Padre che abusa psicologicamente e fisicamente

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
coccinella94
Messaggi: 1
Iscritto il: 18 marzo 2018, 19:18

Padre che abusa psicologicamente e fisicamente

Messaggio da coccinella94 » 18 marzo 2018, 19:35

Scrivo qui, perchè ormai la situazione è veramente preoccupante e metto in forte dubbio la salute mentale di mio padre.
Ha sempre avuto un caratteraccio, è sempre stato violento, poco affettuoso e molto dispotico.
Da qualche mese a questa parte, però, le cose sono drasticamente peggiorate: non passa un solo momento (sembro esagerata, ma GIURO che è LETTERALMENTE così), in cui non sia arrabbiato nero.
Insulta me e mia madre pesantemente anche solo per una rivista poggiata sul tavolo, che a suo avviso andava invece buttata perchè tanto non interessante. Alza le mani, tira oggetti...pretende che non esca di casa perchè vuole che studi letteralmente (anche qui giuro che non esagero) da quando mi sveglio alle 8 fino almeno alle 11 di sera. Si scatena l'inferno persino se sto semplicemente al telefono perchè "è una perdita di tempo".
Il suo è uno stato rabbia cronica. Ha scatti di ira furibondi a cui lui stesso, quando glielo faccio notare, non sa dare spiegazioni. Sembra ostaggio delle sue emozioni.
Attribuisce il suo nervosismo al fatto che sono fuori corso all'università, ma tutti quelli che lo conoscono sanno perfettamente che il suo modo di essere è sempre bene o male stato questo, fin da quando ero molto piccola.
Ho la sensazione che tutto sia andato peggiorando, dopo il periodo di forte stress durato 9 mesi, in cui mia nonna (sua madre)è stata male e poi è deceduta.
No, per ora non posso andare via di casa; e neppure mia madre. Lui non vuole farsi vedere, anzi, quando una volta accennai alla cosa (come era prevedibile) si offese e si arrabbiò ancora di più.

E' possibile che esista una patologia che renda perennemente collerici?
So che ha problemi di assorbimento della vitamina B12..ho addirittura pensato che ciò possa aver portato a qualche scompenso a livello neurologico...è possibile?

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”