HPV...

Le "malattie sessualmente trasmesse" sono legate all'attività sessuale. E' talvolta possibile che nei rapporti sessuali si possa nascondere una insidia. Far finta di niente non è una buona idea. Impariamo a conoscere meglio le M.S.T. e confrontiamoci senza alcuna remora.

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
fran
Messaggi: 3
Iscritto il: 26 ottobre 2010, 0:27
Località: Milano

HPV...

Messaggio da fran » 31 ottobre 2010, 9:53

Buongiorno, sono una ragazza di 29 anni e sono affetta da HPV. Nel 2007 ho fatto un viaggio all'estero dove ho conosciuto un ragazzo con cui poi ho avuto una relazione. Passati due mesi dal mio ritorno in Italia ho scoperto di aver contratto il virus. Ho scoperto da diversi dottori che questo virus è sì trasmettibile sessualmente, ma a seconda del grado di aggressività, che è possibile anche contrarlo in bagni pubblici (pur facendo attenzione). Dal 2007 a pochi mesi fa ho dovuto fare diversi interventi laser, cure prolungate con aldara, colposcopie e biopsie. E' stato tra i periodi più neri. A quanto pare ora il peggio è passato anche se continuo ad avere fastidi e ho il dubbio che si stia riformando un altro condiloma. Contemporaneamente a questi anni, ho mantenuto i contatti con questo ragazzo (che dopo aver fatto anche lui una visita specialistica mi ha confermato di essere sano) ed è iniziata una chat assidua che molto spesso andava avanti per delle ore. Ognuno di noi continuava la propria vita, quindi ci consideravamo liberi l'uno dall'altra pur continuando a chattare. In tutto questo tempo mi è capitato di stare con un solo ragazzo "reale" col quale è durata 3 mesi e che alla fine ho lasciato in quanto, non so perchè, ho cominciato ad odiarlo. Forse dentro di me ciò di cui avevo bisogno era una figura maschile non deltutto reale o magari speravo ancora di rivederlo, il mio ragazzo "mezzo virtuale" e anche se con amarezza ammettevo che non sarebbe mai successo, ho continuato a farmi coinvolgere nella "non vita" che per me era diventata reale.. Ora anche lui mi ha lasciata e sono rimasta sola..dagli interessi che avevo, dalle false amicizie..3 anni costati fatica di cure, a mandare giù il rospo per quelle persone dimostrate false che invece di capire hanno preferito non vedere (senza dirlo) o non sapere o addirittura invidiare (cosa c'è poi da invidiare..ma si può essere così stupide..?) Ho imparato a contare solo su me stessa, ed è giusto, era ora, ma fino a un certo punto. Sento di essere di ghiaccio..a volte. Che vita è non riuscire a fidarsi..di se stessi degli altri delle proprie emozioni, e soprattutto com'è possibile che dopo tutto questo trascorso sento crescere in me un'incoscienza..che mi allontana,forse, da cosa sto facendo o da cosa sono diventata.. Chiedo gentilmente dott.sa Albano, un suo parere.. grazie

fran

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 1 novembre 2010, 16:50

Cara,
moltissime donne, direi la magior parte, nel corso della loro esistenza vengono a contrarre qsto virus: HPV. Si tratta della "patologia" del momento. Pensa che, anche, se usi il profilattico nn è sicuro il suo totale nn contagio, perchè ci potrebbero essere sul pene (ad es.) in zona nn coperta dal profilattico stesso e poi ci sono i rapporti orali e via dicendo..
in base al tipo di virus è necessario fare accertamenti approfonditi, ma direi almeno una volta l'anno colpo e pap-test. Oggi 'è anche la possibilità di fare il Pap-test HPV, che permettedi rilevare se hai contratto un virus di tipo oncogeno oppure no. fare qsto test ogni 3-4 anni circa sarebbe l'ideale!

Si tratta di un'invasione nella vita di noi donne, che ci colpisce talmente tanto da renderci restie ad intrattenere rapporti con altri uomini, perchè si tratta di una malattia a trasmissione, prevalentemente, sex. Nei Paesi extra-comuitari diventa, anche,più diffiile contrarre il virus!
Tornando a noi: è comprensibile lo sconcerto ch senti e che vivi.
Mi sento di dirti, innanzitutto, di regalarti un po' di serenità per la tua salute (le difese immunitarie per qsta patologia sono importanti) e di darti tempo... tempo per ricominciare ad avere fiducia in te e negli altri.
Nn avere fretta, perchè è anche di qsto che ha bisogno il tuo corpo!
Un caro saluto ed un forte abbraccio.
Se hai bisogno... ci sono! :wink:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

Rispondi

Torna a “Malattie sessualmente trasmesse”