La mia storia...

Un forum in cui confrontarsi con un esperto sui temi riguardanti la sessualità e le sue problematiche. Uno spazio per esprimere perplessità, dubbi o semplici curiosità. La sessuologa vi guida nel trovare chiarimenti e indicazioni.

Moderatori: Dr.ssa Cristina Spadoni, Dr.ssa M. Letizia Rotolo

Rispondi
Avatar utente
LukeSkywalker
Messaggi: 1
Iscritto il: 23 ottobre 2015, 21:05

La mia storia...

Messaggio da LukeSkywalker » 23 ottobre 2015, 21:19

Volevo raccontare la mia storia perchè devo vuotare il sacco che ormai è diventato così pieno che rischia di strapparsi ad ogni passo.
La storia parte da lontano 2010 un anno che non dimenticherò facilmente. Ha segnato la fine di una relazione di qualche anno con una ragazza d'oro ma incapace di starmi accanto in un momento difficile dovuto alla mancanza di lavoro e successivamente lo "stress" da rinnovo da contratto, vuoi la distanza, vuoi che a volte gli interessi mutano ho preferito tradirla, essere scoperto nel peggiore dei modi ed avere un senso di colpa assurdo che forse ancora mi perseguita. Dall'altra parte c'era invece una ragazza aperta una passione, sesso ed emozioni mai provate, ma aveva un'altra relazione tenuta nascosta per la professione di lui spesso lontano da casa per lunghi periodi. Con la fine di quest'altra relazione sono caduto in "depressione" ogni altra donna non mi dava quelle sensazioni era come una droga, sono persino ritornato con la mia ex vuoi il senso di colpa o la mancanza di questa persona, ma quando un vaso inizia a creparsi non c'è rimedio che torni integro.
Mi sentivo svuotato, come se il sesso fino a quel momento basilare non avesse più importanza. A peggiorare il quadro è stato l'incontro con un'altra ragazza che all'inizio sembrava totalmente diversa salvo far uscire fuori una natura negativa, frigida e cattiva nella sua violenza verbale.
Liberatomi anche di lei e cambiato totalmente vita pensavo di riuscire a mettere da parte le mie problematiche sessuali, ma mi sbagliavo perchè mi stanno perseguitando, alterno momenti euforici ad altri tristi, non sorrido quasi mai di pancia, non provo molto desiderio sessuale e non vedo nessuna in grado di "svegliarmi" da questo torpore, cosa che mi provoca anche delle defiance fisiche a cui non era abituato e che mi stanno chiudendo ancora di più.
Qualcuno ha dei suggerimenti? Grazie

Rispondi

Torna a “Sessualità e dintorni”