Quando le cose vengono a galla

Un forum in cui confrontarsi con un esperto sui temi riguardanti la sessualità e le sue problematiche. Uno spazio per esprimere perplessità, dubbi o semplici curiosità. La sessuologa vi guida nel trovare chiarimenti e indicazioni.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Quando le cose vengono a galla

Messaggio da Lala » 12 settembre 2009, 11:29

Sono un po' stordita, ma piacevolmente!Ieri durante la seduta ho tirato fuori un sacco di roba e siamo arrivate al nocciolo della mia anorgasmia (non poù primaria, grazie a Dio).
Io durante l'adolescenza,e anche prima, sono stata "castrata" dai mieiche vedevano il sesso come tabù, mi riempivano la testa di scemenze per paura che rimanessi incinta, che venissi violentata..mia madre mi diceva che gli uomini sono tutti uguali, tutti approfittatori, che fanno le scommesse con gli amici per portarti a letto..mio padre mi picchiava se avevo il ragazzo perché a 13 anni "dovevo giocare con le bambole" (e a me già da un pezzo non me ne fregava più niente delle bambole :lol: )

Insomma tutta questa castrazione mi ha portato a vendicarmi sugli uomini castrandoli, in senso metaforico ovviamente :lol: togliendo loro il MIO orgasmo ovvero quello che secondo me aumenterebbe in modo spropositato il loro orgoglio maschile.
A tutto questo si aggiungono i miei mille pregiudizi verso gli uomini che per me sono sempre sciocchi, superficiali, insensibili, poco a contatto con la sua emotività..e certo quelli che ho incontrato nella vita non mi hanno aiutato.

Saputo questo mo.. che devo da fa? :lol:
E voi che ne pensate?
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
sincerità
Messaggi: 301
Iscritto il: 1 giugno 2009, 14:38

Re: Quando le cose vengono a galla

Messaggio da sincerità » 12 settembre 2009, 17:52

Lala ha scritto: Saputo questo mo.. che devo da fa? :lol:
E voi che ne pensate?
Niente devi fa, penso io ...
Prima che me lo chiedi :wink: , provo a spiegarmi meglio.

Da quello che ho capito o intuito (e da prendere per quello che è in un forum eh...), era prima che facevi troppo :D . Ponevi troppi ostacoli, troppe rigidità. Ora, con maggiore apertura e consapevolezza, potresti continuare a vivere semplicemente, seguendo vecchie aspirazioni o ideali (perchè forse non è necessario cambiare tutto per ogni cosa in più che capiamo), ma con maggior fiducia e "abbandono".
Vivi Lala! Sei libera, giovane e bella, che c'hai da chiedere "che devo da fa?" :lol:
Simpatiaaaa!
Fu Verità!

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 12 settembre 2009, 19:45

Peccato che oltre a togliere il tuo orgasmo a loro, lo togli anche a te stessa :)

Non ho idea di cosa tu debba fare ora, ma sono contenta che sia venuto a galla tutto questo, segno che la terapia sta andando bene e che fai buoni progressi. Forse ora dovrai riflettere un pò su quello che è uscito fuori, e farti una TUA idea sugli uomini, per evitare di cadere sempre in quel loop creato da altri.

Avatar utente
tersite
Messaggi: 573
Iscritto il: 16 dicembre 2005, 12:25
Località: pianeta terra

Messaggio da tersite » 12 settembre 2009, 20:09

bene mi sembra un bel passo avanti Lala!
certo i genitori ne fanno di danni a questi poveri figli
sono contento di questi passi avanti che hai fatto
beh gli uomini non sono tutti uguali, forse guardandoti intorno troverai la persona giusta che non sia approfittatore
il consiglio di sincerità mi sembra molto giusto :

Vivi Lala! Sei libera, giovane e bella, che c'hai da chiedere "che devo da fa?"

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 13 settembre 2009, 22:11

non ti saprei dire..non fare niente
sii solo spontanea

però la cosa strana è che in molte siamo cresciute con genitori castranti, soprattutto molte fino alla nostra generazione, eppure alcune "somatizzano" come te, e tante altre no. questo è strano.
ma non c'entra niente
Immagine

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 14 settembre 2009, 9:56

è così perché sono diversi i caratteri, i genitori e l'ambiente in cui siamo vissuti.

Purtroppo se riuscissi a essere spontanea non avrei questo problema..
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 14 settembre 2009, 14:26

intendo che la dinamica è strana, per quanto possiamo essere tutti diversi non provare mai un orgasmo per "castrare" un uomo mi sembra strano

il fatto è che se decidi di fare qualcosa...sei ancora meno spontanea..quindi che cosa ti proponi di fare? io non farei niente..se non hai un ragazzo con cui fare sesso..non so..potresti provare a vedere se succede qualcosa di diverso a fare da sola..però...non saprei...forse devi anche metabolizzare quello che hai appreso..
davvero non so che consiglio darti perchè non ho mai avuto questo problema.
Immagine

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 15 settembre 2009, 12:29

Da sola ci provo ma neanche così riesco a provare l'orgasmo :roll:
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 15 settembre 2009, 12:43

Hai notato delle differenze a seconda dei partner che hai avuto? C'è stato qualcuno con il quale sei riuscita a lasciarti andare di più?
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 15 settembre 2009, 13:53

Con l'ultimo, ma non dipendeva da lui.Piuttosto da me che ho aspettato e rispettato i miei tempi.Lui mi ha aiutato nel senso che non mi faceva pressioni e mi aspettava.
Ma comunque anche in quel caso alla fine il mio viaggio mentale era lo stesso.a un certo punto mi bloccavo.E di questo me ne acorgo perché la mia mente a un certo punto inizia a pensare ad altro.sempre e sistematicamente.
questo punto è la penetrazione o poco prima
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
sincerità
Messaggi: 301
Iscritto il: 1 giugno 2009, 14:38

Messaggio da sincerità » 15 settembre 2009, 21:42

Azzeccatissimo il titolo: ne stanno venendo di cose a galla...che aiutano anche me :oops:

Dunque: Tw ci porta all'attenzione il fatto che in tante hanno vissuto questo problema di educazione castrante e non tutte reagiscono così.
Novembre, giustamente, chiede di fare un confronto fra i partners, a sottolineare che quando il sesso si fa in due, bisogna considerare l'apporto (non apporto) di entrambi. E poi diciamocelo, la masturbazione è solitaria per modo di dire, perchè a qualcuno bisognerà pure pensare perchè venga bene....o no?
Ma Lala, tu sei brava, vai avanti, non ti accontenti di tutto quello che già hai capito (credimi non è poco :oops: ) e citi quel Viaggio mentale che secondo me è un punto fondamentale.

Che cos'è quel "viaggio", quell'assentarsi proprio in quel momento? Io ne sono curiossissima, lo ammetto, e questo significa che non l'ho ancora capito per niente. Da una parte vorrei essere ottimista e pensare che certe persone hanno bisogno di tanto amore o tanto coinvolgimento per essere attratte e per soffermarsi su qualcosa. Come quei bambini che non si riesce a tener fermi neppure davanti la televisione, perchè vogliono di più, e, forse, lo meritano. Dall'altra aspetto (come Lala) di trovare qui altre possibili risposte e quindi, forse, soluzioni....

PS: però Lala, ripeto che tu puoi sperimentare anche fuori di qui... :wink: scusa eh...e grazie della testimonianza :D :D
Fu Verità!

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 16 settembre 2009, 20:04

Hai mai praticato qualche sport?

Andando in palestra ho notato una cosa curiosa. Mi capitava spesso di muovermi senza prestare attenzione a quello che stavo facendo. In particolare, facendo pesi, mi sono dovuta allenare a "sentire" il movimento dei singoli arti e dei muscoli per evitare di fare qualche gesto sbagliato che potesse essere dannoso.

Nel sesso ho ritrovato un'analogia. E' frequente che il pensiero "scappi via" e che impedisca di sentire ciò che accade al corpo.

Quest'anno ho deciso di iscrivermi a yoga per affinare ancora di più questa capacità..
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 16 settembre 2009, 20:13

Io concepisco il sesso come la massima espressione dell'intimità con una persona e per farlo è necessario che io mi conosca molto bene.sennò siamo conigli
Leggendo questa frase mi viene da pensare che tu attribuisca al sesso moltissima importanza, che lo carichi di aspettative elevate, forse troppo elevate...
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 16 settembre 2009, 20:31

Faccio sport da una vita. da 15 anni nuoto.Poi da piccola danza, poi ho fatto aerobica, step, sala pesi. Ora vado a correre. So pattinare un po'..passeggiate,insomma un sacco di roba.
Col tempo mi sono abituata anche io a sentire il mio corpo; farlo nello sport non è come farlo nel sesso. sto imparando a farlo in questo ultimo caso.
Troppe aspettative?Novembre, con le esperienze ho capito che è una cosa importante, la ciliegina sulla torta, non un accessorio.
Forse mi chiedo troppo che vuol dire lasciarsi andare..

Il mio problema è anche questo: dire al prossimo che io ho quetso "handicap". Come si fa senza vergognarsi?
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

Avatar utente
sincerità
Messaggi: 301
Iscritto il: 1 giugno 2009, 14:38

Messaggio da sincerità » 16 settembre 2009, 23:11

Lala Novembre ti ha dato ottimi consigli, non correrci troppo sopra...potrebbe essere utile soffermarsi di più.

Anche lo yoga non è come gli altri sport. A me è sembrato molto più difficile, stranamente! Come pure era difficile lasciarsi andare sulla poltrona dello psico in quell'esercizio tipo ipnosi...fino a che ne usciva un'emotività eccessiva.

Non è un problema padroneggiare il corpo, per chi "handicappato" non è :roll: . E' l'emotività il mistero. Hai ragione riguardo all'importanza della "ciliegina", ma davvero desiderare troppo qualcosa alla lunga può mettere a dura prova anche il più sportivo.

Non riesco a trovare le parole giuste per spiegarti (infatti domani tornerò ad informarmi sul corso di yoga :lol: ), ma ci siamo vicine, beh...tu di più :wink:

Cmq non ti preoccupare per la comunicazione. Finchè ti pare che ci sia un problema, non ti mancherà la forza per farti accettare così come sei e divertirti lo stesso. Ci possono essere tante sfumature, prima di arrivare alla giusta colorazione. Ma ci arrivi, vedrai che ci arrivi....
Fu Verità!

Rispondi

Torna a “Sessualità e dintorni”