che ne pensate?

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 24 aprile 2008, 19:08

Twilight ha scritto: guarda che se anche avessi il 150% della ragione un comportamento così è pesantissimo..rischia di ritorcertisi contro...
Si, forse utilizzi un modalità poco efficace di comunicargli il tuo fastidio e disappunto, anche se... si può anche essere arrabbiati! Trovo poco rispettosa la risatina del tuo compagno, dal momento che conosce il disagio che provi trovandoti in una simile situazione.
Pur considerando inadeguata l'educazione che impartisce al figlio (e mi trovi perfettamente d'accordo!), non penso che sia compito tuo intervenire. Come dice twilight, sarebbe meglio se trovaste altre occasioni o luoghi per incontrarvi..
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 24 aprile 2008, 20:00

invece il mio compagno ha chiarito parecchie cose col figlio anche stavolta, sia x il sesso sia x come rispose una volta alla nonna sia x me che l'altra sera sono andata via da casa sua sia xkè ha preso una nota a scuola x una volta che ci è andato. allora se dovessi andare a convivere dovrei stare sempre zitta e sentirli fare sesso e magari stare zitta pure se abbiamo ospiti e li sentono fare sesso.
Immagine

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 24 aprile 2008, 20:02

forse non capite che io ho sottolineato la mancanza di ricerca da parte loro di momenti solo x loro, intimi, privati in cui tutti poi possiamo essere veramente liberi fino in fondo anche di camminare nudi x casa senza sorprese di genitori, nonne e via dicendo che arrivano all'improvviso. chissà se li vedo nudi x il corridoio o in cucina se a loro fa piacere, se sono a loro agio....
Immagine

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 24 aprile 2008, 20:03

o forse non è chiara a nessuno qui la differenza tra sesso in quanto atto e sessualità in quanto modo di esprimere se stessi.
Immagine

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 25 aprile 2008, 10:21

orchidea ha scritto:invece il mio compagno ha chiarito parecchie cose col figlio anche stavolta
Bene, allora non dovrebbero più esserci problemi, no!?
allora se dovessi andare a convivere dovrei stare sempre zitta
Non lo so, sta a te capire quanto sia opportuno intervenire nell'educazione di suo figlio e quanto sia facile una convivenza a tre.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 26 aprile 2008, 12:55

forse il padre è un po' assente... il padre a 13 anni già faceva sesso x lui è normale tutto
Immagine

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 26 aprile 2008, 13:28

io vorrei solo che al sesso venisse data + importanza, + valore e che non fosse sminuito o fatto come esercizio fisico tanto + che si rischiano malattie e gravidanze se uno/a non è informato ed esperto
Immagine

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 26 aprile 2008, 13:35

orchidea ha scritto:io vorrei solo che al sesso venisse data + importanza, + valore e che non fosse sminuito o fatto come esercizio fisico tanto + che si rischiano malattie e gravidanze se uno/a non è informato ed esperto
Lo so, ma non puoi "convertire" il figlio del tuo compagno, non è compito tuo. Io credo solo che tu possa accettare o non accettare questa situazione. Nel primo caso prendi atto che lui ha una concezione del sesso diversa dalla tua, pur non condividendola e non approvandola.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 26 aprile 2008, 14:17

io penso che a 29 anni non posso sempre ingoiare e stare zitta a guardare, penso di aver diritto a dire la mia tanto + se poi un giorno dovessi andare a vivere dal mio compagno.
Immagine

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 26 aprile 2008, 15:21

Puoi dire la tua, ma non avere la certezza o la presunzione che le tue parole possano determinare un cambiamento degli altri,a maggior ragione se si tratta di un nucleo famigliare già formato, consolidato, in cui sei tu a rappresentare l'elemento esterno.
Continua a parlare con il tuo compagno, come hai già fatto, esprimi i tuoi dubbi, le tue diffcoltà. Non credo ci sia altro da fare.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 26 aprile 2008, 17:28

infatti è quello che faccio. col figlio non ho mai detto nulla nemmeno sulle cose meno importanti
Immagine

Dott.a M.Pichi
Messaggi: 134
Iscritto il: 2 novembre 2004, 19:44
Località: Roma

Messaggio da Dott.a M.Pichi » 29 aprile 2008, 11:13

Quando ci si lega a qualcuno (uomo o donna che sia) che ha alle spalle una ex famiglia e soprattutto dei figli bisognerebbe essere pronti solo a sostenere l'altro nelle eventuali difficoltà piuttosto che criticarlo per delle scelte che forse mirano a non deteriorare il legame con il figlio.
Non so se davvero sia giusto dire la propria opinione perchè il rapporto tra padre e figlio è esclusivamente loro; lei è - come ha detto novembre -l'elemento esterno e quindi forse sarebbe più utile che lei si chiedesse se sarà in grado di gestire la relazione con il suo compagno - in presenza di questo figlio che a lei, per molti motivi, non piace affatto - perchè in caso contrario questo potrebbe diventare motivo di rottura tra voi.
Dott.ssa Maria Pichi

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 29 aprile 2008, 14:00

infatti non ho intenzione di convivere con lui x almeno i prossimi due anni. e comunque credo che non avrò nemmeno figli, lui ce l'ha già uno e ha già troppi anni x farne un altro. e comunque la mia famiglia non accetta questa storia.
Immagine

Avatar utente
ricciolina
Messaggi: 873
Iscritto il: 19 luglio 2007, 10:59

Messaggio da ricciolina » 29 aprile 2008, 16:17

e comunque la mia famiglia non accetta questa storia.
questo non mi stupisce da quello che ci hai raccontato, ma mi dispiace per te che dai ancora così tanta importanza a quello che vuole o non vuole tua madre per te.

orchidea
Messaggi: 750
Iscritto il: 14 dicembre 2005, 20:15
Località: italia

Messaggio da orchidea » 29 aprile 2008, 16:31

vista tutta la situazione sono anche io che non voglio. se era x il mio compagno ero andata a convivere già dopo 3-4 mesi che ci stavo insieme.
Immagine

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”