Pagina 1 di 1

con la religione mi hanno rovinato la vita!

Inviato: 16 dicembre 2014, 22:51
da valeria.agnello
Mi presento, mi chiamo Valeria sono una ragazza di 25 anni che ha un problema apparentemente stupido, che negl'anni è peggiorato.
Non scrivo per andare contro a quelli che in Dio magari ci credono, il problema infatti non è Dio sono le persone. Io aimè vivo in una famiglia fortemente (e magari di più) credente, protestanti per l’esattezza! e spiegare a parole come vivo io è difficile. Potrei segnare un’infinità di punti in cui non ho libertà ne di agire ne di pensare con la mia testa, tutto è risolvibile con un “nella Bibbia non c’è scritto” “Dio non lo dice” , anche la più semplice delle cose diventa la più complicata da spiegare ed io divento la figlia che nessuno vorrebbe,la delusione delle delusioni perchè in modo semplice mi affido a cio che è tangibile da cio che non lo è. Se non passo un esame è perchè non credo, se tampono con la macchina è perchè non credo, se fumo è perchè non credo e sono influenzata da spiriti malvagi, se ho un’inclinazione a volermi fare tatuaggi è perchè non credo e perchè sono influenzata da spiriti malvagi, anche mettersi una maglia nera diventa un pretesto per sentirmi dire cose simili. Uscire la sera e frequentare persone mie coetanee è difficile perchè mi viene fatto il terzo, quarto e quinto grado su chi sono e cosa fanno, ridivento la delusione perchè non frequento “quelli della chiesa” ma la gente che sta nel mondo (così vengono chiamati i non credenti) lo stare a casa è inferno vero! Non quello con cui la mia famiglia minaccia le mie cattive azioni, che sono poi uscire la sera,vedermi con gli amici e ascoltare musica rock. A conti fatti ormai per mia personale esperienza affermo che la religione rende pazzi, completamente esaltati,e bigotti!

spesso bramo il poter stare sola, vivere sola, avere libertà di pensiero che in casa natia non ho. E mi dispiace per i miei familiari che anteponendo le loro follie cristiane alla ragion d’essere hanno perso l’unica figlia che avevano, e ormai mi hanno persa da tempo, ormai come automa abbasso la testa e continuo a ripetermi che presto finirà, presto molto presto finirà! E non ci sarà più come tornare indietro come risanare anni di torture psicologiche di ingiurie di “fai schifo” di “non volevo una figlia come te, ma una come la figlia di….” di “sei pazza, sei indemoniata” di ” dove abbiamo spagliato con te?” e magari a sentirli parlare anchi’io mi meraviglio su quale mostro loro descrivano. Poi mi guardo allo specchio e mi vedo la più normale delle normali, una che non beve troppo ed capace di regolarsi per tornare a casa intera, una che fuma ma per disperazione, una che studia all’università e cerca di farsi un futuro, una che la sera non entra in nessuna discoteca che non ha conosciuto mai la parola droga, che non si è mai dovuta preoccupare di fare test di gravidanza, una che guarda film e legge libri fantasy,che esce solo poche volte alla settimana per regolarsi con i soldi….questo sono! no punk, no metallara, no gotica niente di tutto ciò eppure vivo in una casa dove per i miei sono un mostro, un’appestato e ciò mi porta a pensare a quale soluzione posso adottare almeno momentaneamente, per lenire la prigionia a parole ci tento da tempo ma è come se i loro cervelli siano entrati in letargo, ed io non ho più una soluzione tangibile! magari scrivendo qui qualcuno può dirmi che cosa fare e soprattutto se sono matta io o il resto che mi gravita intorno!

Io non sono un credente e su questo ho avuto la mia condanna!