interpretazione de sogni

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
adina
Messaggi: 4
Iscritto il: 15 dicembre 2007, 16:04

interpretazione de sogni

Messaggio da adina » 8 gennaio 2008, 19:48

Ciao,

sono un donna di 37 anni di origine rumena e vivo da più di 10 anni in Italia, dunque chiedo di scusare i miei eventuali errori di scrittura.
Sono circa sette ani che convivo con dei sintomi clasicci della depressione, sono stata seguita un pò da un medico proprio al inizio, però dopo sono andata avanti da solo perchè non volevo assumere i farmaci.
A volte è molto difficile gestire il mio stato psicologico da sola, nonostante tutto sono ancora viva.
Naturalmente, la notte faccio diversi sogni , la maggior parte di essi sono tormentuosi.
Sta notte ho sognato molto chiaro come se fosse un film. Io ho trovato subito un significato, però vorrei confrontarmi con qualcuno esperto.
Dunque si tratta di questo sogno:
Si faceva che ero in compagna di una mia carissima amica e stavamo bevendo un bichiere di vino rosso assieme a casa mia. A un certo punto sento fuori della porta, sull corridorio del palazzo, ilprete che girava per le case con la benedizione.Alora subito ho nascosto i bichieri ed ho chiesto alla mia mica di sistemare il divano, perchè in disordine con delle cose, però lei non capiva, e le ho prese io e butatte in un altra stanza in grande fretta, dopodichè ho aperto la porta per invitare il prete anche da me per benedire la casa.Purtroppo ho visto il ascensore che scendeva, dunque il prete se ne stava andando via ed io non ho avuto il coraggio di andare a cercarlo per invitarlo da me.

grazie in anticipo, aspetto il vostro parere.

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”