aiuto!!!!!!!!!odio me stessa!!!!!

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
milly234
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 maggio 2008, 12:32

aiuto!!!!!!!!!odio me stessa!!!!!

Messaggio da milly234 » 13 giugno 2008, 12:39

ciao,attraverso un momento buio in cui credo di essere arrivata a perdere la stima di me stessa o cmq comincio a pensare di non volermi bene sul serio....sono sempre molto triste...apatica...nulla sembra attirare la mia attenzione e la mia relazione è diventata il mio pensiero fisso. sto con lui da 4 anni...è una bella persona ma purtroppo non riesce a darmi ciò che voglio...mi trascura...la sua vita e i suoi desideri prima di tutto...a volte penso che nn siamo una coppia ma la somma di due individui che nn da come risultato un unico numero ma due entità separate che cercano di soddisfare le esigenze di lui.ormai sono arrivata alla conclusione che nn siamo fatti per stare insieme ...che nonostante io ne sia innamorata questo non mi basta più perchè accanto vorrei qualcuno che stsesse attento a me...ai miei pensieri e che non mi lasci continuamente sola e qualsiasi alternativa sembra più piacevole che stare con me....a volte mi sento una intrusa nella sua vita....e mi rendo conto che non è giusto che io lo critichi perchè se lui non sente di darmi certe cose cosi come farebbe con un'altra non è colpa sua....forse non sono stata capace di farmi amare sul serio come avrebbe fatto un 'altra!!!nonostante tutto questo e io stia male non riesco a chiudere...mi faccio trattare male....mi faccio trascurare....urlare addosso....trattare male....e sto sempre li....quasi sembro masochista....lui mi trascura tantissimo e io li.....tutto prima di me....e a me sembra che non abbia mai un limite e io sia capace di sopportare tutto...a volte ho paura che un giorno possa incontrare qualcuno che mi faccia delle violenze fisiche perchè io credo che starei anche a quelle....arrivo ad odiare me stessa per paura di perderlo....e poi mi chiedo cosa perdo???perdo qualcuno da inseguire e mi odio!!!perchè questa mia paura di essere abbandonata mi fa stare cosi male da arrivare ad odiare me stessa ?????perchè non riesco a fare ciò che la mia razionalità vorrebbe????mi sento impotente di fronte a me stessa!!!

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 14 luglio 2008, 14:08

scusa ma...partiamo dal presupposto che una coppia non è UNA entità UNICA e inscindibile,non è simbiosi! una coppia,come dice la parola stessa E' fatta da due individui che hanno la loro vita e che decidono di fare un pezzo di strada insieme, lunga o corta che sia..che hanno obiettivi simili e sintonia, ma mica simbiosi.
lui pensa a sè e alla sua vita ed è giusto, chiaro che se ti trascura al 100% non è giusto,però tu dici che vorresti qualcuno che pensi a te e si preoccupi per te ecc ma quello che mi viene da chiederti è : non è che vorresti una persona che desse solo attenzioni a te? e quindi così facendo non pensi che faresti la stessa cosa di cui incolpi lui? cioè pensare a te stessa, al tuo benessere e basta e al fatto che l'altro ti stia dietro e ti metta al centro della sua attenzione? se vuoi rispondimi.

cmq descrivi, facci degli esempi su cosa fa o non fa lui che ti fa sentire emarginata, cosa fai tu per accontentarlo sempre.
da come scrivi a me sembra che tu non voglia o non riesca a stare sola e che voglia una persona che ti dia le attenzioni che forse tu stessa non sai o non vuoi darti.
un po' di egoismo è assolutamente sano, l'indipendenza nella coppia è sana. il fatto di avere obiettivi comuni e alcuni progetti in comune non esclude che una delle DUE persone della coppia pensi al suo benessere e non solo a quello dell'altro, che se abbia voglia di star solo non lo possa fare, che se abbia voglia di uscire da solo o di vedere gli amici non lo possa fare ecc..stare in coppia non significa tagliare fuori il mondo e rinunciare alla propria vita,significa solo accogliere un'altra persona ed essere accolti..
per dirla in matematichese per me la coppia non è fatta da due insiemi che coincidono,ma da due insiemi che si intersecano, ci sono delle parti in comune e ci sono delle parti che sono uniche e appartengono unicamente agli INDIVIDUI
il tuo problema con l'autostima forse dipende unicamente da te,e non ta lui. infatti non riesci a lasciarlo anche se sai che non fa per te.e questo è un problema tuo non suo e non di coppia. nel senso che non dipende secondo me da luio da cosa ti fa lui, dipende dal tuo carattere e dalla tua mancanza di coraggio e forza nel farlo.oltre che mancanza ti autostima
Immagine

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 15 luglio 2008, 17:45

concordo con twilight. le persone di uan coppia sono 2. ognuna ha i propri interessi, i propri spazi, i propri hobbies e così via.
tu mentre lui non c'è cosa fai? vivi la TUA di vita?
appunto poi intendiamoci, se lui se ne frega di te è una cosa differente. ma se ha i suoi spazi non credo sia sinonimo di trascuratezza nei tuoi confronti. ci fai qualche esempio?
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

milly234
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 maggio 2008, 12:32

ciao

Messaggio da milly234 » 19 luglio 2008, 19:21

salve....grazie per avermi risposto!
forse nn mi sono spiegata bene nel post che ho scritto.
anche io penso che la coppia sia costituità da 2 entità indipendenti ed è cosi che ho sempre impostato i miei rapporti...lasciando spazio ad entrambi di decider per se....l'uscita da soli nei miei rapporti è fissa e senza alcuna paura che l'altro giudichi o dia il permesso....è la cosa più naturlae possibile......qaundo dico che lui pensa solo a se è relativo al fatto che spara fuori qualsiasi pensiero senza preoccuparsi di cosa io possa sentire o pensare....se mi vede triste si scoccia di ascoltarmi....le feste da calendario le preferisce trascorrere,nel senso che si organizza viaggi,sempre con i suoi amici e crea problemi quali soldi ect per non farmi andare....non mi invoglia mai a fare le cose con lui ma tende sempre ad escludermi da tutto ciò che fa.....ora spiegato sempbra banale.....e forse ho anche difficoltà a spiegarlo !!!

milly234
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 maggio 2008, 12:32

e

Messaggio da milly234 » 19 luglio 2008, 19:23

scusate se continuo.....inoltre io ho comunque la mia vita i miei amici....quando lui fa i suoi viaggi io ho la mia vita....ma sono arrivata ad un punto in cui mi chiedo staree cosi con una persona non credo abbia molto senso!!!ma arrivata a questa conclusione nn riesco ad andare oltre!!!

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 20 luglio 2008, 14:03

magari è insofferente per carattere
ma tu gliele dici queste cose? se non gliele dici è impossibile pensare che se ne accorga da solo visto che è abituato a fare così, se gliele dici e non fa diversamente, perchè è fatto così e non riesce altrimenti, o lo accetti o lo molli, stop...non è che ci son molte vie di mezzo che puoi adottare TU.
io le feste di calendario come le chiami tu le ho sempre passate con la mia famiglia per esempio, non esisteva che natale lo passassi con la sua o a mangiare a casa sua, mica per egoismo,ma perchè io preferivo stare coi miei genitori. lui coi suoi, per 10 anni. nemmeno gli ho mai chiesto se voleva venire a mangiare da me o se voleva che io andassi da lui, era così e basta. forse per lui l'amicizia è un valore che non vuol mettere da parte. io col mio ex a volte ho discusso perhcè volevo stare con la mia amica perchè aveva bisogno di me e lui non capiva.
ma tu non puoi autoinvitarti nei viaggi che lui fa coi suoi amici, per forza che trova scuse, organizzane uno tuo con lui.
e cmq perchè per forza deve essere lui a coinvolgerti nelle cose che fa? non puoi essere tu a proporre per esempio.
io non cionvolgevo il mio ex in tutte cose che facevo perchè ci son cose che volevo solo mie, i concerti per esempio, delle amicizie che volevo fossero solo mie, altrimenti mi sembrava di avere il cane da guardia..lui diceva ocme te, perchè non si rendeva conto che sebbene lui avesse gli amici e ogni tanto ci uscisse, tendeva a coinvolgermi perchè forse senza di me non aveva una personalità o un ruolo.
io dico che le cose che piacciono vanno fatte per i cavoli propri, a meno che non siano passioni in comune che si è invogliati a condividere. se a lui piace che so io fotografare, perchè deve coinvolgerti se non è una tua passione? rischia di essere controproducente. o se tu vuoi fare shopping per poi finire con lui che sbuffa perchè ti provi più di 3 vestiti che senso ha coinvolgerlo?! capisci il senso?
cmq non sei stata molto esaustiva nei tuoi esempi...può essere tutto o nulla..se ti va di fare esempi concreti di situazioni che si sono create...e poi non ci hai detto quanti anni avete, che è importante.
Immagine

milly234
Messaggi: 13
Iscritto il: 8 maggio 2008, 12:32

beh

Messaggio da milly234 » 20 luglio 2008, 19:44

grazie per le risposte ma purtroppo mi rendo conto che cosi è difficile capire e le vostre risposte sono lontane dal capirmi....con questo non vi attacco ma mi accorgo che non riesco a spiegarmi e l'errore è mio che non riesco a farvi arrivare nella giusta maniera la situazione....vi ringrazio comunque......grazie mille!!!!!!!!!!!

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Re: ciao

Messaggio da Aikiko » 20 luglio 2008, 21:06

milly234 ha scritto:salve....grazie per avermi risposto!
forse nn mi sono spiegata bene nel post che ho scritto.
anche io penso che la coppia sia costituità da 2 entità indipendenti ed è cosi che ho sempre impostato i miei rapporti...lasciando spazio ad entrambi di decider per se....l'uscita da soli nei miei rapporti è fissa e senza alcuna paura che l'altro giudichi o dia il permesso....è la cosa più naturlae possibile......qaundo dico che lui pensa solo a se è relativo al fatto che spara fuori qualsiasi pensiero senza preoccuparsi di cosa io possa sentire o pensare....se mi vede triste si scoccia di ascoltarmi....le feste da calendario le preferisce trascorrere,nel senso che si organizza viaggi,sempre con i suoi amici e crea problemi quali soldi ect per non farmi andare....non mi invoglia mai a fare le cose con lui ma tende sempre ad escludermi da tutto ciò che fa.....ora spiegato sempbra banale.....e forse ho anche difficoltà a spiegarlo !!!
Mah, tanto banale non sembra. Da come lo descrivi mi pare che questo tipo sia proprio un bell'egoista e, in te, ha trovato terreno fertile per nutrire il suo ego. Va bene l'autonomia ma da quello che scrivi mi sembra che lui sia autonomo e tu invece per niente. Se già pensi di lasciarlo (e secondo me faresti bene, ma dico come si permette di "scocciarsi" se sei triste??? :!: ) ma non ne sei capace perché hai paura di stare da sola, io credo che dovresti chiedere aiuto a qualcuno per capire i motivi di questa tua incapacità.
Un abbraccio

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 20 luglio 2008, 23:22

beh ti ho chiesto semplicemente di fare degli esempi di episodi
perchè cmq ogni cosa è molto soggettiva in base a chi la vive, e per te un episodio normalissimo può rappresentare un oltraggio e un grande problema...è chiaro che tu descrivi il tuo punto di vista,quindi tendi a farlo sembrare un menefreghista egoista. se il mio ex dovesse descrivere me farebbe la stessa cosa, mentre era piuttosto il contrario.
quindi..se ti va di fare esempi concreti di episodi e non di punti di vista..
non so per esempio l'ultima volta che ti sei sentita messa da parte cosa è successo? l'ultima volta che lo hai coinvolto tu in cosa era e cosa ti ha risposto? ecco robe del genere..
Immagine

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 12 marzo 2009, 19:02

Cara milly, come vanno le cose adesso? Mi sembra che descrivesse una difficoltà a sottrarsi da una relazione che sentiva oramai più nociva che benefica per lei... le ragazze mi sembra siano state troppo interventiste, e certamente non possono avere capito la situazione dalle sue poche righe. Ma sappiamo bene che non sempre si riesce a togliersi da situazioni che ci fanno soffrire, o che non sentiamo più vivifiche per noi... volere non è potere,come alcune persone credono e con la razionalità e l'intelligenza non si arriva comunque a modificare alcune situazioni che non dipendono dalla "volontà" o dal "coraggio" o dalla "forza di carattere"!! Le cose non stanno così. Se così fosse non esisterebbero i problemi.... e questo forum.
Se ne ha voglia mi faccia sapere come sta e come procedono le cose.
Un caro saluto,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Gabrieler
Messaggi: 2
Iscritto il: 5 ottobre 2011, 3:57

Re: aiuto!!!!!!!!!odio me stessa!!!!!

Messaggio da Gabrieler » 5 ottobre 2011, 4:03

La realtà è che, in caso di errore, il conflitto viene, non ci sarà il primo di loro ragioni, sento che c'è qualcun altro errore. Se davvero sono loro gli errori, poi dobbiamo imparare la tolleranza!

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”