LA PAURA

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

LA PAURA

Messaggio da stop » 6 ottobre 2006, 22:48

Spedirò mai questo topic?
Ora sono decisa a combattere per riavere la mia libertà, le mie paure vivranno con me lo so, ma voglio riuscire a conviverci bene.
La mia vita va bene,ho una casa,una famiglia,amici un po',un bel lavoro anche se ora senza un posto,salute abbastanza,un ragazzo.
La paura costante che tutto questo venga a mancare.
Vedo troppa sofferenza in giro, e ogni volta che mi capita qualcosa di bello ho paura che mi venga tolto come se io non lo meritassi. Ho una paura immensa della morte,è la mia fissazione,sono così presa dalla vita ed ho paura. Non per me. La mia è un'ossessione.
non riesco più a vivere,sono superstisiosa,anche scrivere la parola mi fa paura.Ho la paura che se io pensi alla morte questa possa farmi del male,ho sempre cattivi pensieri su tutte le persone a me care. Non ho paura di morire io. Ho paura che venga a mancare qualcuno a me caro. Ho un'ossessione pazzesca,vedo troppe persone a cui capita,e penso che debba capitarmi sempre ciò che capita agli altri. Come sto bene con qualcuno ecco che questa paura compare,la mia mente comincia a viaggiare da sola,ed io stessa senza volerlo mi ritrovo a fare cattivi pensieri su quella persona. é come se non controllassi la mia mente! come se ci fosse una forza cattiva dentro di me ed io poi mi punisco compiendo gesti ripetuti e compulsivi per scacciare quasta paura perchè in realtà voglio l'opposto di quello che la mia mente pensa.
La mia vita sta diventando un incubo. Ho paura! Mi sento di impazzire,ma se leggeste tutti i topic capireste.
Ecco ho detto la verità.
Ora mi sento meglio, ma è stata dura. Ho paura persino ad inviare questo topic,e si ritorca contro di me. é come se ora che ho confessato tutto, possa succedermi qualcosa.
Vi prego aiutatemi

arietina88
Messaggi: 133
Iscritto il: 5 settembre 2005, 23:18

Messaggio da arietina88 » 6 ottobre 2006, 23:44

ciao stop...
leggendo il tuo topic mi sono rispecchiata tantissimo in quello che hai scritto. dopo la morte di una mia amica stretta 3 anni fa,ho kominciato anch'io a soffrire di queste CONTINUE paure... sono paure che mi vengono sempre,qualsiasi cosa faccio.. se esco la mattina di casa penso "e se questa è l'ultima volta che saluto mamma?".. se inkontro qualkuno o sopratutto sui miei nonni,immagino cosa succede se questa persona muore.. ci sono momenti in cui mi assento,sembro in 1 mondo tutto mio,in cui penso a questo,immagino. io non ho paura della morte in quanto morte mia. ho paura della morte per coloro che restano,ho paura d morire perchè penso alla mia famiglia,ai miei amici e al mio ragazzo.. immagino spesso i miei funerali...
ti ripeto,è anke il mio 1 pensiero fisso,continuo.
ne ho parlato un pò con la mia psikologa,da kui sono però in kura per tutt'altri motivi(vedi sessualità e dintorni) e lei mi ha spiegato che per me il trauma è stato la morte della mia amica,1 dolore che io,come il mio solito,ho tenuto troppo dentroe che si ripercuote kos'. mi ha fatto fare delle specie di sedute in cui con partikolari stimolazioni,mi fa tornare alla mente i momenti della morte della mia amica,mi fa piangere tantissimo e mi fa sfogare. sto un pò meglio ora. ma i pensieri sono ancora fissi purtroppo...
anche a te è successo qualkosa ke comunque ha skatenato questa paura???
skusa se sono stata prolissa... spero ti abbia fatto piacere comunque sapere che non 6 la sola con questa BRUTTISSIMA fissazione.
1bacione ^__^
UcCidi 1 UoMo e 6 1 aSsAsSiNo... UcCidiNe1000 e 6 1 iMpErAtOrE... UcCidiLi tUtti e 6 DiO.

stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

Messaggio da stop » 7 ottobre 2006, 9:36

cara Arietina,
mi ha fatto piacere ricevere una tua risposta. Il fatto che ci distingue è che io non ho paura della mia vita, ma di perdere gli altri.
Penso a tutte le persone a cui voglio bene, a tutte quelle famiglie che hanno subito dei dolori, a tanta gente che ho conosciuto, e non c'è un episodio particolare ma tanti. Mi spaventa così tanto, ho paura che possa capitare a me. All'inizo era la paura di perdere mia nonna, con la quale vivo da quando sono nata, poi i miei, mia sorella...Quando ero piccola,mia sorella mi spaventava fingendo di morire e gettandosi sul letto,lei rideva ma io piangevo come una fontana,avevo paura e lei non lo capiva.
Spero che i dottori leggano il mio topic e mi diano un consiglio perchè sto per impazzire davvero!
Nel mio passato ci sono tante cose che non riesco a spiegare,sarebbe troppo lungo. Vorrei tanto parlarne con qualcuno, chiedere consigli ad un esperto, ma ancora non ricevo risposte. Ho scritto nel topic ansia e fobie, in questo e in quello sui disturbi alimentari. Ho così tanti problemi! Non so che altro fare....ho solo voglia di una vita normale, perchè la mia è anormale....saluti

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 7 ottobre 2006, 16:39

non si ritorcerà,lo sai
il problema è che le paure sono completamente irrazionali,altrimenti se le potessi comandare ti sarebbero già passate.
credo che per vincere questa ossessione bisognerebbe prima capire da dove proviene...ti è capitato qualcosa di particolare da cui poi si è originato tutto? la socmparsa di qualcuno caro e anche la scoparsa di qualcuno caro a un tuo amico?

sai cosa ho letto un'ora fa? l'ho letto per la quinta volta..eheh un po' folle..non dirò la fonte,ma dirò la frase :

" capire è il primo passo per accettare,e solo accettando si può guarire."
Immagine

stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

Messaggio da stop » 7 ottobre 2006, 16:51

ciao, non so cosa tu abbia letto ma vorrei leggerlo tanto anche io! Lo so capire....ma da dove comincio? La mia storia è complicata,ho una grande confusione in testa! non credo di avere avuto un trauma particolare, si è morto un mio zio,e presi io la telefonata mentre mia cugina urlava che il padre stava male. Io ho chiamato mia sorella e poi di la l''ambulanza,ma lui non ce l'ha fatta. ricordo le lacrime di mia cugina,la paura, io che mi chiedevo. ma come farà ora mia cugina a vivere? IO senza mio padre starei male. Avevo circa 8-9 anni. ma non so...non riesco a capire. Non credo sia questo,comunque tuttte le morti di persone a me care o solo conosciute le ho vissute malissimo.
vorrei tanto riuscire a stare bene :?
grazie per la tua risposta!

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 7 ottobre 2006, 16:54

BEHHHHHH
direi che è un gran bel punto di partenza eh!!!!!!!!!!!!! dici poco?!
Immagine

stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

Messaggio da stop » 7 ottobre 2006, 16:57

No, è un bel punto, a riuscirci.... :shock:

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 7 ottobre 2006, 17:01

eh ma credo che i meccanismi che ha innescato in te siano appunto completamente irrazionali e che si possano risolvere solo con strumenti irrazionali,le sensazioni. per questo sapere le cose non è uguale a sentirle.. altrimenti basterebbe leggere un libro per stare meglio...
in questo però ti può aiutare solo uno del campo
Immagine

stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

Messaggio da stop » 7 ottobre 2006, 17:03

Si lo so,
prima o poi ci andrò. Ma almeno vorrei riuscire a godermi qualcosa....saluti

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 7 ottobre 2006, 17:04

in che senso goderti qualcosa?
Immagine

stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

Messaggio da stop » 8 ottobre 2006, 18:55

Ciao Twilicht,
nel senso che vorrei riuscire a fare i piatti, stare male, o uscire con gli amici separatamente. Invece ogni mia azione viene accompagnata dalla paura. Se mi sto divertendo mi dico, ecco ora va bene, e poi dovrò pagare questa cosa stando male. Mi succederà qualcosa? Verrò punita? Che senso ha vivere così?

stop
Messaggi: 66
Iscritto il: 4 ottobre 2006, 18:07

Messaggio da stop » 9 ottobre 2006, 16:26

Più rileggo i miei topic e più mi sento stupida...e la cosa che mi fa più rabbia è che non so che altro fare! Avolte non sembro io, o forse non riesco più ad accettarmi....fatto sta che al posto di sbrogliare la matassa la sto riaggrovigliando ancora di più!

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”