Soffrire per ciò che non si è voluto

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
Avatar utente
CercoDiVolare
Messaggi: 17
Iscritto il: 1 maggio 2007, 15:36

Soffrire per ciò che non si è voluto

Messaggio da CercoDiVolare » 2 maggio 2007, 8:03

Ciao a tutti, utilizzo questo forum per cercare di fare un po di chiarezza su alcune cose...spero mi aiutiate.

Secondo voi è giusto pagare per qualcosa di cui non si ha colpa?
è giusto avere una vita diversa dai parametri normali per aver subito un disagio?

Avatar utente
CercoDiVolare
Messaggi: 17
Iscritto il: 1 maggio 2007, 15:36

.

Messaggio da CercoDiVolare » 6 maggio 2007, 12:06

Grazie, grazie per l'aiuto....

Avatar utente
Calibano
Messaggi: 109
Iscritto il: 8 gennaio 2007, 18:37

Messaggio da Calibano » 6 maggio 2007, 12:11

Prova a farti capire un po' di più... Racconta.
You're untied again. And that door is open. You can walk through it.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 6 maggio 2007, 12:54

concordo con Calibano.
l'ironia è fuori posto. O ci si spiega meglio e concretamente o si aspetta pazientemente qualcuno disponibile a un confronto teorico.
ciao

abc
Messaggi: 172
Iscritto il: 4 novembre 2004, 20:11

Messaggio da abc » 7 maggio 2007, 14:32

L'idea di "giustizia" è un parametro umano, inventato dall'uomo che vuole far corrispondere premi al merito e punizioni alle colpe.
Il mondo, gli eventi naturali della vita, non funzionano secondo giustizia. Le cose, semplicemente... accadono; e noi tentiamo di correggerle affinché siano giuste, ma non ci si riesce quasi mai.
Basta guardarsi attorno: dagli scontati ed eclatanti bambini in Africa al vicino che è figlio di alcolisti, passando per le malattie, i tradimenti, la morte violenta...
Paradossalmente l'ingiustizia è lo stato naturale delle cose; è la giustizia ad essere una (necessaria e buona) forzatura.

Avatar utente
CercoDiVolare
Messaggi: 17
Iscritto il: 1 maggio 2007, 15:36

.

Messaggio da CercoDiVolare » 23 maggio 2007, 9:53

Pochi possono capire cosa voglio dire...
O per lo meno voglio sperarlo, perchè è bruttissimo...
E' la tortura più brutta che possa esistere.
Io non voglio giustizia, ne tantomeno vendetta...voglio solamente che queste cose non accadano più...
Io convivo con questo terrore da quando son piccola, da quando avevo 8 anni...io ci son abituata ormai.
Nella mia vita c'è stato sempre qualcuno che se ne è approfittato...SEMPRE...
Non voglio che quello che è accaduto a me si ripeta ad altre persone.
Non voglio.NOOOOOOOOOO.

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 31 maggio 2007, 19:40

Cara Cercodi volare, se se la, può raccontare quello a cui si riferisce... solo così gli altri potranno cercare di capire quello che vuole dire.
Noi siamo qui.
A presto,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”