Genitori... GAY?!?!?!

Una “variante” del comportamento umano che si connota con il desiderio di amare, desiderare, persone dello stesso sesso, con cui poter “progettare” un legame affettivo ed erotico-sessuale. Condizione esistenziale permea di tutti questi contenuti (affettivi, relazionali e progettuali) che a volte difficilmente vengono “vissuti”, per pregiudizio, paura, dubbi e dinamiche (interne ed esterne) che non si riescono a gestire. Questo spazio rappresenta un 'opportunità per riflettere assieme, sulla propria percezione di sè, dell’altro e dei desideri … Vi aspettiamo.....

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Avatar utente
resident2006
Messaggi: 1167
Iscritto il: 1 ottobre 2006, 20:22
Località: Milano

Messaggio da resident2006 » 1 luglio 2007, 22:10

orchidea22 ha scritto:Non ti rispondo perchè non ne vale la pena, non perchè penso che hai ragione.
E poi la mia risposta non era riferita solo a te, comunque tu che dici "mettete da parte l'egocentrismo"...ti rendi conto che non fai altro che vantarti della tua grande intelligenza, del tuo buonsenso e di quel pezzo di carta che poverino hai taaaanto sudato??
Ma che pensi di averlo solo tu un titolo di studio qui dentro? e poi quanta importanza ha? ed infine mi chiedo...tutto ciò che c'entra con quello di cui stavamo parlando??
Ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, condivisibili o meno, ma nessuno può imporre il proprio pensiero agli altri.
L'importante è mantenere il dialogo in modo da non offendere nessuno.
Sì mala tua opinione è sbagliata e visto ke skizofrenia è 1 psikiatra taaaaaaaaaaanto + esperto d te queste cose le sa... nn credi? rovinare la vita ai bambini xkè volete 1 figlio... se nn lo avete naturalmente è ovvio ke il motivo è ke nn siete naturali, no!? nn c vuole uno psikiatra x capirlo... :roll:
Roberta 6 la mia vita... t amo tantissimo... nn potrei + vivere senza d te...

Immagine

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 2 luglio 2007, 5:11

Per orchidea 22: Non ho dato importanza al titolo di studio, ma alla statistica. Se guardate solo i vostri desideri, allora mi spiace, ma secondo me siete proprio sulla via sbagliata per pretendere un'adozione.
Francesca ha ragione: è limitativo dire "sì" o "no" all'adozione. Il discorso è molto più profondo, e che tu, orchidea22 ti limiti solo a non rispondermi è perché sai bene che in fondo è così come io, francesca e (in una certa maniera) resident sosteniamo.

PS: "taaaanto sudato" dillo a qualcun altro; entra tu con l'esame di ammissione a Medicina, fatti 6 anni perdendo un casino di capelli esaurimento dopo esaurimento nervoso, prendi una laurea con il massimo voto (altrimenti non puoi fare la specializzazione a causa dei posti ristretti e delle raccomandazioni), sorpassa al test per la specializzazione tutti i raccomandati figli di medici che ci sono in giro, fatti il "culo" per altri 4 anni esame dopo esame e poi dimmi come ti senti. 10 anni, in tutto, e fatti anche bene; c'è chi Medicina la finisce a 35 anni. Il tutto con 5000 euro ogni anno da pagare con tasse e libri (già, perchè vi sono libri che vanno oltre i 300 euro)senza possibilità di lavorare a causa dell'obbligo di frequenza e dei tirocini, oltre agli esami estivi. Quindi risparmia i tuoi commenti inutili sul fatto che io sia uno psichiatra e pensa al topic, che io non ho mai nominato nè la laurea nè l'intelligenza. Solo il buon senso, che non nasce certo da un foglio di carta che ho preso dopo 10 anni di sforzi. OT chiuso.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

orchidea22
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 settembre 2006, 21:23

Messaggio da orchidea22 » 2 luglio 2007, 19:40

Avete davvero rotto le scatole...mi scuso con gli altri per il termine.
Non penso che scriverò più in questo forum, non accetto la presunzione e le provocazioni da nessuno.
Visto che non è possibile un dialogo sereno e normale questo posto non fa per me.
Auguro un buon proseguimento a tutti e buona estate!

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 2 luglio 2007, 20:25

Sarebe più importante trovare un dialogo sereno al di fuori di qui, non in un forum. Evidentemente è questo quello che ti manca.
Altrettanto e auguri.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

sogni
Messaggi: 11
Iscritto il: 5 luglio 2007, 0:13

Messaggio da sogni » 5 luglio 2007, 1:06

sono veramente stupefatta...ma chi li ha slegati 'sti due? altro che psichiatra... resident poi è un insulto continuo, ma non esiste il ban in questo forum?
Mi risulta che anche l'OMS ha dichiarato (bontà sua) che l'omosessualità non è una malattia, però ancora i sedicenti psichiatri trattano il problema così? Certo che un bambino in famiglia omosessuale può sentirsi diverso e in difficoltà in un paese delle cosiddette come il nostro, certo, povero bambino, anche un bambino cinese in italia, e uno nero e uno povero che non si fila i vestiti firmati, giusto , e allora sterilizziamo i neri e anche gli altri così non rovinano i bambini, anzi giacchè ci siamo buttiamo giù gli handicappati dalla rupe tarpea così non soffrono... certo...
siamo alla follia, e questi sono gli psichiatri che ci dovrebbero curare? davvero sono esterefatta.
Comunque, non voglio negare che le condizioni sarebbero difficili, ovvio, ma quando mai il mondo cambierebbe e crescerebbe se non ci fossero i pionieri? davvero è impossibile che i figli siano sereni come nel film "priscilla la regina del deserto"? (da vedere assolutamente). Davvero non possiamo pensare che un'esperienza ancora ingiustamente difficile come quella di essere gay debba comportare solo nascondersi e non vivere nulla per non disturbare le brave persone della Lega Nord (vedi resident). dio.... scusate ma non credevo che giovani e persone colte, medici addirittura, potessero ancora pensare così. E mi dispiace che un forum sull'omosessualità sia così respingente prorpio nei confronti dei gay che con tanta gentilezza ed equilibrio si esprimono. mi appello al moderatore: non è il caso di intervenire?
Ultima modifica di sogni il 5 luglio 2007, 1:10, modificato 1 volta in totale.
sicuro?

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 5 luglio 2007, 1:10

Non hai capito proprio niente di quello che ho scritto. Dove ho criminalizzato l'omosessualità o etichettata come malattia?
Con te è inutile discutere; non accetterò più provocazioni.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

sogni
Messaggi: 11
Iscritto il: 5 luglio 2007, 0:13

Messaggio da sogni » 5 luglio 2007, 1:16

schizofrenia ha scritto:Non hai capito proprio niente di quello che ho scritto. Dove ho criminalizzato l'omosessualità o etichettata come malattia?
Con te è inutile discutere; non accetterò più provocazioni.
veramente sei tu che sembri non capire proprio niente, ma che hai studiato a fare? hai sostenuto praticamente che se ne devono stare buoni e non traumatizzare i poveri bambini, il che equivale a reprimerli, castrarli se preferisci. Magari dovrebbero non "contagiare" i poveri bambini (non hai usato questa parola, ma il succo era abbastanza questo) il che equivale a trattarli da malati. uno che dovrebbe aiutare, sostenere, curare quando serve... magari sostieni pure di essere uno psicoterapeuta....
sicuro?

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 5 luglio 2007, 1:18

Lo psichiatra è automaticamente psicoterapeuta.
Ma cosa vuoi da me? Sì, secondo me per i bambini è un trauma. Tu invece che argomentazioni hai? Sentiamo. Se l'affidamento non è consentito, un motivo c'è.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

sogni
Messaggi: 11
Iscritto il: 5 luglio 2007, 0:13

Messaggio da sogni » 5 luglio 2007, 1:29

francesca ha scritto:Qual è il valore di cui parliamo?
Il diritto degli aspiranti genitori ad avere un bambino da adottare, o il diritto di un bambino di avere una famiglia che lo circondi di amore, e lo aiuti a crescere fino a diventare adulto?
Se, com'è giustamente riconosciuto da tutti i tipi di società, è prevalente il secondo o è l'unico che conta, si capisce perchè le leggi sull'adozione siano così restrittive.
La famiglia che vuole adottare deve avere molti requisiti positivi, età, affidabilità, tranquillità economica, stabilità ecc.
E' più ragionevole togliere i figli naturali a genitori che li fanno soffrire, o che li sfruttano che non dare il diritto a chiunque di adottare bambini come se i bambini rimasti senza la famiglia per qualunque motivo fossero barboncini da compagnia.
Questo è un argomento troppo serio e troppo delicato per limitarlo solamente a un sì o no per coppie gay o non gay.
Non esiste il diritto ad adottare, per soddisfare i propri desideri, ma esiste un dovere di solidarietà nei confronti degli esseri umani, per cui una coppia può dichiararsi disponibile ad adottare anche quando ha già figli naturali, nell' UNICO interesse dei bambini.
scusa, Francesca, ma a me sembra che quando si adotta un bambino ci siano DUE esigenze da soddisfare: quelle del bambino e quelle del genitore, non solo del bambino, mi pare che sarebbe falso negare che una coppia vuole un figlio perchè fa piacere anche a lei, che male c'è? Se non fosse così negheremmo anche alle coppie etero di fare di tutto per avere un figlio. Secondo me non è detto che soddisfare i propri desideri di genitorialità sia un male, quando non vanno contro quelli di altri. Credo sia difficile la questione, perchè sarebbe una situazione particolare. Ma anche quando è diventato possibile divorziare, i figli dei divorziati erano "diversi", e hanno anche patito ed è stato difficile, ma poi si è capito che la cosa più dannosa non era essere "diversi" ma come questa situazione era gestita dai genitori, come erano attrezzati ad affrontare questa (come tante altre) difficoltà della vita. ci sono un sacco di coppie etero che adottano come fossero barboncini, e magari li "rimandono indietro" quando sono stufi (ci ho lavorato, lo so) i figli ne patiscono eccome, cioè patiscono come li si aiuta o meno ad affrontare i problemi, quasiasi problema, non sono destinati alla rovina solo perchè hanno dei problemi o vivono situazioni particolari... che poi sono "particolari" solo finchè non diventano "generali": qualcuno dovrà pur cominciare, no? secondo la mia esperienza...
sicuro?

sogni
Messaggi: 11
Iscritto il: 5 luglio 2007, 0:13

Messaggio da sogni » 5 luglio 2007, 1:32

schizofrenia ha scritto:Lo psichiatra è automaticamente psicoterapeuta.
Ma cosa vuoi da me? Sì, secondo me per i bambini è un trauma. Tu invece che argomentazioni hai? Sentiamo. Se l'affidamento non è consentito, un motivo c'è.
oh certo...se l'ha detto il Papa... un motivo c'è...
lo psichiatra è automaticamente psicoterapeuta? non ci credo... non voglio niente da te, mi dai fastidio, mi sembri presuntuoso e saccente. Magari non lo sei, ma ti mostri così.
sicuro?

schizofrenia
Messaggi: 256
Iscritto il: 30 settembre 2006, 12:04

Messaggio da schizofrenia » 5 luglio 2007, 1:39

Queste sarebbero le tue argomentazioni? Molto acute, direi.
Sesono così presuntuoso perché continui ad intrattenerti con me? Lasciami nel mio brodo se il mio lavoro non ti piace. Chi ti ha chiesto qualcosa?
Controlla in uno statuto di Psichiatria: lo psichiatra è uno psicoterapeuta.
Ti saluto e ti auguro buona fortuna.
Medico Chirurgo specialista in Psichiatria...Tra una settimana!

sogni
Messaggi: 11
Iscritto il: 5 luglio 2007, 0:13

Messaggio da sogni » 5 luglio 2007, 2:20

schizofrenia ha scritto:Queste sarebbero le tue argomentazioni? Molto acute, direi.
Sesono così presuntuoso perché continui ad intrattenerti con me? Lasciami nel mio brodo se il mio lavoro non ti piace. Chi ti ha chiesto qualcosa?
Controlla in uno statuto di Psichiatria: lo psichiatra è uno psicoterapeuta.
Ti saluto e ti auguro buona fortuna.
Ho letto anche altre cose... ho letto che nessuno si aspetta che uno psichiatra è automaticamente uno psicoterapeuta e neppure io ci credevo. A proposito di "se succede un motivo ci sarà" come diceva lei, dottore, "se nessuno ci crede un motivo ci sarà". Magari lo dice anche il Papa... boh.
Vuoi l'ultima parola dottore? ovvio... be', l'attenzione l'hai avuta e mi sono presa la briga di leggere un tot di tuoi post.... ora ho capito... e quindi tacerò come ormai fanno tutti dopo un paio di tuoi post, ti ignorano quando ti conoscono un po'... tieniti pure l'ultima parola, dottore, spero che non rovinerai troppe persone, i presupposti ci sono. (ho copiato bene lo stile? :D )
sicuro?

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 9 luglio 2007, 11:24

Vorrei scusarmi con tutti voi utenti per alcuni interventi inopportuni che ho già segnalato e di cui provvedo personalmente a "porre riparo"...

Vorrei che i nostri confronti e perchè nò le nostre discussioni fossere costruttive!!

Vi ringrazio per gli interventi e mi auguro che nessuno si lasci influenzare da "incidenti di percorso".

Un abbraccio :oops:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

phelix
Messaggi: 6
Iscritto il: 20 maggio 2007, 1:20

Messaggio da phelix » 23 luglio 2007, 18:28

Ragazzi e ragazze, l'omofobia è una brutta bestia, lo sappiamo tutti, ma non è qualcosa di insormontabile.
Quello che posso dire è che decidere di entrare sul piano del confronto come abbiamo fatto noi che ci siamo presi la briga di scrivere e rispondere in questo forum implica anche soffrire un pò quando si prende coscienza del pensiero degli altri.
A volte è mostruoso e quindi faticoso riuscire a digerire certi intereventi, ma fa parte del gioco.
Ho cercato per me stesso, per il mio benessere, di fare capire al 'partito della maggioranza' che il fare parte di una 'minoranza' non significa necessariamente fare parte di un partito sbagliato.
Ho cercato, come altre persone qui di dentro, di esporre nel modo più calmo ed obiettivo possibile quella che è una realtà che conosco bene e che, necessariamente, chi non é omosessuale non può conoscere, è normale.
Ho cercato di trasmettere informazioni importanti che potrebbero aiutare tutti a vivere meglio la propria omosessualità o la propria eterosessualità o bisessualità o quant'altro esista la fuori.
La mia non vuole essere una lotta, perchè "etero contro omo" fa male a tutti noi, ai nostri (vostri?) figli. Sento il dovere di fare capire quanto in realtà dietro a tutto questo ci sia solo un'immensa paura di ciò che non si conosce. Io imparo molto dagli etero, mi piacerebbe pensare che anche loro possano imparare qualcosa da me, tutto qui.
Tutto il resto, onestamente, non mi interessa.
Diventerebbe tutto troppo faticoso e demotivante.
Chi vuol intendere intenda.
O come mi diceva sempre la mamma, non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
Beh, perdonatemi ma io di sgolarmi non me la sento proprio.
Un abbraccio a tutti.

Killing
Messaggi: 26
Iscritto il: 7 febbraio 2005, 14:20

Messaggio da Killing » 17 agosto 2007, 11:17

Troppo semplicistico dire che i figli sono di chi li cresce?
E che c'e' equilibrio in una coppia Omo come in una coppia etero e lo stesso vale per le situazioni di squilibrio?
Sono gay felice di esserelo perche' e' nella mia natura, voglio una famiglia e al momento sto creando stabilita' di coppia per affrontare meglio quello che avere un figlio comporta.
Statistiche e non per me vale la vita vissuta e il resto sono chiacchiere.

Rispondi

Torna a “L'omosessualità”