quando scopri che tua cugina è una bimbe che gioca con

Un forum in cui confrontarsi con un esperto sui temi riguardanti la sessualità e le sue problematiche. Uno spazio per esprimere perplessità, dubbi o semplici curiosità. La sessuologa vi guida nel trovare chiarimenti e indicazioni.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Rispondi
maryana
Messaggi: 1
Iscritto il: 6 settembre 2010, 3:07

quando scopri che tua cugina è una bimbe che gioca con

Messaggio da maryana » 6 settembre 2010, 3:11

mi chiamo anastasia... ricorro ad internet perche ho bisogno di un consiglio immediato.
le illustro subito il problema: sono in montagna da mia zia per passare qualche giorno di relax. ho avuto pero modo di conoscere dei lati di mia cugina che ignoravo del tutto...
la 17 enne tranquilla apparentemente normale si è invece del tutto trasformata in altra persona..
una bambina che gioca a fare la donna con gli uomini...
che ha rapporti sessuali con uomini piu grandi... in particolare con il suo insegnante di musica che tra l altro gli ha presentato un amico con cui ha rapporti fugaci (anche esso 30 enne)... non le nascondo che ha fatto sesso anche con tutti e 2 contemporaneamente...
fra l altro poi vede anche un altro ragazzo sempre piu grande di lei... insomma.. secondo me ha un rapporto insano con il sesso e prima che possa totalmente perdere il rispetto per se stessa vorrei darle una mano...ma come??? lei queste cose me le ha dette in confidenza e so che se cerco di dissuaderla si chiude a riccio quindi sarei poi all oscuro di tutto...che fare???
stasera ha toccato l apice: volevo conoscere questi 2 per capire se le cose che mi ha raccontato fossero vere chiarendo che si trattava solo di caffe x me..
che risvolti ha preso la serata??
questi 2 malati avevano in mente una sorta di orgia con me e mia cugina...
fortunatamente mi sono sottrata ma lei senza alcun pudore scambiava effusioni estreme con me davanti con uno dei due nonostante io scandalizzata cercassi di fermarla e come se fosse la cosa piu normale del mondo...
ora il punto è: qual è la cosa piu giusta da fare???
sono piu grande di lei.. ho 21 anni... e mi trovo in una situazione difficile...
con la madre ho un bellissimo rapporto e mi sembra di tradirla non mettendola accorrente... si, pero poi??? è giusto turbare questo equilibrio familiare????
mi aiuti la prego!!!!!

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 7 settembre 2010, 17:23

Difficile darti un consiglio (non sono uno psicologo, ma spero non ti dispiaccia se intervengo). Molto dipende da che persona è la madre. Come reagirebbe? Dall'altro lato pensi che tacendo non faresti del bene a nessuna delle due (Tra l'altro l'insegnante corre un certo rischio visto che mi sembra di capire che tua cugina è minorenne).

La domanda è: "Cosa ti dice la tua coscienza?"

Sai che parlando con la madre rischi di perdere la confidenza con tua cugina, ma sai anche che questo ti fa stare male dentro.

Io penso che, se ti senti pronta ad affrontare anche conseguenze spiacevoli, dovresti fare quello che senti essere giusto. In caso contrario potresti non perdornartelo più avanti.
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Pacciugo
Messaggi: 26
Iscritto il: 6 gennaio 2010, 11:31

Messaggio da Pacciugo » 11 ottobre 2010, 18:04

Guarda. Ora come ora ho solo una cosa da dirti...
In questi casi è difficile prendere decisioni, scelte che ti arrovellano la notte insieme a incubi e un mostro che ti attanaglia lo stomaco.

Te hai paura delle conseguenze delle tue azioni.
Ma renditi conto che è una minorenne.
E le cose che quella gente fa è passibile di denuncia per pedofilia.
E' un reato.

Parla prima con tua cugina, apertamente e schiettamente.
Se non capisce rivolgiti ai genitori, sono loro i suoi tutori.
Altrimenti alle forze dell'ordine.

C'è differenza tra non fare niente e fare la cosa giusta.

Anche se verrai odiata...avrai fatto la cosa giusta.
E questo ti farà sentire bene.

Auguri...

mirko2
Messaggi: 145
Iscritto il: 12 aprile 2008, 1:53

Messaggio da mirko2 » 15 ottobre 2010, 14:30

Pacciugo ha scritto:Te hai paura delle conseguenze delle tue azioni.
Ma renditi conto che è una minorenne.
E le cose che quella gente fa è passibile di denuncia per pedofilia.
E' un reato.

Parla prima con tua cugina, apertamente e schiettamente.
Se non capisce rivolgiti ai genitori, sono loro i suoi tutori.
Altrimenti alle forze dell'ordine.

C'è differenza tra non fare niente e fare la cosa giusta.

Anche se verrai odiata...avrai fatto la cosa giusta.
E questo ti farà sentire bene.

Auguri...
Guarda che l'età del consenso in Italia è 14 anni, questo vuol dire che un 80enne può trombarsi legalmente una 14enne.

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 15 ottobre 2010, 14:48

mirko sei male informato.

L'età del consenso è 14 anni se tra i due ci sono al massimo 4 anni di differenza. Altrimenti è reato.

Solo dopo i 18 anni non ci sono vincoli.
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

mirko2
Messaggi: 145
Iscritto il: 12 aprile 2008, 1:53

Messaggio da mirko2 » 15 ottobre 2010, 17:22

http://it.wikisource.org/wiki/Codice_Pe ... Titolo_XII
Art. 609 bis Violenza sessuale
Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorita’, costringe taluno a compiere o subire atti sessuali e’ punito con la reclusione da cinque a dieci anni. Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali: 1) abusando delle condizioni di inferiorita’ fisica o psichica della persona offesa al momento dei fatto; 2) traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona. Nei casi di minore gravita’ la pena e’ diminuita in misura non eccedente i due terzi. Articolo aggiunto dell’art. 3, L. 15 febbraio 1996, n. 66.

Art. 609 ter Circostanze aggravanti
La pena e’ della reclusione da sei a dodici anni se i fatti di cui all’articolo 609-bis sono commessi: 1) nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni quattordici; 2) con l’uso di armi o di sostanze alcoliche, narcotiche o stupefacenti o di altri strumenti o sostanze gravemente lesivi della salute della persona offesa; 3) da persona travisata o che simuli la qualita’ di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio; 4) su persona comunque sottoposta a limitazioni della liberta’ personale; 5) nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni sedici della quale il colpevole sia l’ascendente, il genitore anche adottivo, il tutore. La pena e’ della reclusione da sette a quattordici anni se il fatto e’ commesso nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni dieci. Articolo aggiunto dall’art. 4, L. 15 febbraio 1996, n. 66.

Art. 609 quater Atti sessuali con minorenne
Soggiace alla pena stabilita dall’articolo 609-bis chiunque, al di fuori delle ipotesi previste in detto articolo, compie atti sessuali con persona che al momento del fatto: 1) non ha compiuto gli anni quattordici; 2) non ha compiuto gli anni sedici, quando il colpevole sia l’ascendente, il genitore anche adottivo, o il di lui convivente, il tutore, ovvero altra persona cui, per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia, il minore e’ affidato o che abbia, con quest’ultimo, una relazione di convivenza. Al di fuori delle ipotesi previste dall’articolo 609-bis, l’ascendente, il genitore, anche adottivo, o il di lui convivente, o il tutore che, con l’abuso dei poteri connessi alla sua posizione, compie atti sessuali con persona minore che ha compiuto gli anni sedici, e’ punito con la reclusione da tre a sei anni. Non e’ punibile il minorenne che, al di fuori delle ipotesi previste nell’articolo 609-bis, compie atti sessuali con un minorenne che abbia compiuto gli anni tredici, se la differenza di eta’ tra i soggetti non e’ superiore a tre anni. Nei casi di minore gravita’ le pena e’ diminuita fino a due terzi. Si applica la pena di cui all’articolo 609-ter, secondo comma, se la persona offesa non ha compiuto gli anni dieci. Articolo aggiunto dall’art. 5, L. 15 febbraio 1996, n. 66.
La differenza di età vale per le 13enni, significa che un 16enne può scoparsi una 13enne.

Sopra i 14 i genitori o i tutori non se la possono trombare, a 16 si può trombare pure la figlia.

mirko2
Messaggi: 145
Iscritto il: 12 aprile 2008, 1:53

Messaggio da mirko2 » 15 ottobre 2010, 17:30

Cmq voi castrapedofili avete reso questo paese una dittatura, grazie a voi circa il 99% degli adolescenti ora possono essere arrestati e detenuti per moltissimi anni.

Lo scambio di immagini con i telefoni tra adolescenti, che è una pratica sessuale normalissima ed usatissima, si chiama sexting, da texting, è considerato produzione di pedopornografia, questo significa che ora, grazie a voi, lo stato può incarcerare i vostri figli praticamente a vita, ci sono molte altre leggi simili, fatte a furor di popolo, per "proteggere" gli adolescenti rendendoli tutti incarcerabili. Vi ringrazieranno molto per questo, vedrete come vi ringrazieranno, quando vivranno nel vostro mondo femminista-sessuofobo con la sessualità maschile criminilazzata mentre prenderanno psicofarmaci.

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 15 ottobre 2010, 17:40

Allora vuol dire che sono male informato io :).
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

mirko2
Messaggi: 145
Iscritto il: 12 aprile 2008, 1:53

Messaggio da mirko2 » 15 ottobre 2010, 17:42

Sergio67 ha scritto:Allora vuol dire che sono male informato io :).
Potresti pure aver ragione, non so se la legge è cambiata o cosa hai letto tu, dovresti linkarmi qualcosa.

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 15 ottobre 2010, 17:47

No, no. ho fatto qualche ricerca e mi è sembrato di capire che effettivamente l'età del consenso in italia è fissata a 14 anni. Sopra i 14 si è liberi.

Ad ogni modo il fatto che non sia vietato per legge non cambia il fatto che ogni situazione va esaminata nello specifico.

Ciao
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Imago
Messaggi: 35
Iscritto il: 8 luglio 2006, 4:21

Messaggio da Imago » 29 ottobre 2010, 23:19

mirko2 ha scritto:Cmq voi castrapedofili avete reso questo paese una dittatura, grazie a voi circa il 99% degli adolescenti ora possono essere arrestati e detenuti per moltissimi anni.

Lo scambio di immagini con i telefoni tra adolescenti, che è una pratica sessuale normalissima ed usatissima, si chiama sexting, da texting, è considerato produzione di pedopornografia, questo significa che ora, grazie a voi, lo stato può incarcerare i vostri figli praticamente a vita, ci sono molte altre leggi simili, fatte a furor di popolo, per "proteggere" gli adolescenti rendendoli tutti incarcerabili. Vi ringrazieranno molto per questo, vedrete come vi ringrazieranno, quando vivranno nel vostro mondo femminista-sessuofobo con la sessualità maschile criminilazzata mentre prenderanno psicofarmaci.
Ok, ti piacerebbe se ti fotografassi mentre ti scopo con un dildo e poi facessi girare tali scatti da telefonino in telefonino, magari senza il tuo consenso? La sessualità di alcuni uomini - e perché no, donne - apprezzerebbe, eppure credo che per te non sarebbe lo stesso :roll:

Facile difendere la propria sessualità, quando chi ci rimette è la donna. Il primo principio del sesso deve essere il rispetto, perché in nessun modo si deve ledere il corpo e la dignità dell'altro.
Parli anche di "noi castrapedofili", come se quello di impedire il diffondersi della pedopornografia fosse un crimine. Piuttosto che togliere a un uomo materiale col quale farsi una sega è meglio che tanti bambini, maschi e femmine, vengano stuprati? Che razza di ragionamento da decerebrato sarebbe? Ti piacerebbe se da bambino fosse capitato a te?
Rifletti prima di scrivere stronzate. Non sono una femminista incallita e penso che gli uomini siano in grado di ragionare facendo uso del cervello, ma evidentemente questo non è il tuo caso.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Messaggio da leo » 18 novembre 2010, 18:27

Una bellissima discussione...
Facile difendere la propria sessualità, quando chi ci rimette è la donna. Il primo principio del sesso deve essere il rispetto, perché in nessun modo si deve ledere il corpo e la dignità dell'altro.
Per quanto mi riguarda.. questo è l'unico LIMITE. il RISPETTO.

Ora se la ragazza descritta da Anastacia fa tutto quello che descrive di propria volontà non la si dovrebbe 'DENUNCIARE' ai genitori, secondo me... bisognerebbe PARLARLE.... non usando toni MORALISTICI ma seguendo il buonsenso........

Questa cultura, maschilista, sessista, Para-Oligarchica, è figlia dei nostri tempi ma riflette anche il passato... da sempre si baratta la sensualità e la sessualità con il potere ed il denaro......

Se non vi sono REATI.... e soprattutto COSTRIZIONI, sono i singoli individui, credo, a dover SCEGLIERE.........

Non si tratta di un milione di RAGAZZINE che fanno le puttane... si tratta di scoprire cosa si VUOLE da se stessi e dagli altri.... i LIMITI DEL DESIDERIO.....

Per come la penso io, al di là del pensiero LIBERTINO e di quello MORALISTA, conta solo il LIBERO ARBITRIO, e - di conseguenza - IL RISPETTO PER L'ALTRUI VOLONTA'....

(ps: ho detto questo perché sostengo la LIBERTA' di SCELTA.... ma certo quei trentenni 40enni 70enni che usano uno charme fatto mi BMW e contanti, POTERE POLITICO ed ECONOMICO per rimediare un poì di sesso mi DISGUSTANO...)
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Avatar utente
tersite
Messaggi: 573
Iscritto il: 16 dicembre 2005, 12:25
Località: pianeta terra

Messaggio da tersite » 19 novembre 2010, 20:29

Pacciugo ha scritto:Guarda. Ora come ora ho solo una cosa da dirti...
In questi casi è difficile prendere decisioni, scelte che ti arrovellano la notte insieme a incubi e un mostro che ti attanaglia lo stomaco.

Te hai paura delle conseguenze delle tue azioni.
Ma renditi conto che è una minorenne.
E le cose che quella gente fa è passibile di denuncia per pedofilia.
E' un reato.

Parla prima con tua cugina, apertamente e schiettamente.
Se non capisce rivolgiti ai genitori, sono loro i suoi tutori.
Altrimenti alle forze dell'ordine.

C'è differenza tra non fare niente e fare la cosa giusta.

Anche se verrai odiata...avrai fatto la cosa giusta.
E questo ti farà sentire bene.

Auguri...
io invece non la penso così , pensate che sono vergine alla tenera età di 50 e più anni...
ma ho conosciuto ragazzine sveglie senz'altro minorenni che andavano con uomini molto più grandi di loro
una di queste ragazzine all'epoca 17enne ci provò anche con me
naturalmente ho rifiutato gentilmente l'approccio ,,,
so anch'io che è un reato (ma in effetti la legge dovrebbe prevedere la figura di minorenne emancipata)
in sostanza credo che la cugina 17enne dovrebbe fare le esperienze che crede e senza moralismi...
anche se credo che un'orgia sia un po' troppo per una minorenne :shock:

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 20 dicembre 2010, 5:31

una 17enne consenziente può fare sesso con chi vuole, anche con un trentenne, che non è un vecchio bacucco...non è un 60enne..
non è un reato...lei è molto giovane, ma non è una bambina, sa quello che vuole e lo fa, evidentemente ha una visione della sessualità che non prevede moralismi. avesse 13 anni sarebbe un conto, ma a 17 per la legge è quasi adulta, e sentirla chiamare bambina da una ragazzina che ne ha 21 mi fa francamente sorridere.
secondo me autrice del post devi farti gli affari tuoi, non puoi applicare la tua moralità o il tuo modo di vedere il sesso ad una tua coetanea, da come scrivevi pensavo di trovarmi davanti ad una quarantenne. se tu vivi il sesso diversamente (se lo fai ovviamente) o se gli dai un valore diverso sono cose tue. tua cugina ovviamente non dà un valore spirituale al sesso, ma puramente fisico e lo vive in serenità. perderebbe il rispetto di se stessa se lo facesse senza volerlo, ma mi pare proprio che lo voglia, quindi quello che fa non è affar tuo nel modo più assoluto.
l'unica cosa importante è che usi le giuste precauzioni per non correre rischi inutili.

sulle leggi castrapedofili ecc...insomma...i pedofili veri sono proprio da punire spietatamente, se però certe pratiche sono fatte tra coetanei consenzienti la cosa è diversa.
se una ragazzina tromba con un suo amichetto e si fa fotografare o filmare sa benissimo che il rischio che corre è quello che la foto o il filmato possano circolare. può benissimo rifiutarsi di farlo. non vedo tutto questo sconvolgimento o questa amoralità o la mancanza di rispetto per la donna se ci si inviano foto o cose simili, non ci sono regole se le persone coinvolte vogliono fare quello che fanno.
il rischio di venire spu**anati c'è sempre e sempre c'è stato, anche quando non c'erano i cellulari, le malelingue, le voci, le scritte nei bagni. adesso sembrano sciocchezze, ma quando erano gli unici modi per comunicare (fino a poco pi di 10 anni fa praticamente) erano esattamente equiparabili alla foto di un sedere...posso scaricare la foto da internet, senza la faccia e dire che è di chiunque.
Immagine

Rispondi

Torna a “Sessualità e dintorni”