non so come comportarmi 2

Una “variante” del comportamento umano che si connota con il desiderio di amare, desiderare, persone dello stesso sesso, con cui poter “progettare” un legame affettivo ed erotico-sessuale. Condizione esistenziale permea di tutti questi contenuti (affettivi, relazionali e progettuali) che a volte difficilmente vengono “vissuti”, per pregiudizio, paura, dubbi e dinamiche (interne ed esterne) che non si riescono a gestire. Questo spazio rappresenta un 'opportunità per riflettere assieme, sulla propria percezione di sè, dell’altro e dei desideri … Vi aspettiamo.....

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
dianaregina
Messaggi: 5
Iscritto il: 1 giugno 2008, 22:24

non so come comportarmi 2

Messaggio da dianaregina » 22 aprile 2010, 21:48

Purtroppo ho scoperto che i due uomini che mi sono trovata davanti casa e che mi hanno importunata sono state effettivamente mandate da una mia collega di lavoro. So chi è ma non ho le prove per dimostrarlo e quindi procedere legalmente. Io una volta scoperto tutto, sono andata dal mio dirigente e gli ho raccontato tutto. Lui mi ha messo a disposizione l'avvocato dell'ente, ma non solo durante il colloquio sono saltate fuori delle cose che io non ho raccontato al mio dirigente, e quindi questo mi ha fatto pensare che sia il mio dirigente che l'avvocato hanno ampiamente parlato di questo argomento e magari sanno pure quello che è successo veramente, ma l'avvocato mi ha detto pure di prenderla come un gioco. E sì io mi sono divertita tantissimo ad essere presa in giro nei sentimenti, ad essere trattata come una perbertita, ad essere inseguita per strada da un uomo. Non vi dico il divertimento. Inoltre mi hanno promossa. Già il 10 dicembre scorso mi ha chiamato il dirigente e mi ha detto che su ptoposta del capoufficio (che tra l'altro è la ragazza causa di tutto)mi avrebbero proposto per una promozione.ma dovevo fare la buona, altrimenti avrei rischiato una lettera di richiamo. io ho accettato, ma non sono affatto contenta di questa promozione, pur consapevole di averla strameritata. Ma a me è sembrato un: tieni la promozione ma non romperci i cosiddetti.
Io volevo un consiglio: come vivere la mia promozione senza farmi influenzare da questi fatti e soprattutto: io ho allontanato da me fisicamente queste persone, ma non riesco a farlo psicologicamente, perchè non appena le vedo mi viene una rabbia che non vi dico. Però non posso farmi avvelenare la vita da loro. Come posso fare per togliermele definitivamente da torno? In modo che la loro presenza non mi dia più fastidio?
grazie in anticipo per la risposta.

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 16 maggio 2010, 18:32

Innanzituttomi scuso per il ritardo con cui rispondo...
La situazione che descrivi è davvero molto delicata, oltretutto non avresti avuto molte alternative: andare via accettare la promozione.
Accettando la loro proposta non puoi che "tacere", ma dentro di te il tumulto bolle... che fare?
Credo nn sia affatto facile vivere il quotidianocon tanta rabbia dentro.. se non riesce a prendere, davvero, le distanze affettive, allora potrai solo che lavorare su te stessa con un percorso terapeutico.
Prova a pensarci, potresti imprare a elaborare qesta rabbia e a gestie meglio la tua quotidianità.
Un abbraccio
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

Rispondi

Torna a “L'omosessualità”