pessimo rapporto con i miei genitori

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
garzantino
Messaggi: 1
Iscritto il: 5 giugno 2007, 22:52

pessimo rapporto con i miei genitori

Messaggio da garzantino » 5 giugno 2007, 22:54

sono un ragazzo di 16 anni e ho un pessimo rapporto coi miei genitori.
i rapporti tra di noi hanno avuto sempre degli alti e bassi come tutte le famiglie credo, ma l'anno scorso verso la fine della scuola è incominciato "l'inferno", ovvero una difficoltà di comunicazione che è sfociata in qualche episodio isolato di violenza dai genitori verso di me e di me verso di loro come reazione. ma la cosa più rilevante della situazione sono stati i sette mesi successivi in cui ci si vedeva non più di un ora al giorno (nei pasti) nella quale vigeva silenzio o litigi di urla e insulti.
verso dicembre si era incominciato a ritrovare un equilibrio che è durato fino a qualche giorno fa in cui le liti sono ricominciate.
gli argomenti delle discussioni sono per lo più insulsi, si inizia da un punto qualsiasi arrivando alla loro aggressione verbale che ne consegue la mia reazione di parole o non parlando e non guardandoli in faccia per giorni, settimane o mesi.
l'inizio di una discussione può essere qualunque cosa come un opinione su una pietanza o l'orario di ritorno a casa alla sera. ma ne consegue una serie di insulti, urla, illazioni che il più delle volte non hanno una congruenza logica.
essendo figlio unico ed essendo loro molto uniti si trova la situazione di -me contro loro- e ogni discussione rinforza il loro rapporto .
l'unica accusa logica che mi viene attribuita è quella di utilizzare troppo il pc come se mi volessi rifugiare in esso.
dopo aver cercato di chiedere motivazioni su questa aggressività nei miei confronti mi è stato risposto che loro sono degli ottimi genitori e sono io ad essere aggressivo, pensare di aver ragione su tutto e a disobbedire a quello che mi dicono.
riguardo alla scuola in questo anno ho avuto un periodo buio causato soprattutto dalla salute che non mi ha permesso di studiare molto, ma dopo essere guarito sono riuscito impegnandomi molto a recuperare ogni voto e ad essere promosso con tutti voti superiori al 6.
l'unica motivazione che mi viene in mente è che questa loro aggressività possa essere un inconscio tentativo comunicazione dato che l'unica cosa che condividiamo sono il prazo e la cena.
loro hanno un negozio che li impegna oltre 8 ore al giorno che non frequento molto.
i giorni di festa che potrebbero essere in cui condividere qualcosa li passiamo separatamente per interessi differenti.
in sostanza l'unica cosa che condividiamo sono queste liti.
davanti a questa situazione che si ripete non so come comportarmi.

chiedo un opinione soprattutto ai genitori del forum e agli psicologi.

anneglider
Messaggi: 6
Iscritto il: 7 dicembre 2007, 6:05

Messaggio da anneglider » 8 dicembre 2007, 17:33

Ciao garzantino,
mi dispiace molto della tua situazione. L'unica cosa che vorrei chiederti è se appunto nel periodo indicato da te come l'origine di questo brutto momento è successo un episodio particolare che ha portato a questa ostilità, o come la chiami tu "violenza"...
Vorrei anche capire se il fatto che voi vi vediate poco è una cosa recente o è sempre stato così. Da ciò dipende tutta l'interpretazione dei fatti.

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”