal nostro volere, come tu stesso ti accorgi... :roll:

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 20 settembre 2006, 11:23

parì ha scritto:weely non sono d'accordo quando scrivi : "ma io conosco bene la causa del mio risentimento cara parì e proprio per questo so che non è possibile superarlo...".

Perchè dici che non è possibile? :shock:
Immagino che non sia un percorso facile e indolore, ma non credo sia impossibile. :)

Non dovresti rassegnarti solo perchè è da tanto che provi questo rancore e allora così dovrà essere per sempre!
Il rancore è un sentimento non una condizione irreversibile...

Già il fatto che tu sia consapevole della causa del tuo malessere è importantissimo perchè a volte stiamo male e non riusciamo neppure a capirne il perchè....tu invece lo sai il perchè, e proprio perchè non riesci a superarlo( ma credo che tu lo voglia, vero?) dicevo che forse ti poteva essere d'aiuto una chiacchierata da un professionista. :roll:
A volte si tratta di scoprire solo un nuovo modo di vedere e vivere le cose, piuttosto che cercare di cambiare le stesse, visto che non tutto quello che accade dipende dal nostro volere, come tu stesso ti accorgi... :roll:
è vero, forse gli accadimenti possiamo guardarli da diversi punti di vista ma non rischiamo di raccontarci solo delle bugie consolatorie in questo modo? In fondo se non ho una ragazza non è che guardando le cose da un'altro punto di vista il problema si risolve magicamente.
Comunque sei molto dolce a prestarmi attenzione. grazie :oops: :wink:

Avatar utente
parì
Messaggi: 419
Iscritto il: 31 luglio 2006, 23:00

Messaggio da parì » 20 settembre 2006, 16:21

Non necessariamente se cambiamo prospettiva significa che ci stiamo raccontando delle bugie consolatorie :roll: ....non credo che sia così...

Cioè, io non intendo dire che dobbiamo autoconvincerci che una cosa va bene...anche se in realtà va male! Si tratterebbe a quel punto di mettersi le fette di prosciutto sugli occhi :?

Io invece intendo che se una situazione ci sta stretta e abbiamo la volontà e la determinazione di cambiarla proprio perchè non ci fa stare bene, allora è doveroso per noi stessi cercare di realizzare un cambiamento, seppur minimo e con tutte le difficoltà del caso...perchè nulla avviene come per magia :roll:
E' quello che io dico a me stessa quando qualcosa non va per il verso giusto...

Tu dici " In fondo se non ho una ragazza non è che guardando le cose da un'altro punto di vista il problema si risolve magicamente. ".
Io ti rispondo che sì, non è detto che se tu ti affidi a qualche esperto, dopo dovrai mettere la macchinetta per i numeri come quelle che si trovano al supermercato per "disciplinare" la folla delle tue ammiratrici :lol: :lol: ( scusa l'immagine, ma è per sdrammatizzare un pò! :P ), però tu immagina come ti sentirai meglio proprio con TE STESSO( e ti sembra poco? :D ) non provando più quel rancore che adesso senti dentro di te così forte! :wink:

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 21 settembre 2006, 10:46

dammi un tuo punto di vista per favore...tu hai letto un pò i miei interventi...insomma ti sarai fatta un'idea sul motivo che ha determinato e determian questa mia situazione no? Lascia perdere la rabbia....il problema non è la conseguenza ma la causa....

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 21 settembre 2006, 13:05

qual è la causa?

weely76
Messaggi: 731
Iscritto il: 16 maggio 2006, 17:08

Messaggio da weely76 » 21 settembre 2006, 13:10

Lala ha scritto:qual è la causa?
ne abbiamo parlato fin troppo lala, non credi? Anche il post sopra mi sembra abbastanza chiaro sul punto, no?

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 21 settembre 2006, 13:12

puoi ripetere?

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”