... Prime esperienze

Che cosa ci induce a soffrire piu' di quanto potremmo? Fragile autostima, depressione, insopprimibili sensi di colpa, disamore di sé, sfiducia nel proprio valore e nelle proprie capacità, frustrazione, rabbia, impotenza, senso di inadeguatezza, senso di vuoto; dipendenza e dedizione a legami funesti, dominio e sottomissione. Spesso questi disturbi si manifestano attraverso sintomi e malattie fisiche di stress quali: insonnia, cefalea, ansia, disturbi gastro-intestinali, respiratori, tensione muscolari, disfunzioni sessuali… Altre volte possono complicarci notevolmente l’esistenza, inquinando le varie sfere di vita. Tutto è più complicato, faticoso o doloroso: il lavoro, le relazioni d’amore e d’amicizia, la sessualità.

Moderatore: Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi
Isa85
Messaggi: 1
Iscritto il: 24 ottobre 2005, 12:15
Località: Genova

... Prime esperienze

Messaggio da Isa85 » 24 ottobre 2005, 12:35

Salve a tutti, a dire la verità non lo so neppure io perchè mi sono iscritta in questo forum dedicato alla psicologia. Non vi ho mai creduto, sono sempre stata educata a risolvere i problemi da sola con le mie sole forze...ma questa volta, non lo so sento come il bisgono di parlarne con qualcuno che forse può aiutarmi.
Quasi due mesi fa, su una chat ho conosciuto un ragazzo di 21 anni...anzi a dire il vero ci conoscevamo da parecchi mesi ma...solo verso la fine di agosto ho acconsentito ad incontrarlo.
Quella fu la prima volta che mi sono vista con un ragazzo...la mia gioia e la mia ansia erano mescolate insieme...insomma ero felice.
Siamo usciti insieme parecchie volte, siamo andati al mare e...proprio li sulla spiaggia, ci siamo baciati...quello per me è stato il mio primo bacio ed è stato bellissimo.
Ci siamo messi insieme il 6 agosto, ancora me lo ricordo quanto ero felice insieme a lui...quel giorno è stato il più bello della mia vita.
Piano piano però, quella persona che io credevo la più meravigliosa che avessi mai incontrato...si è rivelata tutto l'opposto.
Il mese scorso, mi ha "scaricato" dicendo che con me si annoiava, che non si sentiva coinvolto e che...non ci sarebbe stato futuro tra noi.
Mi aveva detto due settimane prima tramite sms, di non innamorarmi mai di lui...ma io, come una stupida di nascosto lo era già. Pensavo che con il tempo, anche lui si sarebbe innamorato di me, che avremmo costruito qualche cosa di bello insieme ma...invece no.
Quelle parole "con te mi annoio" per me equivalsero a 100 coltellate al cuore, allora perchè si è messo con me? Il suo unico scopo, a detta dei miei che...putroppo si sono sempre intromessi troppo nella mia storia...era quello di portarmi a letto...e sono d'accordo con loro.
Una volta, mi aveva accusato di essere troppo "pudica" e io non ho saputo rispondergli...perchè continuavo a ripetermi dentro di me, che lui prima o poi mi avrebbe amato.
Io sono una ragazza molto al antica e...per quanto riguarda il sesso, non faccio l'amore con una persona dopo solo un mese che ci sto insieme. Forse a lui questo non andava bene ma...per me il rispetto è importantissimo così come la sincerità. Se mi ha lasciato è perchè non mi voleva bene come diceva.
Infatti, mi lasciò con un sms (che vigliacco) dicendo che lui non voleva impegnarsi e che voleva divertirsi...credo che quel giorno avrei dato qualsiasi cosa per morire.
Non versai una lacrima, ne davanti ai miei, tanto meno davanti alla mia migliore amica che...a suo avviso sono una persona malata e che mi ero messa insieme al mio ex solo per avere un ragazzo.
Non sono abituata a piangere di fronte a nessuno, preferisco farlo quando nessuno mi vede...se è una questione di orgoglio ancora non lo so.
Ora ho paura di tutto e di tutti...ho paura di essere un peso, per la mia famiglia e sorpattutto per l'unica amica che ho.
Un ragazzo con cui mi sento tramite sms, conosciuto in chat mi ha invitato parecchie volte ad uscire insieme ma...ho sempre rifiutato. Il perchè? Oltre ad avere paura di annoiarlo, lui non è italiano ma...ecco marocchino ed i miei anche se non sono razzisti, so perfettamente che mi impedirebbero di frequentarlo. Se la mia precedente storia è finita, un pò è anche colpa dei miei genitori che...si sono sempre intromessi. Come posso legarmi ad altre persone? Mi sento così stupida, inutile...a volte mi domando cosa ci faccio qui. Sto scrivendo queste parole con le lacrime agli occhi...non so se piangere serve a qualche cosa ma...non posso farne a meno. Spero che le mie parole, non abbiamo annoiato coloro che le leggeranno. Manuela

Avatar utente
Vale
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 gennaio 2005, 19:00
Località: Milano

Messaggio da Vale » 25 ottobre 2005, 11:15

cara manuela,
quando ci si trova ad affrontare una storia e si sceglie di condividere qualcosa con un`altra persona si deve mettere in conto che stai correndo un rischio. e talvolta le cose possono non andare bene.

con questo non voglio dirti che devi essere pessimista nell`affrontare una storia, o ualsiasi altro tipo di relazione, ma che devi guardare lucidamente come se e cosa offri all`altra persona. se poi l`altro non riesce ad accettare quello che sei non e` un problema tuo, ma suo.

non si e` compatiblili con tutti, bisogna trovare la persona che ci mette piu` a nostro agio e con la quale ci troviamo bene, una persona con la quale ci viene tutto facile.

non devi focalizzarti inoltre su una chat per trovare eprsone piacevoli. quanto e` facile nascondersi dietro lo schrmo del pc e quanti uomini si iscrivono solo per...come dicono i tuoi...trovare una ragazza con cui andare a letto.

guarda la vita reale, vedi le persone che ti circondano ed impegnati ad arricchire il TUO mondo. sono sicura ceh hai molta buona volonta` e desiderio di aprirti.

un in bocca al lupo

vale
Tutte le volte che altri sono d'accordo con me ho sempre la sensazione di avere torto.
Più si analizzano gli altri, più scompare ogni ragione d'analisi.
Solo chi è intellettualmente perso si mette a discutere.

matteo3
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 settembre 2005, 19:54

Messaggio da matteo3 » 26 ottobre 2005, 20:24

Ciao Isa85, prima di tutto vorrei capire quanti anni hai.
Poi, cerca di capire, gli esseri umani sono fatti come degli stampi di varie forme( maschio e femmina ) e tutti continuano a cercare lo stampo con la forma perfetta che si adatti su di loro. Purtroppo può capitare di trovare uno stampo che, sembra che si incastri bene, ma col tempo tende a muoversi e si stacca. Morale..... non preoccuparti, sicuramente è meglio così, quello che stai soffrendo adesso non è niente in confronto a quello che avresti sofferto in futuro con uno stampo sbagliato.
Inoltre, nessuno ti risolve i problemi ma parlarne fa bene, qui nessuno ti giudica, qui puoi raccontare tutto quello che voui perchè qui ci sono persone come te.
L'opinione di chi ti risponde può aiutarti a valutare il tuo problema da diversi punti di vista, ma sarai tu che dovrai fartene una ragione e risolverlo o almeno accettarlo. Vedrai, ti passerà presto.
Auguroni, Matteo3

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

realtà reale!

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 27 ottobre 2005, 15:19

Ciao Isa, sono d’accordo con quello che scrivono gli altri. Una persona così meglio perderla che trovarla ed è meglio scoprirlo prima! Quanti anni hai? Da quello che scrivi mi sembri molto giovane, agli inizi comunque delle tue esperienze d’amore. Perché dovresti essere noiosa? Non farti dire da un ragazzo di 21 anni quello che sei! Certo che queste esperienze ci fanno molto soffrire, ma sono pur sempre esperienze, e vedrai che ti torneranno molto utili crescendo. Il tempo poi ci viene in soccorso, vedrai.
Credo che abbia proprio ragione Vale, quando ti consiglia di non basare le tue amicizie sulla chat. Forse può essere più rassicurante per te all’inizio essere protetta dallo schermo, ma lo è anche per gli altri, esponendoti a conoscenze completamente alterate da questa barriera che può mistificare le cose. Prova sul serio a metterti più in gioco nella “vita reale”: iscriviti a qualche corso che ti permetta di fare nuove conoscenze, maschili e femminili così da ampliare piano piano il numero delle persone che ti stanno vicino. Cosa vuol dire che la tua “amica” ti dice che sei “malata”?? E poi visto come stai non mi sembra che ti fossi messa con lui per avere qualcuno! Ma sai a molta gente piace tirare sentenze, le fa sentire migliori! Ma è un loro problema a cui noi non dobbiamo dare peso!
Hai tutta la vita davanti e vedrai che con un po’ di pazienza e mettendosi in gioco troverai la persona che saprà apprezzarti!
Di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Torturami ma non abbandonarmi”