fine di un amore

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
dolceluna
Messaggi: 25
Iscritto il: 23 aprile 2005, 17:28

fine di un amore

Messaggio da dolceluna » 15 giugno 2005, 23:32

Cara dottoressa, ho sempre pensato che una storia finisce quando due persone non si amano piu', invece talvolta accade che un rapporto finisce perchè ci sono motivazioni che sono piu' forti delle ragioni del cuore. Non sempre possiamo fare quello che desideriamo e scegliamo la via del compromesso, io l'ho seguita per un anno e mezzo. Ho condotto una doppia vita e non l'ho fatto a cuor leggero ma con la consapevolezza che qualcosa mi avrebbe cambiato per sempre. Io che amo le situazioni trasparenti, che sono sempre stata o bianco o nero ho scelto il grigio. Ma alla fine credo abbia prevalso in me il desiderio di fare un pò di ordine nella mia vita. L'uomo per il quale mi sono spinta così oltra da sfidare i miei principi, non avrebbe mai messo a repentaglio la sua famiglia, la serenità dei suoi figli. Io lo ammiro per questo, perchè io non ho questo spirito di sacrificio, penso che i figli debbano vivere in un ambiente sereno e con dei genitori felici...c'è chi riesce a trasmettere serenità anche conducendo una vita parallela.Per molto tempo questo amore mi ha regalato un'energia nuova e una felicità che ho trasmesso alle mie figlie, soprattutto la piccolina. Ora che questa relazione è finita, devo raccogliere i cocci e provare a sorridere senza di lui. E' tanto difficile perchè da una parte devo continuare a vivere senza l'uomo di cui mi sono innamorata e dall'altra devo cercare di ricucire lo strappo con il mio compagno; ma prima ancora devo ricomporre me stessa. Dovrò imparare a non giudicarmi troppo severamente, a non fare i confronti con mia madre che non ha mai avuto grilli per la testa, e con tutti quelli, che dall'alto del loro pulpito sputano sentenze.

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”