Certificato di uno psicologo per farmi legare le tube?

Un forum in cui confrontarsi con un esperto sui temi riguardanti la sessualità e le sue problematiche. Uno spazio per esprimere perplessità, dubbi o semplici curiosità. La sessuologa vi guida nel trovare chiarimenti e indicazioni.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Avatar utente
Hydeist
Messaggi: 9
Iscritto il: 25 luglio 2009, 1:42

Certificato di uno psicologo per farmi legare le tube?

Messaggio da Hydeist » 25 luglio 2009, 1:58

Ho inviato un'email privata, ma poi ho pensato che mettendo un post sul forum c'era la possibilità che qualcuno in più potessere rispondermi ed aiutarmi.

Sono arrivata qui dopo il consiglio dell'unico medico che ha in qualche modo cercato di considerare realmente il mio problema.
Ho 26 anni e la qualità della mia vita, così come le aspettative per il futuro, sono notevolmente ridotte. Da sempre non riesco ad avere relazioni serene e durature, perchè i rapporti sessuali mi sono praticamente preclusi. Ho una relazione che dura da un anno e anche questa sta inesorabilmente naufragando. Provo una vera e propria repulsione alla sola idea di poter restare incinta e non posso far uso di buona parte dei vari anticoncezionali esistenti. Detesto i bambini, il pensiero di rischiare una gravidanza, il conseguente aborto (con tutto il processo burocratico che lo accompagnerebbe)... l'idea di un'esperianza così terribile mi causa problemi fisici che impediscono i normali rapporti sessuali. Senza contare che dopo ogni rapporto inizio ad aspettare l'arrivo del ciclo con sempre maggiore ansia. Ho episodi d'ansia e attacchi di panico. Il mio compagno non vuole figli e comunque non ho mai voluto iniziare una relazione con una persona che ne volesse, ma purtroppo non posso anche pretendere di fargli fare coppia bianca. Ho iniziato ad odiare il mio corpo, più volte ho smesso completamente di mangiare soltanto per arrivare all'amenorrea e quindi all'impossibilità di restare incinta... Non ce la faccio più, la mia vita è un inferno. Vorrei avere una relazione felice, ho sempre desiderato conoscere una persona con la quale passare il resto della vita eppure questo problema mi sta distruggendo.
Mi sono rivolta a diversi ospedali per farmi legare le tube, mi è sempre stato risposto che non potevo: sono troppo giovane e dovrei avere almeno due figli. Ma io non voglio assolutamente figli! Dovrò forse aspettare la menopausa per potermi liberare di questa cosa per me tanto invalidante? Non posso credere che non esista nessuno disposto ad aiutarmi, ho ricevuto risposte positive soltanto dalle cliniche private e i costi sono sempre altissimi, quando si tratterebbe di un servizio mutuabile. Recentemente si opera anche per via endoscopica e non sarebbe neppure necessaria l'anestesia generale... anche se, arrivata a questo punto, accetterei di buon grado anche un intervento in laparoscopia.
Un medico dell'ospedale San Paolo di Savona, ha accennato alla possibilità di effettuare l'intervento ottenendo un certificato da uno psicologo. Certificato che penso dovrebbe attestare la necessità dell'intervento sulla base dei risvolti psicologici che tutto ciò ha su di me.
Vorrei sapere se questa indicazione corrisponde a verità, se è possibile ottenere questo certificato ed eventualmente cosa dovrei fare e a chi dovrei rivolgermi.
Ultima modifica di Hydeist il 28 luglio 2009, 16:23, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 25 luglio 2009, 8:39

Ma se prima risolvessi i tuoi problemi e poi decidessi di farti legare le tube?tutto questo senza avere rapporti.Sai, è un'operazione definitiva e hai tantissima vita davanti, almeno spero.Mi pare che qui i tuoi problemi non derivino solo dal terrore di avere figli.dietro c'è altro.Uno psicologo andrebbe a fondo e cercherebbe di capire perché hai questi problemi.Uno psico decente, dico.
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
Hydeist
Messaggi: 9
Iscritto il: 25 luglio 2009, 1:42

Messaggio da Hydeist » 25 luglio 2009, 12:21

Sicuramente ho altri problemi, ma hanno a che fare con questa cosa solo marginalmente e di rimbalzo, resta il fatto che il concetto di gravidanza mi ripugna e non sopporto i bambini. Il fatto che diventi un'ossessione e guasti la mia vita a tal punto dipende in parte dal come io vivo le cose, ma resta il fatto che non vorrò mai figli e con questo intervento tutto sarebbe risolto. Non ho mai neppure iniziato una relazione con qualcuno che sostenesse in futuro di volerne. Perchè dunque non si rispetta il mio diritto di scegliere?
Se avessi detto che volevo essere madre e avevo problemi a concepire, ci sarebbe stata una scia di medici pronti ad aiutarmi. Medici che avrebbero trovato i miei 26 anni perfetti per portare a termine una gravidanza. Sono troppo giovane per dire che non voglio figli, ma se voglio diventare madre allora ho l'età giusta? Non stiamo forse parlando di scelte definitive in entrambi i casi? Anzi, mettere al mondo un'altra vita la reputo una responsabilità assai maggiore!
Trovare uno psicologo non mi pare un'impresa e potrei farlo in qualsiasi momento per risolvere gli altri miei problemi, ma trovare un medico che mi leghi queste maledette tube mi sembra diventata un'impresa impossibile!

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 25 luglio 2009, 13:52

Siccome procreare viene vista come una cosa naturale ovvero dettata dalla natura, ovvio che se vuoi procreare tutti sono contenti e che se non vuoi vieni vista come qualcuno che si oppone alla natura.Cioè, mi sembra anche superfluo parlarne.addirittura farsi legare le tube!cioè,se tu non volessi e basta ok, ma questa operazione è definitiva e tu sei giovane.Mi pare giusto che nessun medico si assuma questa responsabilità a priori.Mi sembra giusto che ti richiedano un certificato psichiatrico. E a me sembra anche chiaro che prima di prendere certe decisioni importanti bisogna prima risolver ei propri problemi. Io la penso così nel tuo caso ma anche per tutte le decisioni importanti della vita, come anche fare un figlio, sposarsi.
Certificati del genere li chiedono anche a chi vuole cambiare sesso.è un po' la stessa cosa se vuoi.decisioni definitive che riguardano la sessualità/riproduzione
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
Hydeist
Messaggi: 9
Iscritto il: 25 luglio 2009, 1:42

Messaggio da Hydeist » 25 luglio 2009, 15:09

Anche essere sterili è una cosa naturale e tutti capiscono il "dramma" di una persona che vuol figli e non ne può avere... ma non il mio. Oppure nascere donna e sentirsi un uomo intrappolato nel corpo sbagliato. Anche venire al mondo con il labbro leporino... sono tutte cose naturalissime, ma che abbassano notevolmente la qualità della vita di chi se le ritrova. Ovvio che poi ne nascano problemi di natura anche psicologica. Non sempre ciò che è naturale è "giusto" o accettabile.
L'uomo è organizzato in società, lo stato e la medicina dovrebbero servire per migliorare la qualità della vita delle persone. Per tutelare l'individuo, non è giusto che io venga esclusa da questo sistema proprio ora che mi ritrovo ad avere un problema e una necessità.
Questa società mi sta dicendo che posso abortire, che posso mettere al mondo figli che non voglio e che crescerei in modo disumano come rivalsa per l'ingiustiza subita... che mi posso rifare il seno con 6 taglie in più della mia, il naso, l'imene, la liposuzione, dilatare i lobi, dividere in due la lingua, tatuarmi da capo a piedi, ma non legare le tube malgrado mi faccia schifo il solo pensiero di una gravidanza?
Qui si vuol difendere soltanto la montagna di preconcetti e bei sensi comuni che soffocano questo paese, ci si nasconde dietro ad un dito. Se si pensasse in termini logici, oggettivi e pratici a quest'ora avrei già fatto l'intervento. Anche chi volesse tutelare la vita di un eventuale mio bambino dovrebbe tener conto che nessuno vorrebbe essere e meriterebbe d'esser mio figlio, perchè io non voglio figli e abortire i ogni caso e a qualsiasi coso e tutto questo sì che sarebbe terribile.
La mia è solo una domanda, non vuol essere l'ennesimo dibattito. Mi servirebbe un aiuto di tipo "pratico". Tutti questi discorsi li ho già sentiti e non mi hanno aiutata.
Serve veramente questo certificato? Lo posso ottenere? In che tempi? Da chi (consultorio? privati?)? La cosa non mi sembra affatto sicura. Vorrei il parere di una persona esperta.

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 25 luglio 2009, 15:21

Hydeist ha scritto:malgrado mi faccia schifo il solo pensiero di una gravidanza?
è proprio il fatto che ti faccia "schifo" la cosa che suggerisce che tu hai un problema serio più atavico della mancanza di voglia di essere mamma.Ti ricordo chei medici seri non operano di mastoplastica additiva neanche ragazzine minorenni o persone con evidenti problemi di accettazione di sè.Neanche io voglio aprire un dibattito e non ti sto giudicando.se ti mi ascoltassi davvero capiresti che ti sto dicendo che farsi fare un certificato da uno psicologo non è come andare al supermercato e comporare una busta di latte.Lo psicologo non te lo farà se non riterrà la tua una decisione serena, cosciente e matura. Da quello che intuisco leggendoti la tua non mi sembra una decisione serena.
Ti posso chiedere come mai non vuoi?
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
Hydeist
Messaggi: 9
Iscritto il: 25 luglio 2009, 1:42

Messaggio da Hydeist » 25 luglio 2009, 15:31

Io sono dispostissima ad andare da uno psicologo per poter ottenere il certificato in questione. Ormai ne parlo in termini così caustici perchè sono veramente molto stanca e stressata da tutto questo. Quella che avevo individuato come soluzione sta diventato un'odissea di ospedali, medici, obiettori di coscienza e cavilli legali per altro in realtà inesistenti e prodotti come scusa.
Avere un figlio comporta, oltre al doverselo portare dentro per 9 mesi con tutte le ripercussioni fisiche del caso, responsabilità e limitazioni. A me piace viaggiare, studiare, spendere il mio denaro per il mio piacere personale. Ho desideri, ambizioni ed esigenze incompatibili con l'avere dei figli. Senza contare che i bambini non mi piaccion: il loro pianto, il fatto che siano così appiccicosi e richiedano tante cure la vedo come una croce da doversi portare dietro per troppi anni.
Ho tanto orrore della cosa perchè mi si costringere a vivere con la paura di restare incinta.
Ultima modifica di Hydeist il 28 luglio 2009, 16:20, modificato 1 volta in totale.

#Marina#
Messaggi: 56
Iscritto il: 17 marzo 2009, 23:30

Messaggio da #Marina# » 25 luglio 2009, 19:03

Se tua madre fosse stata come te adesso non esisterebbe il problema. E' solo una puntualizzazione palese

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 25 luglio 2009, 19:32

Hydeist, non ti giudico, anzi posso anche capirti. Non ti reputo egoista, solo una persona molto sincera e forte. Non tutte devono necessariamente avere figli e tu hai il coraggio di ammetterlo andando contro il normale pensiero.

Io ti consiglierei di chiamare qualche specialista della tua città esponendogli il problema o anche di recarti presso la tua ASL per un consulto pubblico pagando il ticket.Vedi che ti dicono
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
Hydeist
Messaggi: 9
Iscritto il: 25 luglio 2009, 1:42

Messaggio da Hydeist » 25 luglio 2009, 20:07

#Marina# ha scritto:Se tua madre fosse stata come te adesso non esisterebbe il problema. E' solo una puntualizzazione palese
E' vero, ma non tutte le persone la pensano allo stesso modo o agiscono in conseguenza di ciò che pensano e sentono.

Avatar utente
Hydeist
Messaggi: 9
Iscritto il: 25 luglio 2009, 1:42

Messaggio da Hydeist » 25 luglio 2009, 20:10

Lala ha scritto:Io ti consiglierei di chiamare qualche specialista della tua città esponendogli il problema o anche di recarti presso la tua ASL per un consulto pubblico pagando il ticket.Vedi che ti dicono
La settimana prossima dovrei recarmi in un altro ospedale, quello dove ho la residenza, vediamo cosa mi diranno...
In ogni caso grazie della comprensione e dell'interessamento. Spero mi risponda anche uno degli psicologi che postano su questo forum, forse loro sapranno darmi qualche informazione in più

Avatar utente
sincerità
Messaggi: 301
Iscritto il: 1 giugno 2009, 14:38

Messaggio da sincerità » 25 luglio 2009, 22:46

Alla base di tanti freni c'è sempre una ratio: probabilmente chi ti vuol fermare considera che tu potresti cambiare non solo idea, ma intera la tua personalità un giorno. Può capitare nel corso di una vita!

Io, in quest'ottica, ti consiglierei un argomento da spendere con eventuali "tecnici certificanti" che dovessi incontrare, oltre che con te stessa forse:

..se un giorno tu dovessi mutare intenzione riguardo la maternità, allora sarai una buona madre adottiva: ce ne sono così tanti di bambini bisognosi, per cui non occorre per forza puntare tutto sul concepimento classico :wink: [/b]
Fu Verità!

mirko2
Messaggi: 145
Iscritto il: 12 aprile 2008, 1:53

Re: Certificato di uno psicologo per farmi legare le tube?

Messaggio da mirko2 » 31 luglio 2009, 2:51

Hydeist ha scritto:Sono arrivata qui dopo il consiglio dell'unico medico che ha in qualche modo cercato di considerare realmente il mio problema.
Ho 26 anni e la qualità della mia vita, così come le aspettative per il futuro, sono notevolmente ridotte. Da sempre non riesco ad avere relazioni serene e durature, perchè i rapporti sessuali mi sono praticamente preclusi. Ho una relazione che dura da un anno e anche questa sta inesorabilmente naufragando.
Scusa Hydeist non capisco il tuo problema. Se non vuoi restare in cinta non puoi usare gli anticoncezionali come tutti invece di farti legare le tube?

Stai dicendo che la paura di restare in cinta è così grande che non riesci neanche ad avere rapporti sessuali e credi che farti legare le tube risolva i tuoi problemi sessuali?

Ma sei vergine quindi?

Vivi il fatto che i medici non ti vogliono mutilare come una persecuzione? Lo sai vero che esistono i profilattici?

Non fai altro che parlare di quanto odi i bambini e di quanto i medici stronzi e tutta la società ti vogliono costringere ad averli e tu per questo ora non puoi più trombare. Quindi la società bigotta ti sta costringendo a non scopare. E per il fatto che non puoi scopare non ti puoi trovare neanche un ragazzo.

Ma sei fuori?

E poi, ammesso che tu sia la donna più sfortunata del mondo e che nessun metodo anticoncezionale funzioni con te come sostieni tu (è una cazzata), perché non ti metti direttamente con un uomo sterile?

A me sembra evidente che usi la storia della legatura delle tube come una scusa perché hai qualche problema sessuale. Credi davvero che legate le tube tu inizi a scopare come un riccio?

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 31 luglio 2009, 12:35

Ha scritto che non può usare anticoncezionali
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Dr.ssa Cristina Spadoni
Messaggi: 402
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 19:51
Località: Casaleccho di Reno - Bologna

Messaggio da Dr.ssa Cristina Spadoni » 31 luglio 2009, 15:54

Cara Hydeist, lei ha scritto di aver individuato la soluzione al suo problema... mi sento di dirle che non sembra una vera soluzione... risponderebbe con un'azione pratica ad un fantasma psichico. Il punto forse starebbe nel capire meglio da dove arrivi questa paura, che significato abbia... come mai non sente che sono sufficienti i metodi esistenti efficaci per impedire il concepimento a tutte le persone e immagina che legarsi le tube possa far scomparire tale paura...
temo che il problema potrebbe spostarsi... se esiste c'è una ragione e ha un significato che credo sia importante capire.
Agire sulle tube per contrastare una paura non è una soluzione, per questo credo incontri tante difficoltà a farlo...
Lei accenna al fatto di non potere usare i contraccettivi, come mai? Non credo esistano controindicazioni generali verso tali metodi e se non si sente di prendere la pillola può sempre farsi mettere la spirale ed essere certa di non concepire. Se non riesce ad esserlo neanche con questi modi occorre chiedersi il perchè.
Stia attenta perchè potrebbe essere incappata in un falso problema e può rischiare di incontrare qualche medico poco serio che le permetta di agire in questo senso prima di avere veramente capito cosa significhi questa paura.
Di cuore,
Dr.ssa Cristina Spadoni

Rispondi

Torna a “Sessualità e dintorni”