FIGLIA NEMICA DELLA MAMMA

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
marilena
Messaggi: 1
Iscritto il: 9 dicembre 2013, 19:24

FIGLIA NEMICA DELLA MAMMA

Messaggio da marilena » 9 dicembre 2013, 20:13

Buonasera, sono una mamma di 56 anni e, mia figlia ne ha 27. Vi scrivo perche sono disperata e non so proprio cosa fare e come comportarmi nei confronti di mia figlia. E un po difficile spiegare e raccontare tutto cio che non va. Mi sento sola in quanto mio marito e padre della ragazza non muove un dito per risolvere il problema: Mi spiego:non riesco a dialogare con mia figlia, in quanto tutto cio che dico o che faccio lei contesta e fa sempre il contrario per non darmi soddisfazioni. . E laureata in economia aziendale e non trova lavoro, ma non lo cerca nemmeno. Trascorre le sue giornate nel letto, non partecipa alla vita familiare, non muove un dito, non collabora in casa, non pulisce la sua stanza, non mette a posto i suoi vestiti ecc. ecc. non fa nulla. Poi esce, va dalle amiche, amici, va a ballare e torna tardissimo a casa, pur sapendo che io mi preoccupo e che resto sveglia tutta la notte. E come se lei godesse del mio star male. Piu sto male e lei piu gode. Preciso che questo atteggiamento lo ha sempre avuto. Non si preoccupa nemmeno se dico che sto male con la schiena, con la pressione arteriosa ecc.ecc.. E disamorata, dispettosa ed egoista. Ha avuto due ragazzi, la prima relazione dai 16 a 21 anni e la seconda dai 21 ai 26 e le storie sono terminate sempre per sua volonta. Adesso dice che gli uomini non esistono piu e non ne vuole sentire parlare. Ama il padre perche, come ho detto prima, non interviene mai, mentre io invece cerco di intervenire e di far rispettare le regole. sono disperata, aiutatemi vi prego, consigliatemi come comportarmi, che fare .... <io le ho tentate tutte, con le buone, con le cattive, ma nulla da fare, sono sempre la sua acerrima nemica.
Scusate per la confusione, ma mettere per iscritto tutta la storia e difficilissimo.

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”