non accettazione

Una “variante” del comportamento umano che si connota con il desiderio di amare, desiderare, persone dello stesso sesso, con cui poter “progettare” un legame affettivo ed erotico-sessuale. Condizione esistenziale permea di tutti questi contenuti (affettivi, relazionali e progettuali) che a volte difficilmente vengono “vissuti”, per pregiudizio, paura, dubbi e dinamiche (interne ed esterne) che non si riescono a gestire. Questo spazio rappresenta un 'opportunità per riflettere assieme, sulla propria percezione di sè, dell’altro e dei desideri … Vi aspettiamo.....

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
anonimo_84
Messaggi: 1
Iscritto il: 11 giugno 2010, 19:38

non accettazione

Messaggio da anonimo_84 » 11 giugno 2010, 19:39

Buonasera dottoressa, mi chiamo luca ed ho 25 anni, le scrivo perchè sono sicuro di essere gay e non riesco ad accettarlo. premetto che fino al secondo superiore mi piacevano le ragazze, ma ho sempre avvertito dentro di me qualcosa di strano, qualcosa che solo io potevo capire, le premetto che sono di carattere molto timido ed non so reagire molto bene alle difficoltà che la vita presenta, in più ho sempre sofferto di problemi familiari, litigi fra i miei genitori; litigi tra mia madre e mia cognata anche litigi stupidi... problemi in cui non nego di aver sempre sofferto anche da bambino, questo potrebbe aver in qualche modo influenzato la mia natura sessuale?

In oltre ho un sacco di amici che sono molto legati a me cosi come io lo swono a loro e non sopporto l'idea di essere una persona diversa, diversa da tutti coloro a cuim voglio bene.

Questo mi sta provocando uno stato di malessese interiore tanto che ultimamente sorridere per me è molto raro.
Le chiedo un consiglio su come risollevarmi, come trovare un po di tranquillità nella mia vita.

La ringrazio in anticipo per la sua risposta e le auguro una buona serata

adolescente85
Messaggi: 80
Iscritto il: 7 maggio 2009, 14:03

Messaggio da adolescente85 » 13 giugno 2010, 22:51

ciao,
intanto ti rispondo io..
Secondo me non ci sono grandi problemi per quanto riguarda i tuoi amici.. ho vissuto per anni con amici ai quali ho voluto molto bene e non ho mai detto della mia sessualità (anche io son gay) eppure con loro son stato benissimo. Col tempo poi ho iniziato a conoscere ragazzi gay e ad alcuni amici, quelli con in quali sapevo di potermi fidare e raccontare tutto, ho svelato la mia sessualità e l'han presa benissimo, tanto che successivamente il rapporto di amicizia si è rinforzato.
Secondo me potresti cercare di capire a quali amici svelare te stesso.. se sono buoni e ti vogliono così bene come dici, sicuramente a qualcuno lo potresti dire.
Io quindi ho buoni amici che non sanno di me, altri invece che sanno tutto e ti assicuro che vivo bene la cosa.. amici eterosessuali che non sanno, eterosessuali che sanno e gay che sanno.. cerca di capire a chi lo potresti dire.. ti assicuro che sembra impossibile parlarne con gli altri, ma con tanti di loro è stata una passeggiata alla fine.

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 18 giugno 2010, 19:23

Oltre a questo consiglio, posso dirti: datti tempo!
Prenditi tutto il tempo che ti serve per sperimentare le tue pulsioni sessuali e capire esattamente i tuoi interessi in qsta sfera così intima.
Non avere fretta di esporti e non pensare al giudizio altrui: vivi il momento solo per te stesso, perchè solo ascoltandoti puoi capire.
Puoi, cmq, sempre rivolgerti ad un professionista che ti aiuti ad esplorare il tuo animo.
Un abbraccio
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

Rispondi

Torna a “L'omosessualità”