testimonianza

Una “variante” del comportamento umano che si connota con il desiderio di amare, desiderare, persone dello stesso sesso, con cui poter “progettare” un legame affettivo ed erotico-sessuale. Condizione esistenziale permea di tutti questi contenuti (affettivi, relazionali e progettuali) che a volte difficilmente vengono “vissuti”, per pregiudizio, paura, dubbi e dinamiche (interne ed esterne) che non si riescono a gestire. Questo spazio rappresenta un 'opportunità per riflettere assieme, sulla propria percezione di sè, dell’altro e dei desideri … Vi aspettiamo.....

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Killing
Messaggi: 26
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 14:20

Messaggio da Killing » 27 aprile 2007, 20:34

Per ricollegarmi al post in cui si diceva che l'omosessualita' non e' una malattia vi posto questo sito www.omofobia.it.
Il 17 maggio sara' la giornata mondiale contro l'omofobia.
E' interessante leggere e sapere anche cosa succede al di fuori dell'Italia.
A me piace pensare che essere sereni con se stessi possa aiutare e facilitare la comprensione di un sentimento.

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 2 maggio 2007, 13:17

Te ne siamo grati...
Un abbraccio :oops:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 2 maggio 2007, 15:37

Antonietta Albano ha scritto:Credo si riferisca ad una omosessualità egodistonica?
Situazione in cui c'è un RIFIUTO da parte dell'individuo di accettarsi e dichiararsi omosessuale??
In realtà, non era a causa del giudizio altrui, ma del proprio. Le difficoltà con il padre ("donnaiolo scatenato") lo avevano portato ad identificarsi con la madre. Inoltre la "pochezza" dei suoi genitali, a causa di un confronto avvenuto per volere del padre, lo avevano inferiorizzato. Quando era un bambino, il ragazzo fu ridicolizzato più volte dal padre, che lo accusava di essere una "femminuccia". Non potendo entrare in conflitto edipico in adolescenza, il giovane – che era, oltretutto, di bell'aspetto fisico –, aveva assunto atteggiamenti femminili, oltre a pulsioni sessuali prettamente tali. Arrivò ad ideare il suicidio (quindi inviterei tutti a portare rispetto verso un ragazzo che, grazie alla psicoterapia di un 'quasi-psichiatra', cioè io, è guarito). L'esame fisico rivelava la procura di tagli su varie parti del corpo – inclusi i testicoli –, e un esame dello stato metale rivelava affettività appiattita verso la madre e fantasie omicide verso il padre. Un EEG rivelò alterazioni delle onde delta durante il sonno (probabilmente una parasonnia da sonnambulismo non ancora attiva); fu trattato per mezzo di antidepressivi, quindi prozac, e farmaci inibitori dell'impulsività (Naltrexone) autolesiva. Successivamente, una psicoterapia psicodinamica lo ha aiutato ad "uscire"* dall'omosessualità.

*virgolettato perchè altrimenti qui mi si accusa di razzismo.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 3 maggio 2007, 11:15

Omosex Egodistonica significa prorpio qsto, infatti,
che non è accettato da se stesso.
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 5 maggio 2007, 12:49

Ma "egodistonica" è riferito più ad una patologia. Mentre, come voi affermate, l'omosessualità non lo è.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

orchidea22
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 settembre 2006, 21:23

Messaggio da orchidea22 » 5 maggio 2007, 12:56

Non sono competente in materia ma penso che la patologia sta proprio nel fatto di non volerlo accettare non nell'essere omosessuale.

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 5 maggio 2007, 14:21

Esatto... Orchidea!!

L'omosessualità, infatti, non è una malattia ...
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

orchidea22
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 settembre 2006, 21:23

Messaggio da orchidea22 » 5 maggio 2007, 18:24

Lo so dottoressa, io sono omosessuale e non mi sento per niente malata...scoppio di salute! :D

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 7 maggio 2007, 12:03

Già, però rispetta chi pensa di essere malato essendo omosessuale. Non tutti accettano il loro stato come hai fatto tu.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

orchidea22
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 settembre 2006, 21:23

Messaggio da orchidea22 » 7 maggio 2007, 12:27

Ma infatti io un profondo rispetto per chi ne soffre, non ho mai detto che non rispetto chi non accetta di essere omosessuale, ho solo affermato che l'omosessualità non è una patologia come credi tu e lo si capisce da tutto quello che scrivi che la pensi così.
Nell'ultimo post hai scritto:
"Ma "egodistonica" è riferito più ad una patologia. Mentre, come voi affermate, l'omosessualità non lo è."
Tu che dici di essere laureato e psicologo-psichiatra con 10 anni di studio, praticandato ecc... come fai a non capire che se c'è una patologia sta proprio nel fatto di non accettare la propria sessualità e non nell'essere omosessuali?
Tu dici sempre che sono ignorante in materia, che non capisco un tubo e che scrivo a vanvera...ma guarda che non ci vuole la laurea per capire queste cose soprattutto per me che le vivo in prima persona.
Cerca di avere TU rispetto per gli altri e parlare qui nel forum da persona esponendo magari le tue idee e non come medico trattando le persone come casi clinici.

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 7 maggio 2007, 12:33

Ho affermato che il ragazzo è stato ricoverato ed è "guarito" dalla sua omosessualità. Io racconto l'avvenire dei fatti, tu ti limiti a criticarmi e a giudicare la mia professione pur non conoscendone niente. Se tu parli di "egosintonico" o "egodistonico", cara mia, ti riferisci alla malattia. E se dici che l'omosessualità è egodistonica o egosintonica ti riferisci all'omosessualità come malattia. Altrimenti devi dire che la sua condizione di accettabilità è egodistonica. Se parli di malattie, dì le cose come stanno, per favore, senza infangare la medicina! Uno che si taglia i testicoli sarebbe da non far ricoverare? Per favore; il medico sono io e io ho deciso per lui.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

orchidea22
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 settembre 2006, 21:23

Messaggio da orchidea22 » 7 maggio 2007, 12:40

Io non ho mai utilizzato termini tecnici qui sul forum, non sono un medico competente in materia.
Poi tu stai parlando di un caso specifico, di un tuo paziente che oltre ad essere omosessuale ha profondi problemi psicologici o psichiatrici se arriva a tagliarsi i testicoli!
Non puoi generalizzare e prendere come esempio questo caso e dire che in generale l'omosessualità può essere curata.
Si può curare una persona malata, che ha dei disturbi come nel caso del tuo paziente,magari facendogli accettare la sua sessualità.

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 7 maggio 2007, 12:46

Ok, hai ragione. Però è guarito quando è stato "invertito" alla sua origine. Ciò vuol dire che, effettivamente, l'omosessualità causa dei problemi. I paranoici più famigerati nella storia erano omosessuali, per es.. Quindi non si tratta di un singolo caso clinico. Poi non mi si può accusare di "razzismo" nei confronti dei gay, se sono uno psichiatra. Ti pare?
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

orchidea22
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 settembre 2006, 21:23

Messaggio da orchidea22 » 7 maggio 2007, 13:06

Io e te parliamo due lingue diverse, tu vedi la cosa da un punto di vista medico io scrivo qui solo per parlare di me, delle mie esperienze e di quelle degli altri ma da un punto di vista umano.
Sinceramente delle tue doti miracolose di conversione o inversione chiamale come ti pare non mi interessa proprio.

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 7 maggio 2007, 13:18

Non si chiamano miracoli: è scienza. E se non te ne frega niente, perché hai continuato a parlarmi di come tu fossi contraria a quello che facciamo noi? Perché hai continuato a criticare la medicina e la psichiatria, quando parliamo "due lingue diverse"? Non ti capisco proprio. Ci rinuncio: non posso farti psicoterapia virtuale su internet.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

Rispondi

Torna a “L'omosessualità”