Mio padre...quando c'è lui non ho vita tranquilla

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
magictoldo
Messaggi: 29
Iscritto il: 28 giugno 2006, 13:45
Località: Firenze

Mio padre...quando c'è lui non ho vita tranquilla

Messaggio da magictoldo » 7 agosto 2009, 13:53

Salve a tutti, mi chiamo Federica e ho quasi 23 anni. Il mio problema è mio padre, quando appare lui riesce a sconvolgere la situazione di calma che in maniera difficoltosa sono riuscita a creare.
Premetto che i miei sono separati e che fino a due mesi fa io mio padre lo vedevo una volta a settimana, il sabato sera dalle 19.30 circa fino alla domenica quando ne avevo voglia...impegni permettendo....partite permettendo...
Mio padre è sempre stato un gran bevitore, capace di farsi fuori una bottiglia di vino a pranzo e una a cena da solo...Accompagnata prima da un bell' aperitivo a base di negroni...
Mio padre è molto egoista, pensa prima a lui e poi a chi gli sta intorno...è bugiardo e quando beve, come tutti coloro che bevono sa essere molto violento...tanto che l'ultima volta che sono stata a dormire da lui...beh aveva bevuto, abbiamo litigato e mi ha fatto venire dei lividi sulle braccia...che non so per quale ragione nessuno ha mai detto nulla...
Per tutti lui è il poverino, io la pazza che si comporta male con lui...
Stasera mi ha proposto di andare a cena con lui per parlare...io non so che fare...vorrei rifiutare perchè il solo pensare di essere sua figlia mi fa schifo, l'idea mi ripugna...ma so anche che, finchè non risolvo la situazione con lui, in TUTTI i ragazzi, vedrò sempre mio padre e non poteò essere felice e crearmi una famiglia....
Ho bisogno di AIUTO

Dott.ssa M.Letizia Rotolo
Messaggi: 241
Iscritto il: 14 marzo 2006, 21:09
Località: Bologna

Messaggio da Dott.ssa M.Letizia Rotolo » 24 agosto 2009, 17:39

Federica, non sempre scegliamo i compagni in base alle caratteristiche dei nostri genitori di sesso opposto. Nella sua vita ci sono esempi positivi dal punto di vista maschile? Certo la sua storia è comprensibilmente difficile e pesante, ma siamo qua ad ascoltarla ed a accoglierla, lei ha 23 anni e può anche non vederlo suo padre, ne ha tutto il diritto. La cosa più difficile da accettare anche quando la ferita si sarà cicatrizzata è che questa cosa sia successa; ma non tutti i ragazzi sono così, c'è sicuramente chi le potrà volere bene al di là del padre che ha avuto e lei in futuro non farà paragoni con il padre che ha avuto.
Se vuole ne discutiamo in mp.
Intanto cari auguri
Dott.ssa Rotolo

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”