PAURA DELL'ABBANDONO...

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
todora
Messaggi: 2
Iscritto il: 7 luglio 2005, 13:23

PAURA DELL'ABBANDONO...

Messaggio da todora » 7 luglio 2005, 13:30

Salve a tutti...spero che mi possiate aiutare o dare qualche consiglio.Ho 22 anni e sono stata abbandonata da un giorno all'altro da mio padre all'età di 13 anni.Non sono mai riuscita ad avere un rapporto di coppia "normale",perchè vivo costantemente il terrore dell'abbandono...e per questo prevalico spesso sui miei ragazzi.Nel caso attuale,se il mio ragazzo esce o si diverte io ho paura che capisca che sta bene anche senza di me,e che quindi mi abbandoni...e non vivo con serenità nessun rapporto,anzi soffro moltissimo.Confido in un vostro aiuto....Grazie,Elena.

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

l'abbandono

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 15 luglio 2005, 20:14

Cara Elena, il consiglio che ti posso dare, dato che hai già fatto una prima importante associazione con la tua storia, è quello di rivolgerti ad una/o psicoterapeuta che possa aiutarti a capire in che modo le tue esperienze ti
continuino a "rovinare" la vita e quindi piano piano a liberarti di questa paura così tanto condizionante. La tua giovane età giocherà a tuo favore, prima si affrontano queste brutte esperienze e le problematiche conseguenti e più buona è la prognosi. Devi arrivare a SENTIRE quello che almeno in apparenza già sai: sì tuo padre ti ha abbandonato ma l'uomo con cui ti metti non è tuo padre, e per questo non c'è motivo di preoccuparsi che ripeta la stessa cosa. Purtroppo spesso,quando portiamo dentro di noi certi "traumi" ci comportiamo inconsciamente in modo tale da far sì che la storia si ripeta. Donne maltrattate, continuano a trovare uomini maltrattanti, donne abbandonate continuano a trovare uomini che le abbandonano... ma non è mai casuale. Non fare che questo succeda, lasciando che i tuoi fantasmi lo facciano scappare. Queste situazioni spesso le ricreiamo noi, inconsciamente.
Spero tu riesca a fare questo passo e risolvere il problema al più presto, di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”