parafilie+scarsa erezione: a30anni mi sono deciso ad uscirne

Un forum in cui confrontarsi con un esperto sui temi riguardanti la sessualità e le sue problematiche. Uno spazio per esprimere perplessità, dubbi o semplici curiosità. La sessuologa vi guida nel trovare chiarimenti e indicazioni.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Rispondi
vojvoda
Messaggi: 1
Iscritto il: 28 maggio 2012, 19:34

parafilie+scarsa erezione: a30anni mi sono deciso ad uscirne

Messaggio da vojvoda » 28 maggio 2012, 21:18

Un caro saluto a tutti voi, e un sincero Grazie a questo forum per lo spazio concessomi. Sono un ragazzo di 29 anni, sessualmente vergine fino a pochi mesi fa. Sto vivendo ora la mia prima relazione seria con una ragazza a cui voglio molto bene, ma purtroppo sto incontrando grossi problemi di erezione. Ora sento dentro di me che questa situazione non può continuare ed ho deciso di affrontare un percorso psicoterapico che mi permetta di risolvere il problema.

Sono figlio unico di una famiglia cattolica benpensante; nella mia infanzia ho sempre avuto pochi amici, in quanto tendevo ad isolarmi dagli altri e a giocare da solo. Spesso mi capitava di subire angherie e dispetti dai “bulli”. Nella mia pubertà ho sempre avuto scarso interesse per le donne; certo dai 14 anni in poi le belle ragazze mi attraevano, le pensavo anche spesso, ma poi tutto finiva lì… assolutamente mai masturbazione (cosiddette seghe, ad essere sinceri non sono nemmeno sicuro se all’epoca sapevo della loro esistenza, ma forse si, mi ricordo una volta in gita che dei compagni di stanza stavano guardando un film porno, che tra l’altro a me non fece nessun effetto) quindi nessun interesse per il materiale pornografico, così comune alla mia età.

All’ultimo anno di liceo mi sono innamorato perdutamente di una ragazza, di un amor romantico-cortese a dire la verità, e dopo varie vicissitudini in cui ci siamo persi e ripresi di vista sono riuscito ad uscirci insieme e conquistarla (circa 4 anni dopo). Ricordo l’intensità del primo bacio, che portò anche ad un erezione (me la ricordo bene), solo che pochi giorni dopo, quando provammo a fare l’amore, il mio pene non diede nessun segno di vita (sembrerà incredibile, ma non ricordo di avere avuto ancora fantasie sessuali propriamente dette a quel tempo).

La defaillance mi sconvolse non poco, infatti nei 2 mesi successivi non riprovai più per paura di fallire, solo che dopo questi 2 mesi lei mi piantò, dicendomi che non le ero mai interessato più di tanto (ulteriore sofferenza).

In questo periodo difficile si risvegliò in me una passione purtroppo i cui primi segni erano sorti già dall’infanzia e che si amplificò prepotentemente negli anni successivi: quella per il feticismo dei tacchi femminili, degli stivali e più in generale della dominazione femminile (mai eccessivamente violenta tuttavia). Ricordo perfettamente che già da ragazzino, quando si giocava alla lotta con la mia cuginetta femmina, quando lei mi saliva sopra, provavo fortissime erezioni. Fantasticavo di piedi, sottomissioni mie alle donne, stivali, ecc. scaricavo video da internet, guardando questi video mi eccitavo e ottenevo forti erezioni (tuttavia mai eiaculazioni, anche perché non conoscevo ancora la pratica masturbatoria).

Due anni fa circa la svolta: due miei amici si fidanzarono, io mi sentii sempre più solo e decisi che era ora di trovarmi una compagna, solo che ero timido ed impacciato e non avevo idea di come fare. comprai un paio di manuali di seduzione, lessi dei siti che spiegavano strategie (spesso psicologiche) di conquista, ecc.

Soprattutto un paio di libri mi hanno letteralmente cambiato la vita: quelli che mi hanno fatto capire che il miglioramento deve partire da noi stessi, che ciascuno di noi può essere una persona meravigliosa se lo vuole, che può raggiungere i propri traguardi se lo vuole, che può sviluppare una personalità forte e serena se lo vuole, che può essere felice se lo vuole.

Risultato: parlando con genitori e amici tutti mi hanno detto che in questi due anni sono diventato una persona nuova, diversa, migliore, che sono molto più sicuro di me, che ho migliorato moltissimo anche il linguaggio del corpo, la postura (fondamentale nei rapporti con l’altro sesso), il contatto fisico (prima avevo paura di toccare le donne, ora non perdo occasione), i rapporti con gli altri (mi isolavo, parlavo poco, arrossivo), eccetera.

Ovviamente ciò vale anche nei rapporti con l’altro sesso, mi pare che si schiuda un mondo nuovo davanti a me, mi accorgo che le donne mi guardano con occhi completamente diversi, non sono più il secchione sfigato, ma un tipo interessante e simpatico. Fatto sta che una collega dell’ufficio dove lavoro ha sviluppato una forte attrazione nei miei confronti mi ha fatto avances sempre più spinte, è scattato il bacio e ora abbiamo una relazione da circa 5 mesi.

È stato il coronamento di un sogno. E tutto è andato bene fino a quando ci toccavamo in macchina senza avere rapporti completi, e sentivo che il mio pene rispondeva (anche se poi, avrei scoperto, con un erezione discreta, ma non sufficiente alla penetrazione). Essendo preoccupato per la mia imminente prima volta ne parlai con uno psicologo che mi disse di stare tranquillo e di prendermi mezza pasticchetta di viagra per scacciare la paura.

Risultato: erezione discreta, preliminari, quando devo penetrarla mi accorgo che l’erezione è insufficiente, inizio ad agitarmi, l’erezione se ne va, poi ritorna, con lei sopra di me riusciamo a farlo per 4-5 minuti (senza orgasmo), io sono tutto focalizzato sul pene, infatti poi perdo l’erezione ed essa non torna più. La volta dopo stesso copione (sempre con la mezza pasticca). Vado a parlare con un andrologo, mi dice che biologicamente è tutto ok, faccio analisi per i livelli di testosterone e ormoni, scopro che sono nella norma.
La terza volta decido di evitare la pasticca, risultato: floscio quasi tutto il tempo. Quando però lei mi sale sopra e comincia a graffiarmi per gioco ho l’erezione (ritorna l’idea della dominazione probabilmente) e riusciamo a farlo per i soliti 2-3 minuti (sempre senza orgasmo, ancora mai venuto in sua presenza, anche se quando mi masturba in auto, l’eccitazione è migliore e ci sono andato vicino).

Nel frattempo scopro la masturbazione, e incomincio a venire e a provare piacere da ciò, mi masturbo con foto di belle donne, raggiungo orgasmi in pochi minuti ma la parte che continua ad eccitarmi di più sono i piedi-tacchi. Riesco finalmente a raggiungere per la prima volta l’orgasmo anche con un video pornografico “standard”.

Decido comunque di provare a liberarmi una volta per tutte da questa parafilia e getto nel cestino tutto il materiale pornografico “deviato” (tacchi, piedi, ecc.). ora mi sento più libero, ma non è facile liberarsi del tutto. Pochi giorni fa infatti mi sono ritrovato quasi per caso a guardare uno di questi video su youtube e senza alcuna masturbazione ho ottenuto un erezione spaventosamente forte, che mi avrebbe permesso di penetrare qualsiasi vagina, e che non mi viene mai a questo livello quando mi masturbo con la pornografia “normale”.

Ho provato dentro di me una rabbia indescrivibile, ma ho anche capito che per quanto abbia fatto progressi notevoli in questi ultimi mesi, ora ho bisogno dell’aiuto di uno psicologo professionista. So che non sarà facile, ma ora ho un unico obiettivo: FARE SERENAMENTE L’AMORE CON LA MIA RAGAZZA.
Quello che non capisco è se le scarse fantasie sessuali che pervadono la mia vita (anche ora che ho cominciato ad averne, tendono ad essere comunque “passive”, ad esempio donna che fa l’amore in posizione sopra l’uomo) sono una cosa innata, o se le mie energie sessuali sono state deviate dalla retta via da questa parafilia da cui vorrei liberarmi. Sospetto la seconda ipotesi, ma le autodiagnosi temo servono a poco. La mia ragazza è una santa, ne ho parlato con lei e mi sta aspettando con amore e pazienza, ma io ho il terrore di perderla. Spero di potere risolvere il mio problema, sono fortemente motivato, ma in questo difficile cammino avrò bisogno di tutto il sostegno e il conforto possibile.

mi scuso per la prolissità, ma è quasi uno sfogo. un grazie a chi leggerà e a chi vorrà lasciarmi una sua parola.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: parafilie+scarsa erezione: a30anni mi sono deciso ad usc

Messaggio da leo » 6 luglio 2012, 23:25

L'ideale secondo me sarebbe mettere in atto certe fantasie nel rapporto sessuale con la tua ragazza.
Le parafilie non sono altro che modi alternativi di vivere la propria sessualità...

So che non è facile, ma ti consiglio di provare questa soluzione prima di tentare di reprimere tutto.

Le fantasie di dominazione sono relativamente comuni, e non è detto che non siano appaganti per entrambi... almeno parlatene
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Rispondi

Torna a “Sessualità e dintorni”