Forse sono io quella sbagliata

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
alle75
Messaggi: 10
Iscritto il: 27 maggio 2006, 18:05

Forse sono io quella sbagliata

Messaggio da alle75 » 27 marzo 2012, 0:39

Temo che il vaso sia colmo e forse anche in procinto di traboccare! Ho 36 anni ho un compagno e due bellissimi bimbi. Viviamo in una mansarda sopra ai miei genitori e a mia sorella di anni 19.La mansarda è indipendente, ci si accede con ascensore, dal giardino e tramite una porta in casa dei miei genitori. Da 19 anni, sono praticamente completamente autosufficiente in tutto, perchè da quando è nata mia sorella, mia mamma si è praticamente sempre disinteressata di ogni cosa che mi riguardasse.....e se 17 anni mi pareva un privilegio fare quello che volevo oggi non lo apprezzo più....Riguardo a mio padre, lui ci ha sempre mantenuto dal punto di vista economico, ma non si è mai interessato e nulla, dalla scuola ai fidanzati allo sport che praticavamo...niente con lui non si è mai parlato di nulla....Risultato...io non ho più una famiglia.... Talvolta ho tentato di farlo notare a mia mamma, ma in pratica la risposta è "che io ho usufruito degli anni migliori con i miei genitori, mentre mia sorella poverina, ha solo mia mamma che si interessa a lei pertanto dovendo mia mamma fungere da madre e da padre, non ha spazio per altro".....Questo si è tradotto in una serie di spudorate differenze.....mia sorella basta che solo desideri qualcosa, che immediatamente mia mamma glie lo fa avere...e se questo si mi infastidisce, perchè credo che i figli vadano trattati equamente, quello che mi fa impazzire è che le differenze ci sono soprattutto sul piano sentimentale.....Vado spesso mia mamma spaccarsi in quattro per portarla ovunque lei vuole, per portarle a scuola il quaderno che ha dimenticato, per prepararle la cena alle 23 quando torna da pallavolo ( perchè guia farla arrangiare....lei è stanca poverina), accorrere appena lei chiama dalla sua stanza al secondo piano( perchè lei le scale non le fa mai) perchè ha voglia di un biscottino, telefonare a 10 librerie per procurarle dei libri e poi andarli a ritirare.....e potrei andare avanti per ore a scrivere le cose assurde che fa....E io in tutto questo.....quando sono rimasta incinta e l'ho comunicato a mia madre la prima cosa che mi è stata detta è " non pensare che io te lo guardi....comunque sono contenta" ( mia mamma è casalinga)....che dire..... mi si è spezzato il cuore....e in seguito ha continuato a spezzarsi.....in gravidanza ho avuto problemi di pressione e sono stata messa a riposo, in più ho una displasia alle anche e quindi non posso affaticarle......in 9 mesi non mi ha mai chiesto se volevo un'aiuto a fare la spesa, a pulire casa....al massimo mi avrà stirato un po di roba non + di 3/4 volte.....stesa cosa quando è nato il bambino....mi sono sentita completamente abbandonata ad aspettare la sera che tornasse Cristian, il mio compagno....Poi, non certo grazie allo strepitoso appoggio della mia famiglia abbiamo deciso di fare un secondo bimbo a distanza ravvicinata...la seconda gravidanza è stata ancora + pesante, sempre con problemi della gravidanza precedente e in + con Filippo di 1 anno, ho dovuto fare tutto quello che avevo fatto per la prima gravidanza, sempre sola, con in più Filippo sempre con me salvo quei giorni che di grazia non era ammalato e potevo portarlo al nido....Dato che anche questa volta nessuno si offriva di aiutarmi con la casa pur non navigando nell'oro il e l mio compagno abbiamo preso una signora che mi aiutasse con le pulizie....l'investimento migliore della mia vita...A un mese dal parto ho preso una forma influenzale molto pesante che mi ha debilitato addirittura a causa della tosse ho rotto due costole e la notte dal male non chiudevo occhio........ma niente....ero sempre sola, in casa con Filippo, mi sono ritrovata alcuni pomeriggi a piangere, per quanto mi sentivo stanca, pensando a mia mamma che magari era fuori a scorazzare con mia sorella per negozi....Nasce anche il secondo bambino e il copione è esattamente come il precedente......A lei non ho mai potuto chiedere nulla perchè quando le chiedo, sbuffa, brontola,mi fa pesare ogni cosa.....addirittura ho rischiato di perdere il lavoro, se non mi avessero dato il part time mi sarei dovuta licenziare perchè non sapevo come far quadrare gli orari con il lavoro...ma niente, lei pur sapendo che non ci possiamo permettere di perdere il mio posto a tempo indeterminato, non si è mai proposta di aiutarci, nemmeno temporaneamente.....anzi ha sempre tenuto a precisare che lei ha altri impegni.....Da quando sono tornata al lavoro, praticamente corro come una matta, sempre con tutti e due i bambini a presso....a lei chiedo il meno possibile, perchè quando chiedo è visibilmente scocciata o se mi fa un piacere spezzo poi me lo rinfaccia....
Ora poi mi è anche praticamente impedito l'ingresso in casa sua perchè mia sorella, riporto testuali parole " si sente defraudata della sua privacy" se io vado giù a trovarle, bussando alla porta che ci separa, anzi che facendo il giro da fuori.....o per meglio spiegare se vado giù a fare qualcosa per loro o a portare qualcosa di buono che ho cucinato , posso andare, ma se vado a fare un giretto, due chiacchere, ledo la privacy o mi sento un'ospite indesiderata.....
Sono triste, per me , ma soprattutto per i miei bimbi, che non mi spiego perchè quando vedono la nonna sono contentissimi e lei non gli dedica che 5/10 minuti al giorno, e tutte le volte sono tragedie, perchè Filippo, oggi 2 anni vorrebbe stare di più con la nonna, fare un giretto al parco, accompagnarla alla spesa.....ma lei gli dice sempre che non ha tempo....e lui piange sempre....e a me si spezza il cuore a vederlo piangere così dietro alla nonna....talvola sarei tentata di eviare di incontrarla..
Quando al lavoro sento le mie colleghe parlare con le mamme al telefono e sento quanti aiuti ricevono, mi sento male....se io solo potessi usufruire di un 5% di quegli aiuti la mia vita e quella dei miei bimbi sarebbe assai migliore....

Ho tentato di spiegare, ma la cosa è talmente complessa, avrei tanti di quegli esempi da riportare che potrei scrivere un libro.... Non è facile spiegarsi.....quello che posso dire è che tutto questo mi fa soffrire.....Delle volte penso che preferirei essere orfana, tanto non è che cambi molto rispetto alla mia attuale posizione, almeno se sei sola sai di dovertela cavare...

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”